Author Archive Stampa

Decoro: più mezzi, persone e nuovo coinvolgimento cittadini sono strada giusta

“Più persone, più mezzi e un nuovo coinvolgimento dei cittadini, la ricetta del Sindaco Alemanno va nella direzione giusta per vincere la partita difficile del decoro della città -ha affermato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, partecipando alla presentazione della nuova task force-. Destinare più persone e più mezzi, in modo integrato tra i diversi Assessorati e uffici, è fondamentale per intervenire nelle “terre di nessuno”, quei luoghi abbandonati della città che non competono a nessuno, le aiuole lungo le strade, alcune aree di monumenti minori, i muri con le scritte. Certo a questo va accompagnato un nuovo coinvolgimento dei cittadini, le istituzioni devono fare la loro parte ma da sole non possono battere il degrado, serve un nuovo modello che metta in moto gruppi di volontari in questa direzione”.

SCARICA IL PDF

Tags,

100 piazze per il clima Un week-end contro il ritorno del nucleare in marcia per le energie pulite e sicure

SABATO 6 E DOMENICA 7 NOVEMBRE MOBILITAZIONE IN TUTTA ITALIA CON RACCOLTA DI FIRME PER LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER LO SVILUPPO DELL’EFFICIENZA ENERGETICA E DELLE FONTI RINNOVABILI TANTE LE INIZIATIVE ANCHE NEL LAZIO, CON APPUNTAMENTO PRINCIPALE DOMENICA AI FORI IMPERIALI PER IL VIA ALLA “STAFFETTA ANTINUCLEARE” [ APPUNTAMENTO PER LA STAMPA: ORE 11, ALTEZZA SAN PIETRO IN CARCERE ]

 Sabato 6 e domenica 7 novembre arriva anche a Roma e nel Lazio “Cento piazze per il clima – In marcia per le energie pulite e sicure”, una mobilitazione nazionale promossa dalle principali organizzazioni ambientaliste e da un vasto schieramento di forze sociali e produttive contro il nucleare, per ribadire che il futuro è nell’efficienza energetica e nelle fonti rinnovabili. Un appuntamento, promosso tra gli altri dal Comitato “Fermiamo il nucleare”, che quest’anno coincide simbolicamente con il ventitreesimo anniversario della vittoria referendaria contro il nucleare.

Diversi gli appuntamenti previsti nel Lazio. Legambiente Lazio organizza quello principale a Roma nella mattinata di domenica 7 novembre, in via dei Fori Imperiali (altezza San Pietro in Carcere). Qui verrà presentata una originale “staffetta antinucleare” che prenderà il via nelle prossime settimane e coinvolgerà l’intera Regione. Nei banchetti e nei punti informativi i cittadini
potranno firmare il progetto di legge d’iniziativa popolare “Sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima”, firme che saranno consegnate in Parlamento prima di Natale. Sarà possibile ricevere informazioni sulle nuove tecnologie “verdi” e, per i più piccoli, ci saranno animazione e laboratori didattici sulle energie pulite.

Tra gli altri appuntamenti di “100 piazze per il clima” previsti nel Lazio: A Roma sabato 6 novembre, dalle 10 alle 13, in piazza dell’Immacolata a San Lorenzo raccolta di firme per la legge sulle fonti rinnovabili promossa dal Circolo Legambiente “Le Perseidi”; A Vetralla (Vt) sabato 6 novembre, dalle 9.30 alle 12, in piazza di Cura banchetto di raccolta firme e punto informativo sulle rinnovabili promosso da Legambiente provinciale di Viterbo; A Farnese (Vt) intero week-end dedicato alle energie rinnovabili con appuntamento organizzato dal Circolo Legambiente La Spinosa sia sabato 6 che domenica 7 novembre in piazza del Comune, dalle 10 alle 18, per informarsi e firmare la la legge di iniziativa popolare;

A Latina, in piazza del Popolo, sabato 6 e domenica 7 novembre Legambiente e il Comitato Liberaenergia organizzano un punto informativo per la raccolta delle firme e alle rinnovabili sarà dedicato anche l’evento musicale di domenica presso il Teatro di Santa Maria Goretti; A Sgurgola (Fr) il Circolo Monti Lepini di Legambiente si mobilita per raccogliere le firme e fare informazioni sulle rinnovabili per dire No al ritorno del nucleare: appuntamento domenica  7 novembre, dalle 16, presso il Centro Polivalente “Luciano Rossi” con dibattito, presentazione della campagna “Eternit free”, mostra fotografica e degustazione di bruschette con olio locale; A Rieti si terrà l’iniziativa dal titolo “Circondati dall’energia pulita”, promossa dal Circolo Legambiente per domenica 7 novembre, dalle 9 alle 13, presso piazzale Lungovelino. Anche in questo caso verranno raccolte le firme a sostegno della proposta di legge per le rinnovabili e messe sotto analisi le varie forme di energia pulita presenti sul territorio reatino.

Il Comitato Nazionale Fermiamo il nucleare, non serve all’Italia è promosso da: Accademia Kronos, Ambiente e Lavoro, Amici della Terra, Associazione Mediterranea per la Natura, Comitato SI alle energie rinnovabili NO al nucleare, Fare Verde, Forum Ambientalista, Greenpeace, Italia Nostra, Lav, Legambiente, Lipu, Mountain Wilderness, Pro Natura, The Jane Goodall Institute Italia, VAS, WWF Italia.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,

Alemanno, le sette priorità di Legambiente

Colosseo e Fori pedonali, corsie preferenziali e nuovi tram, progetti di volontariato e per l’adozione del verde urbano da parte dei cittadini, bollino verde energetico per tutti gli edifici, duemila tonnellate di rifiuti riciclati al giorno, più bike sharing e car sharing, parco dei fiumi di Roma. Legambiente coglie l’occasione della metà mandato dell’Amministrazione capitolina per lanciare sette proposte da attuare subito, sulle quali chiede di confrontarsi al Sindaco Alemanno. “Le grandi città italiane in questi anni soffrono e a Roma sono molte le criticità ambientali, servono scelte innovative e coraggiose -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Riqualificazione, fruibilità, vivibilità, volontariato sono le parole chiave per rendere più sicura e più umana la Capitale. Su questi temi, ora si deve concentrare l’azione del Comune, cogliamo per questo l’occasione della metà del mandato e lanciamo sette proposte molto concrete sulle quali chiediamo al Sindaco Alemanno di confrontarci”.

A) Pedonalizzare il Colosseo e l’intera area archeologica dei Fori, togliendo finalmente al monumento più famoso del mondo il ruolo di spartitraffico in occasione dell’importantissimo bando per il restauro, ricollegando centro e periferia con un “parco archeologico della Roma Antica” che unisca i Fori e l’Appia Antica, Veio, Gabii e Centocelle.

B) Disegnare mille chilometri di nuove corsie preferenziali protette, per fare spazio e far correre il mezzo pubblico, dando più corse e più puntualità ai nostri autobus e tram. Avviare il nuovo Piano tram, mentre si continua a lavorare sulle metropolitane, per dare un nuovo ruolo strategico al ferro anche in superficie, con decine di chilometri lungo tutte le direttrici importanti della città, da Marconi alla Togliatti, dalla Casilina alla Tiburtina e alla Nomentana, per diminuire così anche l’inquinamento atmosferico.

C) Far partecipare i cittadini ad un nuovo modello di governo che premi il volontariato e la sussidiarietà, il confronto tra comitati associazioni e amministrazione, il lavoro comune su alcuni fronti come quello del decoro. Il volontariato va valorizzato, cogliendo l’opportunità dell’Anno Europeo del Volontariato indetto nel 2011 dalla Commissione europea per festeggiare i dieci anni dell’anno internazionale del volontariato delle Nazioni Unite, un’occasione che Roma non può perdere. Sull’esempio delle grandi campagne di Legambiente come Puliamo il Mondo e sul modello del “Citizens Committee” di New York, Legambiente chiede di sostenere progetti di volontariato e per dare in adozione ai cittadini aree verdi e piccoli spazi pubblici, per dare continuità agli interventi e risolvere una volta per tutte i problemi.

D) Bollino verde per certificare il rendimento energetico degli edifici, per far risparmiare i cittadini e vincere la lotta ai cambiamenti climatici. Come sugli elettrodomestici per lanciare il risparmio e l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, Legambiente propone di apporre su tutti i palazzi un certificato, rendendo operativo l’obbligo di installazione di impianti solari termici e fotovoltaici per tutte le nuove costruzioni e le ristrutturazioni, per un migliore e più razionale uso dell’energia.

E) Riciclare almeno duemila tonnellate di rifiuti ogni giorno nella Capitale battendo discarica e incenerimento. Prevenzione della produzione di rifiuti con l’obiettivo di una riduzione del 20% puntando soprattutto sull’acqua pubblica piuttosto che imbottigliata, apertura delle isole ecologiche per il riuso dei materiali, estesa raccolta differenziata domiciliare anche per la frazione organica per arrivare almeno al 45% a breve termine.

F) Innovare la mobilità, primo obiettivo di 1.000 auto per il car sharing e 350 postazioni per il bike sharing. Tutte le sperimentazioni sulla mobilità sostenibile, con l’auto condivisa e il bike sharing, hanno funzionato bene, sono formule innovative, intelligenti e vantaggiose alle quali l’amministrazione deve dare concretamente priorità, estendendole a tutta la città in tempi brevi e certi.

G) Realizzare il “parco dei fiumi di Roma, del Tevere e dell’Aniene”, riscoprire il valore delle ville storiche con nuovi percorsi, liberare il mare dalla gabbia del lungomuro di Ostia. Istituire una grande area protetta a Roma e nel Lazio lungo uno dei fiumi più noti al mondo, accelerando su disinquinamento e ripristino ambientale, migliorando l’efficienza dei sistemi fognari e di depurazione. Il verde di Roma ha un valore inestimabile che va riscoperto, non può essere solo un problema per i costi di manutenzione, ma una grande occasione con nuovi percorsi. Liberare il mare di Roma, eliminando il lungomuro di Ostia e liberando gli accessi alle spiagge.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , , , , , , , , ,

Tram 8, prolungamento a piazza Venezia sia primo passo verso Termini

“È una buona notizia che il tram 8 si sposti a piazza Venezia liberando Largo Argentina, speriamo sia il primo passo e venga subito il prolungamento fino alla Stazione Termini e lungo Viale Marconi come i cittadini chiedono da molti anni -ha affermato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, partecipando alla presentazione del nuovo capolinea dell’8-. Nelle prossime ore approfondiremo le specifiche del progetto, proporremo di lasciare comunque riservata al solo trasporto pubblico l’area di fronte al Teatro e chiederemo anche se è prevista una necessaria corsia preferenziale lungo via delle Botteghe Oscure, oltre a verificare eventuali impatti del nuovo capolinea degli autobus sul verde di piazza Venezia. L’attuale rete tramviaria della Capitale è di appena 40 km, contro i 400 dei primi del ‘900 e contro i 500 attuali di Praga, i 470 di Varsavia e i 191 di Berlino”.

“A Roma serve un deciso potenziamento della rete tramviaria – ha proseguito Parlati – un nuovo Piano Tram, a partire dalle linee previste dal Programma Integrato della Mobilità del Comune di Roma e innestando anche le molteplici idee che in questi anni sono state rilanciate da più parti (tram sul lungotevere, verso San Pietro, sull’Appia, su viale Togliatti), sulle quali sta già lavorando l’Agenzia per la mobilità. In molti casi i progetti sono pronti e i cittadini si sono già espressi come testimoniano le migliaia di firme raccolte da Legambiente insieme ad altre associazioni per il prolungamento dell’8 a Termini, è il momento di farli divenire realtà”.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

Conclusa edizione 2010 di “spiagge e fondali puliti”

Quintali di rifiuti, tra cicche di sigarette, buste e bottiglie di plastica, sono stati raccolti nel Lazio grazie alle migliaia di volontari che muniti di guanti, sacchi e rastrelli, da venerdì ad oggi hanno partecipato a “Spiagge e Fondali puliti 2010”. Questo il bilancio della campagna che ogni anno raduna migliaia di volontari per la pulizia di spiagge libere, scogliere e fondali, nonché argini dei fiumi e laghi, realizzata con il contributo di Unipol Gruppo Finanziario.

L’appuntamento conclusivo si è svolto oggi sul Lago di Vico, nel Comune di Ronciglione, in località Renari, con una serie di iniziative finalizzata a porre l’accento sulle gravi emergenze ambientali che stanno investendo il bacino lacustre, a partire dall’alga rossa fino alla presenza di arsenico riscontrata nei pressi del sito militare dismesso, presumibilmente atto alla produzione di armi chimiche. Alla tradizionale pulizia dell’arenile da parte dei volontari, si è accompagnato un presidio all’ingresso del centro chimico militare, per chiedere un’immediata bonifica dell’area. Sono inoltre raccolti sacchetti di terra su cui è stato scritto “da bonificare” e che saranno consegnati da una delegazione al Centro Tecnico Logistico Interforze di Civitavecchia e alla Regione Lazio, un gesto altamente simbolico per sottolineare la necessità di trovare soluzioni rapide alla situazione di degrado ambientale che ormai da troppi anni interessa l’area.

“Un altro importante successo per la nostra campagna, che rappresenta un gesto concreto da parte dei cittadini per prendersi cura del nostro litorale – ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio – , che dovrebbe tramutarsi in un impegno da portare avanti durante tutto l’arco dell’anno, ponendo fine alla cattiva abitudine di abbandonare i rifiuti in spiaggia. Il nostro appello va inoltre alle istituzioni perché investano con più continuità sulla costa, mettendo in atto un piano complessivo per la sua tutela e valorizzazione, che ponga fine non solo a sporcizia e degrado, ma anche alle spiagge blindate, all’abusivismo, al traffico selvaggio, a favore di servizi improntati invece sulla sostenibilità e accessibilità”.

Il Lago di Vico vanta il primato di altitudine tra i grandi laghi italiani, con i suoi 507 metri sul livello del mare. Per le sue peculiari caratteristiche naturali, il comprensorio Vicano, un territorio ricco di diverse specie vegetali e di ambienti diversissimi fra loro, dal 1982 risulta area naturale protetta, mentre al 2005 è stata inserita nell’elenco dei siti di interesse comunitario (SIC).

“Sul Lago di Vico è il momento di fare chiarezza ai cittadini e alle Amministrazioni, chiediamo che il sito militare dismesso sia aperto e sia affidato un serio monitoraggio dell’area – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Dopo la crisi prodotta dal diffondersi dell’alga rossa, evidenziata dalla campagna di Legambiente Goletta dei Laghi, ora il pericolo arriva anche dall’arsenico e dai metalli pesanti nei sedimenti, che vanno monitorati con precisione, anche valorizzando le competenze dell’Università della Tuscia. E’ dunque indispensabile aprire una nuova stagione in cui tutti, secondo competenza e responsabilità, diano il proprio contributo alla risoluzione di un problema serio che ha

cause e tempi diversi, ma che sta mettendo a rischio l’equilibrio di un ecosistema, la salute dei cittadini, l’economia locale. Ci muoveremo anche da subito con gli Enti coinvolti per essere presenti al prossimo tavolo convocato dalla Regione sul tema.”

CAPRAROLA – (md) Di seguito una nota di Fabrizio Giometti (circolo Legambiente Lago di Vico). “Da circa 20 anni, adulti, bambini, associazioni di volontariato e istituzioni si danno appuntamento lungo i litorali della nostra penisola muniti di sacchetti di plastica, guanti da lavoro e ramazze, dando vita ad una delle più belle e significative espressioni d’amore e responsabilità nei confronti del mare, dei laghi e di chi li vive: una passeggiata lungo le coste per raccogliere buste, bottiglie e contenitori di plastica, pezzi di polistirolo e tutto quanto viene abbandonato senza cura e rispetto.

Il circolo Legambiente Lago di Vico, il coordinamento provinciale di Viterbo e numerose associazioni di Caprarola, Ronciglione e Viterbo daranno vita quest’anno ad una edizione speciale di “Spiagge Pulite”, nella quale, oltre alla tradizionale pulizia del litorale, si porrà l’accento sulle gravi emergenze ambientali che investono il nostro lago.

Ci troveremo, con tutti i volontari che vorranno partecipare a questa giornata di sensibilizzazione e mobilitazione, domenica 30 maggio alle 9.30 nel parcheggio del ristorante Riva Fiorita, dove verranno distribuiti i materiali per la raccolta dei rifiuti. La pulizia della spiaggia e dei boschi circostanti si concluderà intorno alle 12.00, di fronte al ristorante l’Airone, nel parcheggio antistante l’ingresso del Centro chimico militare, dove sarà allestito un gazebo con materiali informativi e dove daremo vita ad una serie di iniziative per chiedere a tutte le istituzioni interventi urgenti per contrastare l’emergenza “alga rossa” e per dare immediato avvio agli interventi di bonifica del sito militare.

Durante il percorso tra il ristorante Riva fiorita e il Centro chimico, i gruppi di volontari raccoglieranno anche dei sacchetti di terra sui quali verrà scritto “Terra da bonificare” che saranno consegnati da una delegazione al Centro Tecnico Logistico Interforze di Civitavecchia e alla Regione Lazio; un gesto altamente simbolico con il quale vogliamo sottolineare la necessità di trovare soluzioni rapide ad un gravissimo problema che si prolunga da troppi anni.

L’augurio è che si apra una nuova stagione, che, con il contributo di tutti (autorità militari, enti locali, associazioni di categoria, ambientalisti) restituisca allo splendido territorio della valle di Vico un futuro di speranza, sviluppo e tutela dell’ambiente. La giornata di volontariato ambientale si concluderà intorno alle 13.00 con gli interventi teatrali dell’attrice Francesca Spurio, i laboratori di animazione per bambini realizzati dai Trampolieri del lago di Vico e la tradizionale foto di gruppo. L’iniziativa si svolge in collaborazione con l’amministrazione comunale di Ronciglione che provvederà alla raccolta dei rifiuti raccolti, la Riserva Naturale Lago di Vico e la Prociv-Arci Monti Cimini di Ronciglione che garantirà il regolare svolgimento del traffico”.

Spiagge pulite al Lago di Vico è promossa da: circolo Legambiente Lago di Vico e coordinamento

provinciale di Viterbo, Accademia Kronos, Ager (Associazione Genitori Ronciglione), associazione 1728, comitato provinciale Aics, Aduc Ronciglione, ass. RonciglioneViva, ass. Grandangolo, Comitato per l’acqua potabile, Tribunale diritti del malato, ass. I Pirati, I Trampolieri del lago di Vico, Gruppo Scout Viterbo IV.

Tags

Continua “spiagge e fondali puliti”: STOP A CEMENTO ILLEGALE

La campagna si concluderà domani sul Lago di Vico

Stop al cemento illegale che continua ad aggredire il litorale laziale, come nel caso dell’intero villaggio vacanze abusivo, costruito a pochi metri dalla spiaggia di Passoscuro, nel Comune di Fiumicino, all’interno della Riserva naturale del Litorale romano, per cui è in corso un’inchiesta che, dopo il sequestro avvenuto ormai un anno fa, con oltre 40 persone denunciate per gravi reati contro l’ambiente, è caduta nell’oblio. Cinquantotto unità immobiliari tra monolocali, bungalow, villini e mini appartamenti, usate per lo più come residenze estive, che oltretutto sorgono nei pressi di un laghetto, sconosciuto ai più, che non risulta nemmeno censito tra le aree umide litoranee della Provincia di Roma, rinchiuso in un’area privatizzata.

Un nuovo appello per la salvaguardia delle coste laziali ed in particolare contro l’abusivismo è stato lanciato oggi da Legambiente in occasione della pulizia della spiaggia nord di Passoscuro, nell’ambito di “Spiagge e Fondali puliti 2010”, la campagna che ogni anno raduna migliaia di volontari per la pulizia di spiagge libere, scogliere e fondali, nonché argini dei fiumi e laghi, realizzata con il contributo di Unipol Gruppo Finanziario. Una mole di rifiuti è stata raccolta grazie ai volontari che muniti di ramazze, guanti e sacchi, hanno partecipato all’iniziativa, organizzata da Legambiente Lazio in collaborazione con il Circolo Garbatella, l’associazione “Un fazzoletto nel mondo” e la Pro loco.

La campagna si concludera domani in provincia di Viterbo, sul Lago di Vico, nel Comune di Ronciglione in località Renari, con un’edizione speciale della campagna, che prevede non solo la tradizionale pulizia dell’arenile ma punta a porre l’accento sulle gravi emergenze ambientali che stanno investendo il lago, a partire dall’alga rossa fino alla presenza di arsenico riscontrata nei pressi del sito militare dismesso, presumibilmente atto alla produzione di armi chimiche. E’ infatti previsto un presidio di fronte al ristorante l’Airone, nel parcheggio antistante l’ingresso del centro chimico militare, dove sarà allestito un gazebo con materiali informativi, per chiedere un’immediata bonifica.

Durante il percorso di pulizia, che si snoderà tra tra il ristorante Riva Fiorita e il sito militare, saranno inoltre raccolti dei saccheti di terra su cui verrà scritto “Terra da bonificare” e che saranno consegnati da una delegazione al Centro Tecnico Logistico Interforze di Civitavecchia e alla Regione Lazio, un gesto altamente simbolico per sottolineare la necessità di trovare soluzioni rapide alla situazione di degrado ambientale che ormai da troppi anni interessa l’area. La giornata di volontariato ambientale si concluderà intorno alle 13 con lo spettacolo dell’attrice Francesca Spuri e i laboratori di animazione per bambini realizzati dai Trampolieri del lago di Vico

Appuntamento per la stampa domani 30 Maggio alle ore 9.30 nel Comune di Ronciglione località Renari (Vt) nel parcheggio del ristorante Riva Fiorita. Parteciperanno: Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; rappresentanti del Circolo Lago di Vico

La campagna, oltre che con il contributo di Unipol Gruppo Finanziario, è realizzata col supporto di Bic, Cial, Coop e Virosac, e in collaborazione con La Nuova Ecologia e Radio Kiss Kiss.

SCARICA IL PDF

Tags