Al via la quinta edizione del “Bando delle Idee” promosso da Provincia di Roma e Legambiente Lazio e rivolto ai 59 piccoli Comuni della Provincia

Al via la quinta edizione del “Bando delle Idee” promosso da Provincia di Roma e Legambiente Lazio e rivolto ai 59 piccoli Comuni della Provincia

BENE IMPEGNO DI PALAZZO VALENTINI IN GRAVE MOMENTO DI CRISI I PROGETTI VANNO PRESENTATI ENTRO IL 21 GENNAIO 2011

Pubblicato oggi dalla Provincia di Roma l’avviso pubblico per la quinta edizione del “Bando delle Idee”, il concorso realizzato in collaborazione con Legambiente Lazio, che permette ai 59 piccoli Comuni (con meno di 5.000 abitanti) di presentare e vedere finanziati progetti per la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale presente sul proprio territorio. “L’impegno della Provincia di Roma, che investe in questa quinta edizione del Bando delle Idee ben 260 mila euro, è davvero prezioso –ha sottolineato la direttrice di Legambiente Lazio, Cristiana Avenali, partecipando alla presentazione del Bando– L’idea nata dalla campagna di Legambiente Voler Bene all’Italia è cresciuta nel tempo, ma è ancor più fondamentale in un periodo di crisi che vede prime vittime dei tagli proprio i Comuni più piccoli, che rischiano il venir meno di servizi ubblici fondamentali. Investire sul territorio, sulla qualità, sulla sostenibilità è la scelta giusta per uscire dalla crisi economica e ambientale e siamo sicuri che anche questa volta ci sarà una grande partecipazione al bando, a riprova del fatto che la forza identitaria e la difesa della cultura e dell’ambiente del nostro Paese trovano preziosa linfa nelle comunità di questi piccoli borghi, che spesso vengono decantati a parole quanto lasciati privi di sostegni concreti”.

I progetti vanno presentati entro il 21 gennaio 2011 e possono essere avanzati non solo dalle Amministrazioni comunali, ma anche da Proloco, Comunità montane, Unioni di Comuni, Associazioni, Fondazioni, Comitati, Cooperative sociali e Istituzioni scolastiche. Nelle quattro scorse edizioni sono stati presentati in totale oltre 300 progetti e ne sono stati “premiati” ben 64. Le aree di intervento prevedono: iniziative per la promozione ambientale e la fruizione delle aree verdi; iniziative per l’incremento del risparmio energetico e al potenziamento dell’uso di fonti rinnovabili; iniziative per l’incremento dell’offerta turistica e del tempo libero; proposte per la valorizzazione e promozione dei beni culturali; iniziative per l’incremento di colture biologiche e alla stimolazione dell’attenzione dei consumatori nei confronti dei prodotti naturali e a basso o nullo impatto; proposte di valorizzazione e promozione dei prodotti tipici locali e dell’artigianato; progetti tesi a superare il divario nell’accesso reale alle tecnologie dell’informazione.

SCARICA IL PDF

Comments are closed