Anche Legambiente alla “Notte dei Fori” per festeggiare il primo passo verso la pedonalizzazione

Anche Legambiente alla “Notte dei Fori” per festeggiare il primo passo verso la pedonalizzazione

Anche Legambiente alla “Notte dei Fori” per festeggiare il primo passo verso la pedonalizzazione

Anche Legambiente sarà alla “Notte dei Fori” domani, sabato 3 agosto dalle ore 21:30, per festeggiare il primo passo verso la completa ciclo-pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Con lo striscione “Fori pedonalizzati, il futuro che vogliamo” i volontari del cigno verde
parteciperanno al corteo delle istituzioni che da Largo Corrado Ricci raggiungerà il Colosseo.

“Quella per la pedonalizzazione dei Fori Imperiali e di tutta l’area del Colosseo è una battaglia storica di Legambiente, per questo saremo in prima fila per festeggiare con soddisfazione un importante punto di partenza –ha dichiarato Maurizio Gubbiotti, Coordinatore della Segreteria Nazionale di Legambiente-. Siamo soddisfatti della strada intrapresa dal Sindaco Marino e continueremo a supportarlo con il nostro contributo tecnico e di idee per arrivare tra pochi mesi alla realizzazione del parco archeologico più grande del mondo.”

Per tutti coloro che vogliono sfilare con i volontari di Legambiente, l’appuntamento è alle ore 21 all’incrocio tra via Cavour e via dei Fori Imperiali (Largo Corrado Ricci). “Legambiente sostiene l’avvio della ciclo-pedonalizzazione dei Fori Imperiali e rilancia quattro mosse per arrivare subito alla chiusura completa dell’area al traffico a motore – afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. All’Amministrazione capitolina chiediamo l’installazione di un varco elettronico su Via Cavour per dare certezza al provvedimento di limitazione del traffico e avviare una ZTL estesa, la ciclo-pedonalizzazione dell’intera Via dei Fori anche il sabato per l’intera giornata e del tratto da Via Cavour a Piazza Venezia nei giorni feriali dalle 10 alle 14, oltre che la riorganizzazione del trasporto pubblico per migliorare la fruibilità dell’area, con la verifica di un progetto tranviario compatibile con i futuri scavi nell’area.”

SCARICA IL PDF

Comments are closed