Malagrotta: apertura fascicolo in Procura, conferma che situazione è grave e preoccupante.

Malagrotta: apertura fascicolo in Procura, conferma che situazione è grave e preoccupante.

Contro nuovo piano discariche, Legambiente aderisce alla manifestazione a Riano

Appuntamento sabato 24 settembre alle ore 10 a Riano

“L’apertura di un fascicolo per omicidio colposo da parte della Procura, conferma che la situazione a Malagrotta è grave e preoccupante – afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. In questi anni abbiamo lanciato con il Comitato di Malagrotta molti allarmi sull’impatto ambientale in quell’area, dove si concentrano impianti industriali che determinano significative emissioni. Oltre alle analisi fatte autonomamente, è stata poi l’ARPA Lazio a evidenziare dei valori ben al di fuori delle norme nelle acque, per alcuni importanti inquinanti, metalli pesanti soprattutto. Serve una riduzione di quegli impatti, ma nemmeno si può pensare solo di spostare il problema altrove a Fiumicino, Riano o chissà dove. Il commissariamento, in tal senso, è ulteriormente dannoso, toglie responsabilità agli enti locali e rende impossibile il confronto con i cittadini su un tema così importante, restringendo i tempi e le modalità delle procedure.”

Contro il nuovo piano delle discariche della Regione Lazio, Legambiente aderisce alla manifestazione fissata per domani, sabato 24 settembre, a Riano promossa dal Comitato Rifiuti Zero Riano e sostenuta da quello di Fiumicino. All’iniziativa parteciperà il Circolo Legambiente di Castelnuovo di Porto.

“Dopo decenni nei quali a Roma e nel Lazio i rifiuti sono stati conferiti per oltre l’80% in discarica, sarebbero davvero nefasti gli effetti del nuovo piano regionale – afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Per superare Malagrotta non basta individuare numerosi siti per discariche e inceneritori, tra i quali quelli di Riano e Fiumicino, ma serve piuttosto una nuova strategia per la raccolta differenziata, la riduzione e il riuso, con azioni concrete e investimenti.”

SCARICA IL PDF

Comments are closed