Legambiente: stop a pacchetto delibere urbanistiche Alemanno

Legambiente: stop a pacchetto delibere urbanistiche Alemanno

Legambiente: stop a pacchetto delibere urbanistiche Alemanno

L’ordine del giorno della seduta della Giunta comunale registra l’arrivo in aula di quattro delibere, tra le altre, che non soltanto agiscono in variante del P.R.G. vigente, ma soprattutto fanno lievitare i numeri del piano regolatore in termini di dimensionamento.

Ci riferiamo alla proposta n. 31 compensazione “Piccola Palocco” che prevede 400.000 metri cubi nell’area di Infernetto – Macchione, area secondo il P.R.G. vigente disciplinata quale agricola. E’ vero che è una compensazione già disciplinata dal piano delle certezze nella tabella A, poiché riferita all’E1 Casal Giudeo ed al G3 Ponte Fusano. Il punto è che l’atterraggio di questa compensazione avviene in area agricola, cosa questa che conferma l’intenzione di questa amministrazione di avviare una politica  urbanistica basata sulla cementificazione dell’Agro.

La seconda delibera incoerente con il P.R.G. vigente è la proposta n.70 inerente la nuova compensazione non prevista dal P.R.G. vigente relativa all’area di Santa Fumia nel Municipio XII. Tale compensazione ha quale area di atterraggio via di Brava e questa delibera ha per oggetto 140.000 mc ed assomiglia ad un vero e proprio regalo di Natale in cubatura: ovvero sia un uso dello strumento compensativo soltanto per distribuire metri cubi. La proposta n.59 ha invece per oggetto la cosiddetta “densificazione” dei venti piani di zona già disciplinati dal P.R.G. vigente. Il punto è che la cosiddetta densificazione per questa amministrazione vuol dire crescita edificatoria poiché il nuovo dimensionamento dei piani di zona elencati in delibera corrisponde a un aumento di cubatura pari a 641.000 mc.

Infine la proposta n.129 riguarda indirizzi per la riqualificazione dei mercati comunali di via Chiana (quartiere Trieste), via Antonelli (Parioli), via Magna Grecia (San Giovanni – Latino – Metronio). Si tratta in sostanza della realizzazione di parcheggi interrati in deroga alle N.T.A. del P.R.G. vigente, poiché tutti gli ambiti citati ricadono nei 7.000 ettari costituenti la Città Storica così come disciplinata dal nuovo P.R.G.

“Domani in Assemblea capitolina comincia la campagna elettorale del Sindaco Alemanno con le delibere urbanistiche che portano metri cubi in tutta la città -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. I consiglieri di maggioranza e opposizione devono bloccare questi scempi, tutti in variante del piano regolatore già enorme della città di Roma, il cemento non è il futuro della Capitale.”

SCARICA IL PDF

Comments are closed