Sabbia dai rubinetti, Legambiente: preoccupa mancanza informazioni certe

Sabbia dai rubinetti, Legambiente: preoccupa mancanza informazioni certe

“Preoccupa la cosiddetta sabbia nell’acqua dei rubinetti di molti cittadini del nord di Roma ma preoccupa ancor di più la mancanza di informazioni certe dopo mesi di segnalazioni e allarmi -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Come può il gestore del servizio lasciar soli i cittadini di fronte al problema oppure semplicisticamente dire loro che si tratterebbe di “calcare”, come è avvenuto a Santa Marinella? E anche le prime analisi lasciano spazio a molti dubbi, quando parlano di ‘sedimento tipizzato come carbonato di calcio’ o di materiale ‘sabbioso-terroso’. Nelle prossime ore valuteremo con le associazioni locali di Aranova, Formello, Ostia come sostenere le azioni già da loro intraprese e per tutelare il diritto all’acqua pulita per tutti i cittadini. Tutto ciò è ancor più stupefacente dopo i referendum di qualche mese fa, che hanno evidenziato con grande chiarezza l’attenzione che i cittadini hanno per l’acqua e per i servizi pubblici, chiedendo a ragione che anche la gestione di risorse come queste torni saldamente in mano pubblica.”

Secondo i più recenti dati, di Ecosistema Urbano di Legambiente, anche nell’area romana le reti sono colabrodo e questo potrebbe forse essere connesso alla sabbia nei rubinetti: le perdite di rete si attestano al 27% dell’acqua immessa in rete, ma considerando le perdite per chilometro di rete si arrivano a contare ben 68 metri cubi (fonte blue book e Mediobanca).

SCARICA IL PDF

Comments are closed