Category Archive dossier 2018

Edilizia scolastica Lazio 2018

Legambiente presenta ECOSISTEMA SCUOLA 2018 NEL LAZIO, dossier sull’edilizia scolastica

L’82,6 % delle scuole non ha un certificato di agibilità, a Roma le carenze maggiori con oltre l’88% senza agibilità e l’84% senza cerificato di collaudo statico

SCARICA IL DOSSIER COMPLETO IN PDF

Questa mattina, in collaborazione con il TGR Lazio, Legambiente Lazio ha presentato i risultati del dossier Ecosistema Scuola nel Lazio 2018. Ecosistema Scuola è il rapporto sulla qualità degli edifici scolastici, giunto alla XIX Edizione nazionale, realizzato con i dati inviati dagli enti comunali. Da anni Roma Capitale non invia dati sufficienti a valutare lo stato di salute delle proprie scuole pertanto, in questa edizione Legambiente Lazio ha utilizzato i dati dell’anagrafe edilizia del MIUR, tenendo in considerazione la sismicità, l’agibilità, il collaudo statico, la presenza di un piano d’emergenza ma anche le energie rinnovabili e le barriere architettoniche. 3.128 sono gli istituti del Lazio che hanno compilato l’anagrafe MIUR.
Analizziamo la situazione complessiva in tutto il Lazio dove, dei 3.128 edifici l’89,35 % non è stato progettato con criteri antisismici

In tutto il Lazio l’82,6 % degli edifici scolastici mappati non ha un certificato di agibilità, il 67,1% non ha certificato di collaudo statico, il 78.9 % non ha un certificato di prevenzione incendi,  solo il 6.5% ha un certificato di nulla osta provvisorio di prevenzione incendi e solo il 5.8% ha un certificato di collaudo degli impianti di spegnimento. Inoltre solo il 78.8 % possiede il documento di valutazione del rischio e il piano d’emergenza è presente nel 74.4% degli istituti. Sono appena la metà, il 51.8%, gli edifici che adottano accorgimenti per la riduzione dei consumi energetici e sul fronte rinnovabili il 32.7% dispongono di pannelli solari, il 67.8% utilizza metano per il riscaldamento mentre il 12,2% gasolio. Sul versante barriere architettoniche e accessibilità, il 70,9% degli edifici presenta accorgimenti per il superamento delle barriere architettoniche, il 57.8% è dotato di rampe per l’accesso, il 25.9,% di ascensori per disabili, l’8.4% di piattaforma elevatrice, il 45,5% di servizi igienici per disabili, il 34.9% di percorsi interni dedicati e il 26,2% di percorsi esterni dedicati.

“Il nostro dossier, realizzato con dati MIUR del catasto edilizia scolastica, ci mette di fronte a un quadro a dir poco sconsolante, con la quasi totalità delle scuole del Lazio che non ha certificati di agibilità, antisismici, antincendio ed emerge ancor più grave la condizione delle scuole di Roma dove aumentano ulteriormente gli istituti che non sono dotati dei nulla osta fondamentali – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. Il cambio di clima mette tutti di fronte a nuove sfide per la sicurezza della collettività, lo abbiamo visto con gli eventi climatici delle scorse ore e lo vediamo sempre più di frequente con giornate che purtroppo stanno diventando ordinarie: in questo contesto bisogna garantire la sicurezza negli edifici pubblici, a partire proprio dall’enorme patrimonio edilizio scolastico. Pensando alla situazione di Roma ci si trova di fronte a una condizione ancor più preoccupante, tenendo anche in considerazione che il Comune non riesce da anni a fornire dati necessari alla valutazione del nostro dossier nazionale. È evidente che se, come in questo caso, non si ha contezza delle problematiche e dello stato dell’arte, non si può fare nulla per migliorare l’ambiente scolastico e infatti, di fronte a un patrimonio immobiliare romano vecchio e ancora assolutamente carente, su 11.604 interventi finanziati in Italia solo lo 0,4% riguarda edifici scolastici della capitale. Una scarsa capacità di accedere a finanziamenti cui segue un ulteriore difficoltà a portare a termine i lavori in tempi stretti; al contrario c’è bisogno di tanti interventi, urgenti e risolutivi per l’efficentamento energetico, la sicurezza e l’ammodernamento dell’enorme patrimonio delle scuole, sia a Roma che in tutto il Lazio”.

Ufficio Stampa Legambiente Lazio
Matteo Nardi – 3335687925 – m.nardi@legambientelazio.it
Ufficio – 0685358051 – stampa@legambientelazio.it
www.legambientelazio.i

 

 

 

 

Ecosistema Urbano 2018

Ecosistema Urbano 2018, dossier di Legambiente sulle performance ambientali dei capoluoghi italiani

Roma all’87° posto, in fondo alla classifica per qualità ambientale e politiche ecosostenibili, terzo peggior capoluogo assoluto per inquinamento da biossido d’azoto. Nel Lazio peggior risultato Frosinone al 101° posto, Latina al 95°. Meglio, senza brillare Viterbo al 60° e Rieti al 61°

Read More

Ecosistema urbano 2018

Ecosistema Urbano 2018, dossier di Legambiente sulle performance ambientali dei capoluoghi italiani

Roma all’87° posto, in fondo alla classifica per qualità ambientale e politiche ecosostenibili, terzo peggior capoluogo assoluto per inquinamento da biossido d’azoto. Nel Lazio peggior risultato Frosinone al 101° posto, Latina al 95°. Meglio, senza brillare Viterbo al 60° e Rieti al 61° 

Read More

dossier ecomafia 2018

Lazio ancora 5ᵃ Regione per infrazioni accertate, peggiora la provincia di Roma 2ᵃ in assoluto per reati ambientali e prima per corruzione ambientale e infrazioni contro la biodiversità

“C’è troppa ecomafia nel Lazio, positiva il calo regionale dei reati di abusivismo edilizio, allarmanti i dati di Roma e provincia, seconda per reati ambientali totali e in testa per illeciti contro la biodiversità e corruzione ambientale”

Read More

arrivo goletta

L’imbarcazione ambientalista ha ripreso il suo viaggio per monitorare la qualità delle acque marine, denunciare le illegalità ambientali, il marine litter

Dossier Mare Monstrum 2018 di Legambiente
Non si fermano i reati a danno del mare: il Lazio al quarto posto in Italia nella classifica del mare illegale, con cinque reati accertati al giorno e altrettante infrazioni per ogni chilometro di costa

 

Prima iniziativa domani alle 16.30 allo stabilimento Point Break di Fregene con un incontro tra cittadini e comitati per parlare di erosione costiera

Il Lazio sarà la quarta regione toccata dal tour 2018 di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente che ha ripreso il suo viaggio lungo le coste italiane per denunciare e contrastare i “pirati del mare” e per informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di salvaguardare questo prezioso ecosistema e le sue bellezze. L’imbarcazione ambientalista farà tappa da domani, mercoledì 4, a venerdì 6 luglio al Ostia – Porto di Roma. Un viaggio, quello di Goletta Verde si concluderà il 13 agosto a Trieste, dopo 22 tappe, e che quest’anno avrà tra le priorità anche quella di affermare il ruolo centrale del Mediterraneo nelle politiche di accoglienza e integrazione, affinché recuperi il suo ruolo di cerniera tra culture e mondi che cooperano.
Un tour – realizzato anche grazie al sostegno di CONOU, Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati, e dei partner Novamont e Ricrea, Consorzio nazionale per il riciclo e il recupero degli imballaggi in acciaio (La Nuova Ecologia e rinnovabili.it sono invece media partner) – che anche quest’anno ha l’obiettivo di denunciare le minacce ai mari e alle coste italiane, purtroppo da tempo ben noti, a partire dalla maladepurazione che in Italia continua ad essere un’emergenza irrisolta.

Read More

Dossier Rifiuti a Roma, Legambiente su reazioni da parte del Campidoglio ai dati presentati

Legambiente Lazio ha pubblicato lo scorso 8 giugno il dossier “Rifiuti a Roma 2018” riprendendo dati chiari e puntuali di Ama sulla gestione complessiva del ciclo. Lo studio, apprezzato da più parti per l’ampiezza dell’analisi, è stato commentato negativamente da esponenti della maggioranza che su vari canali, con estrema ed errata semplificazione vogliono far intendere che le responsabilità sulle criticità del ciclo ricadrebbero su altri livelli amministrativi e in particolare sul mancato aggiornamento del Piano Regionale Rifiuti.

Read More