Tag Archive assetto

Settimana delle aree protette, da domani e fino al 2 giugno le iniziative di Legambiente nel Lazio per salvaguardare le aree protette

Settimana delle aree protette, da domani e fino al 2 giugno le iniziative di Legambiente nel Lazio per salvaguardare le aree protette
Legambiente: “Aree protette patrimonio irrinunciabile che la nuova amministrazione della Regione Lazio deve rilanciare”
In occasione della Settimana delle aree protette (24 maggio / 2 giugno), la manifestazione indetta dalla Federazione Europea dei Parchi (Europarc), Legambiente organizza una lunga serie di iniziative anche nelle aree protette del Lazio per riportare i cittadini a frequentare
questi luoghi e chiedere alla Regione Lazio uno sforzo nuovo e determinante per rilanciare i parchi.

Nel Lazio c’è un importante e articolato sistema di aree protette regionali che, al fianco di quelle istituite dallo Stato, ha permesso di tutelare una parte significativa del grande patrimonio di biodiversità, dei valori naturali e paesaggistici che il territorio racchiude; oggi nel Lazio ben 213.638 ettari sono protetti (12,39% del territorio regionale), e si arriva a 280 mila ettari considerando la totalità delle aree (anche private); sono 6 le aree protette nazionali e 61 le aree protette istituite a seguito di diversi provvedimenti regionali (parchi  regionali, riserve naturali, parchi suburbani, parchi urbani e monumenti naturali).

“Le aree protette del Lazio sono un patrimonio irrinunciabile, fenomenale, che la nuova amministrazione della Regione Lazio deve rilanciare, mettendo fine a oltre dieci anni di tempi bui –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Per questo, Legambiente ha organizzato per i prossimi giorni numerose iniziative in queste aree e sta preparando un appello e delle proposte concrete da sottoporre alle istituzioni: nei parchi bisogna chiudere le gestioni straordinarie e ridare la parola alle comunità locali, serve una nuova legge regionale in materia, bisogna dare certezza ai finanziamenti e ai piani di assetto e di sviluppo, servono sia il riordino
degli enti esistenti che l’istituzione di nuove aree protette a partire da Tevere e Lepini.”

Per la Settimana dei Parchi, le attività si svolgeranno sia in ambiente marino che in quello terrestre, con iniziative di sensibilizzazione ma anche azioni di pulizia delle riserve laziali. Due le iniziative che si svolgono in ambiente marino: il 25 maggio, all’interno del Parco Nazionale del Circeo, i volontari Legambiente insieme agli studenti delle scuole del Comune di San Felice Circeo, provvederanno alla pulizia della spiaggia. Nella stessa giornata, la cura particolare dell’ambiente dunale al centro delle attività presso la Riserva del Litorale Romano ad Ostia. Domenica 26 maggio due iniziative sulla terraferma: il Circolo Legambiente Castelnuovo di Porto organizza un’escursione alla Valle delle Cento Cascate, al Parco Nazionale del Gran Sasso; il Circolo Legambiente Appia Sud propone un aperitivo letterario nel Parco dell’Appia Antica con degustazione di prodotti tipici accompagnati da brani di poeti e scrittori e visita guidata storico- archeologica. Appuntamento ore 17:30 presso l’area archeologica di Santa Maria delle Mole.

Legambiente Lazio, nell’ambito dei servizi offerti dalla Provincia di Roma, organizza attività ambientali nelle Riserve Naturali di  Nomentum e della Macchia di Gattaceca. Mercoledì 29 maggio evento speciale a Nomentum con attività per studenti e visitatori. Appuntamento ore 10 presso la sede della Riserva Naturale Nomentum, al Km 21 della strada provinciale Nomentana.

Verrà organizzata un’opera di pulizia dell’area, la visita guidata e la possibilità di partecipare al laboratorio di analisi delle acque. Il primo giugno la giornata di punta a Gattaceca. Dalle ore 10 alle ore 13.30 si alterneranno varie attività di laboratorio con i visitatori e i bambini presenti. Si può scegliere di seguire una visita guidata naturalistica e archeologica o partecipare insieme ai volontari alla pulizia della Riserva dalle cartucce dei cacciatori e tante altre attività. Per il 2 giugno il Circolo Legambiente Castelnuovo di Porto organizza un pic-nic sostenibile al Parco di Veio.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,

Parco di Veio, Legambiente: inaccettabile vessare cittadini e associazioni per proposte costruttive sul piano di assetto del parco

Parco di Veio, Legambiente: inaccettabile vessare cittadini e associazioni per proposte costruttive sul piano di assetto del parco
Mentre tutti parlano di trasparenza e di partecipazione, il Parco di Veio non trova di meglio che definire procedure complicate, assurde e vessatorie per presentare le osservazioni al Piano di Assetto dell’area protetta. Scade il 7 febbraio la possibilità di inviare contributi, osservazioni, proposte da valutare nella redazione del piano che l’ente gestore dell’area protetta sta preparando, ma i suggerimenti da parte dei cittadini vanno inviati riempiendo un modulo di ben cinque pagine che si distingue per astrusità e inutilità. A riguardo, il modulo richiede addirittura l’identificazione della singola particella catastale a nome del proponente dopo aver attentamente compilato il documento in ogni sua parte. Ogni singola osservazione costerà, inoltre, ben 50 euro per “diritti di segreteria” da pagarsi con un apposito bollettino.

“Siamo alla follia, mentre in Regione si sono spolpati tutto, i cittadini devono sempre mettere mano al portafoglio, nel caso del piano d’assetto del Parco di Veio addirittura per poter accedere ad un diritto che per definizione è gratuito, cioè esprimere la propria opinione -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Il Parco sta discutendo del piano di assetto dalla sua istituzione nel lontano 1997, sono passati ben 16 anni, e ora piuttosto che raccogliere le idee di tutti coloro che vogliono proporre cose interessanti e costruttive, produce moduli e moduletti, procedure complicate e richiede pure spese assurde. Legambiente ha redatto 50 osservazioni e dovrebbe pagare ben 2.500 Euro per presentarle, cosa che non abbiamo alcuna intenzione di fare, invieremo i nostri documenti al Parco e alla Regione Lazio e ci auguriamo davvero che siano accettate come quelle di tutti gli altri che le presenteranno anche senza formulari e pagamenti. Il Parco di Veio ha la precisa missione di avvicinare residenti e amanti della natura, rendere le persone parte attiva e propositiva dell’ambiente nel quale vivono, lo faccia anche in questo caso.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,