Nuovo “Piano Casa”, Legambiente: è edilizia creativa va ritirato. Presidio di Legambiente Lazio di fronte a Consiglio regionale.

Nuovo “Piano Casa”, Legambiente: è edilizia creativa va ritirato. Presidio di Legambiente Lazio di fronte a Consiglio regionale.

“Il nuovo piano casa è il trionfo dell’edilizia creativa, sventra parchi e aree vincolate, aree agricole, inventa centri sportivi e piscine, allarga cave e prevede impianti sciistici. Non c’entra nulla con il diritto all’abitare, va ritirato e basta” -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. Per protestare stamattina Legambiente Lazio ha tenuto un presidio di fronte alla sede del Consiglio regionale, con uno striscione “No al cemento”. Con una casa in cartone davanti all’ingresso della Pisana con un cartello “Condonate pure questa!” Legambiente ha voluto ribadire la contrarietà alle norma per la definizione delle domande di condono che nascondono una nuova sanatoria per vecchi abusi edilizi ed eliminare dall’ambito di applicazione del piano gli edifici condonati.

Nessun rispetto per le aree agricole, assalto ai parchi, strambe e pericolose attestazioni per il condono edilizio, centri storici ed edifici vincolati a rischio ma anche danni per le piccole imprese. C’è di tutto un po’ nella proposta di piano casa dell’Assessore Ciocchetti, con una sola parola d’ordine: niente regole per  costruire e premi per tutti.“Basta con lo sfascio del territorio, nel Lazio bisogna rispondere alle vere domande dei cittadini, al fabbisogno di casa e al diritto all’abitare, alla riqualificazione delle periferie e alla cura dei quartieri nati male, alla necessità di spazi per le piccole imprese, riscoprendo l’interesse pubblico
dell’urbanistica, non distribuendo a pioggia inutili cubature” -dichiara Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio.

SCARICA IL PDF

Comments are closed