Proseguono i passi per la pedonalizzazione del Tridente Mediceo di Roma con i nuovi divieti che saranno a regime il prossimo 20 ottobre.

Proseguono i passi per la pedonalizzazione del Tridente Mediceo di Roma con i nuovi divieti che saranno a regime il prossimo 20 ottobre.

Legambiente “Ancora un passo importante ma, per restituire a Roma tutta la sua bellezza, il comune attui gli interventi necessari alla riduzione del traffico e all’aumento del servizio di trasporto pubblico”

Da oggi inizia una ulteriore fase sperimentale che sarà a regime tra una settimana, in cui si parla di pedonalizzazione ulteriore di alcune aree del tridente dopo quanto già è stato avviato lo scorso agosto. Saranno progressivamente liberate dal traffico privato alcune delle strade e delle piazze più importanti di Roma, fin’ora percorribili con permessi ZTL, come via dei Condotti o Piazza di Spagna. Legambiente sostiene il nuovo passaggio ma chiede al sindaco di ingranare una velocità nuova per liberare il centro dalle auto.

“Buona la scelta di liberare il Tridente dal traffico, ma va fatto velocemente – commenta Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio – bisogna infatti forzare i tempi per avviare un recupero della qualità della vita e della bellezza di Roma, che ha subito per troppi anni l’invasione del traffico. Deve avviarsi nella capitale una nuova fase fatta di rilancio dei mezzi pubblici e allontanamento delle auto dal centro, progressivo ma deciso. Contemporaneamente vanno avviati processi partecipati con la cittadinanza che portino alla chiusura al traffico di tutto il centro storico, all’ampliamento delle ztl, all’individuazione di aree pedonali in ogni municipio ed in ogni quartiere e, immediatamente, bisogna liberare tutta l’area del Colosseo e dei Fori dal traffico, un provvedimento che seppur annunciato ed avviato, è ancora lontano a divenire realtà. Liberare il Colosseo dalle auto sarebbe veramente un messaggio al mondo intero, un autentico, nuovo e stupendo biglietto da visita per Roma”.

Dopo che Legambiente, lo scorso 25 giugno, aveva visto finalmente approvata la sua delibera di iniziativa popolare firmata da più di 6.400 romani, il comune ha avviato la pedonalizzazione dei Fori al sabato, proprio come chiesto dall’associazione ambientalista; adesso, per gli attivisti del cigno verde, è ora per di concludere l’iter previsto dalla delibera, liberando l’Anfiteatro Flavio dallo sciagurato ruolo di spartitraffico a cui per troppi anni è stato relegato.

Comments are closed