Villa Borghese, Legambiente: rimuovere pedane per il concorso ippico sopra lecci e pini secolari.

Villa Borghese, Legambiente: rimuovere pedane per il concorso ippico sopra lecci e pini secolari.

Villa Borghese, Legambiente: rimuovere pedane per il concorso ippico sopra lecci e pini secolari. Esposto a Soprintendenze e Comune. Basta assurde manifestazioni commerciali nell’area.

In allegato le foto delle installazioni Con un nuovo sopralluogo, Legambiente torna ad accendere i riflettori su Villa Borghese. Tra i molteplici e troppo estesi spazi commerciali del Concorso ippico di Piazza di Siena, ci sono alcune pedane poste proprio sopra dei lecci storici, oltre che invasive tribune costruite sopra le siepi di bosso.

“Che fa la sovraintendenza? Un’installazione di questo tipo di certo non può essere stata autorizzata, deve essere rimossa subito -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Legambiente, in questi giorni, sta tenendo sotto stretto controllo la Villa, visti i lavori in corso per il drammatico abbattimento dei pini che sta vedendo come previsto un contestuale positivo reimpianto di nuovi alberi, ma mai ci saremmo aspettati tanta nonchalance da parte degli organizzatori del concorso ippico rispetto ad alcune installazioni. Non ci si può stupire se le alberature e le siepi di bosso di Villa Borghese si indeboliscono, soppiantate e maltrattate da pedane e tribune allestite. Se lo storico Concorso vuole rimanere a Piazza di Siena deve dismettere la proliferazione di stand, luci e brillantini, bisogna smetterla con manifestazioni commerciali in una delle aree più belle e vincolate della Capitale. Presenteremo oggi stesso un esposto alle Soprintendenze e al Comune per chiedere l’immediata rimozione del lungo gazebo e delle tribune in questione.”

Sotto accusa, in particolare, un lungo gazebo che ha il pavimento in legno costruito attorno ai lecci, con dei buchi che contornano i tronchi delle alberature, oltre che una parte delle tribune
centrali realizzate a cavallo delle siepi di Piazza di Siena.

SCARICA IL PDF

Comments are closed