Rifiuti: Legambiente chiede che il tavolo del Ministero sia allargato alle parti sociali, associazioni e comitati

Rifiuti: Legambiente chiede che il tavolo del Ministero sia allargato alle parti sociali, associazioni e comitati

“Il tavolo convocato al Ministero dell’Ambiente per discutere del “Programma straordinario per Roma” per la gestione dei rifiuti, deve avere obiettivi più ambiziosi per la differenziata e deve essere allargato alle parti sociali, ad associazioni e comitati, per cambiare strategia anche nel coinvolgimento dei cittadini -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Per la prima riunione, convocata per domani 4 aprile, “Le richieste di Legambiente sono su tre punti -continua Parlati-. Via i cassonetti dalle strade di Roma: Legambiente chiede che sia abbandonato immediatamente l’assurdo sistema di raccolta mista con cassonetti e camioncini per l’organico perché prevede costi enormi, vista la necessità di impiegare persone ferme per ore e ore per strada, e ha risultati pessimi, visto che i cassonetti rimangono comunque nelle vie della città. Si deve passare ad una raccolta domiciliare, porta a porta, come avviene a Torino, Salerno e in 1.290 Comuni italiani”.

“Vanno inoltre ridotti i quantitativi di rifiuti prodotti, e sarebbe positivo in tal senso mettere in campo la sperimentazione di un meccanismo di cauzione per alcuni contenitori di vetro, plastica o alluminio ma anche con vendita di “prodotti alla spina” con accordi specifici con i distributori. Ad esempio, per detersivi e detergenti per il consumo domestico, ma anche per cibo secco per animali, prodotti secchi per prima colazione, caffè, pasta vari formati, riso di vario tipo, spezie miste, frutta secca, legumi…”.

“Infine, siamo nettamente contrari a qualsiasi aumento di tariffe -conclude Parlati-. L’AMA ha  ricavato per conto del Comune di Roma ben 630 milioni di Euro dalle bollette dei cittadini nel 2011, soldi più che abbondanti per gestire i rifiuti dei romani con il migliore dei sistemi possibili”.

SCARICA IL PDF

Comments are closed