Visita guidata in abiti d'epoca al Castello, degustazione di prodotti locali

Visita guidata in abiti d’epoca al Castello, degustazione di prodotti locali

Visita guidata in abiti d’epoca al Castello, degustazione di prodotti locali, un convegno e attività di laboratorio per i più piccoli: a un mese da Rio+20, ricco programma per Castelli di Pace nel Lazio, Domenica 22 luglio a Sambuci (Rm)

Per i partecipanti, pullman da Roma, info line 06/85358051/77

Costumi d’epoca per una speciale visita guidata nelle sale restaurate del Castello Theodoli, degustazione di tartufo nero locale “scorzone” e di altri prodotti tipici accompagnati dal vino Cesanese di Affile Doc, laboratori per intrattenere i più piccoli, concerto della banda musicale, escursione presso le rive del fiume Giovenzano e un convegno sullo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 Legambiente organizza, grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale, della cooperativa “Il Betilo s.r.l.” e di altre associazioni, un ricco programma per “Castelli di Pace nel Lazio”, che Domenica 22 luglio animerà lo splendido borgo di Sambuci, a pochi chilometri da Roma.

Il piccolo borgo medievale di Sambuci (Rm), 933 abitanti e una superficie di 8,23 kmq a 460 di altitudine, sorge sopra un’altura lungo la valle del Giovenzano nel punto in cui il torrente, chiamato anche Fiumicino, si unisce all’Aniene. Sambuci è chiamato così per via dell’abbondanza di alberi di sambuco che vi fioriscono, deve la sua origine, come molti dei piccoli borghi della zona
all’affermazione dell’ordine dei monaci benedettini di Subiaco. Il duraturo controllo dei monaci vide la trasformazione del sito in castrum circa duecento anni dopo e solo nel XII secolo Sambuci passò sotto la proprietà dei De Antiochia che provvidero per primi alla costruzione della rocca. Nel corso del XVIII secolo venne aggiunto al complesso anche un giardino, ingrandito nel secolo successivo e costituito da due parti, quello all’italiana, a terrazze con aiuole sistemate a comporre gli stemmi delle famiglie Astalli e Theodoli, e quello all’inglese, romantico, caratterizzato dalla crescita spontanea del verde. Dal 1991 è entrato in possesso del Comune che l’ha restaurato per renderlo agibile al pubblico. Altro da vedere: il Parco adiacente al Castello, il Convento, la Fonte, la Chiesa di San Pietro, la chiesa di Santa Croce, il Parco dei Monti Ruffi.

Per il Festival della pace e della sostenibilità organizzato da Legambiente Lazio, sarà messo a disposizione dei partecipanti un pullman con partenza da Roma (Castro Pretorio) alle ore 9:00. Il contributo del viaggio è di € 15, con uno sconto del 10% per i soci Legambiente; sarà invece gratuito per chi deciderà di iscriversi a Legambiente per l’occasione. La prenotazioni è obbligatoria, info 06 85 35 80 51/77 o m.boiano@legambientelazio.it. Per arrivare a Sambuci si possono altrimenti anche utilizzare le linee COTRAL (orari www.cotralspa.it) o l’auto percorrendo la A24 uscita Castel Madama (via Empolitana) o Vicovaro-Mandela (via Tiburtina).

CASTELLI DI PACE NEL LAZIO
Programma
Dalle ore 10 alle ore 13
Convegno “Lo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 la sfida dei Piccoli Comuni verso il futuro” presso il castello Theodoli
Dalle 13 alle 15
Degustare di prodotti gastronomici della tradizione locale nel giardino del castello grazie ai numerosi stand messi a disposizione in collaborazione con l’associazione culturale “Pianeta Donna”.
In particolare si potrà degustare il tartufo locale nero chiamato “scorzone” e sorseggiare il vino Cesanese di Affile Doc. Pranzo al costo di 8 euro.
Dalle 15 alle 17
Visite guidate al Castello Theodoli con le guide, dell’associazione culturale “Terzo Millennio”, che indosseranno abiti d’epoca. Nel frattempo attività di laboratorio per intrattenere i più piccoli organizzate da “Il Betilo s.r.l.”.
Alle 17:30
Concerto della banda musicale comunale “G.Verdi”.
Alle 18:45
Escursione presso le rive del fiume Giovenzano alla scoperta dell’area S.I.C. (Sito di Interesse Comunitario).

SCARICA IL PDF

Comments are closed