Dopo il blitz di Legambiente, sparito il maxi cartellone sulla Salaria ma ora vadano via anche le due plance collocate nel parco

Dopo il blitz di Legambiente, sparito il maxi cartellone sulla Salaria ma ora vadano via anche le due plance collocate nel parco

Dopo il blitz di Legambiente è sparito finalmente il maxi cartellone sulla Via Salaria. Alla fine dello scorso anno i volontari di Legambiente Lazio e del Circolo Legambiente “Sherwood”  avevano imbustato e oscurato, con un telo con la scritta “Abusivo”, un cartellone maxi-size delle dimensioni di 9 metri per 3, installato sul bordo della Salaria, poco prima dello svincolo per Prati Fiscali. Un manifesto tre volte fuorilegge, per le dimensioni -quelle massime consentite sono di 4 per 3-, per la posizione all’interno della Riserva Naturale della Valle dell’Aniene -contravvenendo così al tassativo divieto di pubblicità nei parchi- e nel bel mezzo di molteplici incroci. “Festeggiamo una prima vittoria dopo il blitz e l’esposto di Legambiente, ma ora devono essere eliminate anche le due plance che rimangono fuorilegge perché sono dentro alla Riserva dell’Aniene e nel bel mezzo di un incrocio -hanno dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Ora aspettiamo anche un intervento, che ancora invece non è arrivato, sull’ecomostro pubblicitario di piazzale del lavoro, un mega cartellone da 160 metri quadri. Mentre la Procura indaga, nelle prossime settimane continueremo, con comitati e associazioni, la battaglia contro questi mostri per destare il Comune di Roma da un’inerzia ingiustificabile e soprattutto arrivare all’approvazione del piano regolatore degli impianti pubblicitari, che fissi regole precise e batta l’illegalità.”

SCARICA IL PDF

Comments are closed