Bando delle Idee, Legambiente: inaugurati pannelli sentiero Castel San Pietro Romano.

Bando delle Idee, Legambiente: inaugurati pannelli sentiero Castel San Pietro Romano.

Grande festa a Castel San Pietro romano, per l’inaugurazione dei pannelli informativi lungo il sentiero escursionistico storico naturalistico “La Valle de “Le Cannucceta”, realizzati grazie al Bando delle idee di Legambiente Lazio e Provincia di Roma. Un’iniziativa che ha visto protagonisti gli alunni della scuola
elementare “Iacopone da Todi”.

“Una nuova realizzazione concreta del Bando delle Idee, che Legambiente organizza con la Provincia di Roma per premiare progetti di valorizzazione dei territori dei Comuni più piccoli dell’area metropolitana -afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio, intervenuta all’iniziativa-. Questo progetto ha puntato a rafforzare l’identità territoriale dei ragazzi, che rappresentano il futuro di questi paesi, facendo
loro approfondire le conoscenze sul territorio, fino a scrivere loro stessi le storie e realizzare i disegni sui pannelli. Un progetto in rete che segue ad altre iniziative premiate nei Comuni vicini, puntando sulle bellezze di queste aree.”

Nella Provincia di Roma si contano 58 Comuni con meno  di 5.000 abitanti: sono i Piccoli Comuni, centri poco conosciuti del territorio provinciale, fatto di zone di pregio naturalistico, parchi e aree protette. Pur essendo custodi di uno straordinario patrimonio di arte, cultura, prodotti tipici, tradizioni e saperi, i
Piccoli Comuni sono, nella stragrande maggioranza dei casi, afflitti da spopolamento, carenza di servizi, scuole, strutture sanitarie.

Per assicurare un futuro a questa parte del Paese, Legambiente promuove la campagna nazionale di PiccolaGrandeItalia, in cui si inserisce il Bando delle Idee, giunto alla sesta edizione, pensato da Legambiente Lazio insieme alla Provincia di Roma, come uno strumento per dare la possibilità alle Amministrazioni Comunali, alle Associazioni, a tutti i soggetti che operano e vivono nei Piccoli Comuni di puntare alla rivalutazione del loro territorio, per ripartire dalle identità locali, dalla difesa della terra e dei suoi prodotti tradizionali, affinché non esistano aree deboli, ma comunità messe in condizione di competere.

SCARICA IL PDF

Comments are closed