Tag Archive affissioni

Affissioni elettorali, Legambiente: basta con l’invasione, candidati rispettino regole.

Affissioni elettorali, Legambiente: basta con l’invasione, candidati rispettino regole. Campagna anti zozzoni, cittadini possono inviare foto e indirizzo degli scatto a posta@legambientelazio.it
“Basta con l’invasione di manifesti elettorali, mancano ancora venti giorni alla data del voto e Roma e il Lazio sono già devastati da uno sfascio di faccioni e nomi appiccicati ovunque -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. E’ scandaloso che chi si candida a governare le istituzioni non rispetti le regole più elementari, ma quale protocollo tra i partiti, come già stanno facendo i comitati anti cartelloni faremo un vero e proprio elenco di chi è fuorilegge sul nostro sito e inviteremo i cittadini a non votare gli zozzoni.” Legambiente lancia la sfida ai candidati alla Regione Lazio, dopo numerose segnalazioni ricevute dai cittadini a Roma e nelle altre province del Lazio, per affissioni assurde su muri privati e addirittura di scuole. Raccogliamo alla nostra email  posta@legambientelazio.it le foto dei manifesti appiccicati in modo abusivo, con indirizzo e data dello scatto.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,

Cartellopoli: col trucco sulla Salaria raddoppia lo spazio per pubblicità

Cartellopoli, Legambiente: col trucco sulla Salaria raddoppia lo spazio per pubblicità
Cartellopoli sulla Salaria raddoppia gli spazi consentiti alle pubblicità. E’ semplice, il Regolamento comunale in vigore fissa un limite alle superfici delle affissioni di 4×3 metri, ma basta affiancare due plance regolari per ottenere uno spazio utile doppio di 8×3 metri. Detto fatto, sulla Salaria all’altezza della tangenziale, due cartelloni affiancati ospitano una lunga pubblicità di una nota casa automobilistica. Ma c’è di più, già un mese fa Legambiente segnalò quella stessa pubblicità con un esposto, l’affissione svanì di lì a breve e ne comparve una nuova “in regola”, ma ora, non si sa come, sui cartelloni è ritornata di nuovo la stessa vecchia pubblicità. “I furbetti delle pubblicità se ne inventano di tutti i colori, pur di guadagnare di più in spregio alle norme per le affissioni -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Tutti frutti avvelenati della procedura assurda della banca dati del Comune di Roma, che ha incamerato decine di migliaia di impianti irregolari e ora con una lentezza esasperante sta demolendo quelli abusivi, mentre si è persa qualsiasi traccia del Piano Regolatore per gli Impianti Pubblicitaria.” Legambiente non molla, dopo l’esposto che era già il seguito della diffida inviata alle autorità competenti a marzo scorso, insieme ad un corposo censimento dei cartelloni irregolari intorno a Villa Ada.

“Nei prossimi giorni invieremo una nuova segnalazione ai Vigili e alle istituzioni, chiedendo anche che sia multata in modo salato anche la concessionaria che si sta rendendo complice dello scempio, come prevede la norma -afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Quei manifesti, per di più sono nel bel mezzo di un grande incrocio e quindi a nostro avviso del tutto fuori norma secondo il Codice della Strada. Ci chiediamo anche, spente le luci delle telecamere, dove sono finite le poche demolizioni di cartelloni abusivi fatte?”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Cartelloni contro alberi: Legambiente aderisce a manifestazione Serpentara.

Cartelloni contro alberi: Legambiente aderisce a manifestazione Serpentara. Ora abbattere subito cartelloni, sono irregolari.

Tagliati di notte perché “rei” di coprire cartelloni del tutto irregolari e già sanzionati: è quello che è successo a otto alberi a via Titina di Filippo, ciascuno dei quali si trovava di fronte ad un cartellone pubblicitario. Un atto gravissimo, impossibile pensare ad una coincidenza, che non può e non deve rimanere impunito. Per questo Legambiente Lazio aderisce alla manifestazione,
promossa dall’Associazione Basta Cartelloni – Francesco Fiori e dal Comitato di Quartiere Serpentara, che oggi pomeriggio, mercoledì 18 luglio, alle 17.30 avrà luogo proprio a via Titina di Filippo per protestare contro questo grave reato ambientale.

“Presenteremo una denuncia contro ignoti per il danno provocato, ma ora pretendiamo che quei maledetti cartelloni abusivi, già sanzionati, siano immediatamente abbattuti -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio- E’ uno schifo e uno scandalo che le ditte si permettano queste oscenità, è tutta colpa di quella dissennata procedura di inserimento nella banca dati dell’ufficio affissioni del Comune di Roma, che è una sorta di sanatoria mascherata, sulla quale d’altronde sta già indagando la Procura. In questo caso, per sfortuna delle ditte non bisogna aspettare nulla per demolire quei manifesti, non ci sono procedure di delocalizzazione che tengano, quella è un’area verde e come tale l’abbattimento deve essere immediato, per questo abbiamo preso contatto con l’Assessorato all’Ambiente e gli agenti PICS-decoro che sappiamo stanno già studiando gli atti necessari. E lanciamo la proposta di una grande festa dell’albero in quel quartiere per il prossimo autunno.”

A nostro avviso quegli impianti non rispettano le norme del regolamento comunale sulle affissioni ma nemmeno quelle del Codice della Strada, visto che sono a meno di 150 metri da diversi incroci, al centro di una rotatoria e ostacolano la visibilità. Vanno abbattuti subito.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,