Tag Archive autorizzazioni

Camion bar, Legambiente: via dai Fori e dalle aree monumentali. Presenteremo esposto per verifica autorizzazioni.

Camion bar, Legambiente: via dai Fori e dalle aree monumentali. Presenteremo esposto per verifica autorizzazioni.

É invasione di furgoni ambulanti nel centro storico della Capitale, Legambiente ne chiede la regolamentazione e nelle prossime ore presenterà un esposto per accertare eventuali situazioni di irregolarità, come più volte denunciate da diverse parti. In seguito all’inchiesta di roma.corriere.it, l’associazione sollecita un’azione di contrasto di queste attività per ristabilire il decoro nei più bei siti archeologici della città e combattere l’abusivismo.

Spesso presenti nelle aree di maggior pregio e all’interno de siti archeologici, i camion bar impediscono l’accesso a importanti  monumenti o arrivano a ostacolarne la vista. Il censimento della testata online parla di venditori ambulanti nei pressi di tutti i maggiori monumenti capitolini, dai Fori Imperiali, recentemente avviati a pedonalizzazione, a Via della Conciliazione, dal Circo Massimo alle Terme di Caracalla. Gli ambulanti hanno finito per appropriarsi del centro storico continuando a esercitare anche dopo le denunce di turisti e cittadini, divieti di sosta e minacce di rimozione.

“Basta camion bar, ciambelle, panini e ciarpame ai Fori e in tutte le aree monumentali. Ma quale ‘guerra a oltranza’, i paninari ritirino subito le oscene minacce, in nessuna parte del mondo esiste uno scempio del genere, il fenomeno dilagante va fermato per rendere il giusto merito ai gioielli che tutto il mondo ci invidia -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Interpelleremo le autorità competenti perché verifichino le eventuali condizioni di irregolarità in cui gli ambulanti operano, chiedendo che vengano tempestivamente rimosse. E ci auguriamo che in Senato si proceda senza tentennamenti all’approvazione dell’emendamento ‘caccia paninari’ e che la Regione Lazio continui la strada intrapresa con norme più rigide per la disciplina del commercio.”

SCARICA IL PDF

Tags, , ,

Riserva Naturale Marcigliana, esposto di Legambiente per verifica lavori scarico terra affianco Lago della Bufalotta

Riserva Naturale Marcigliana, esposto di Legambiente per verifica lavori scarico terra affianco Lago della Bufalotta

Legambiente ha inviato un esposto al Commissario Straordinario di RomaNatura e al Comandante Provinciale del Corpo Forestale di Roma per verificare le autorizzazioni che permetterebbero lo sversamento di decine di camion di terra da riporto vicino al Lago della Bufalotta nella Riserva Naturale della Marcigliana.

L’area del Lago della Bufalotta è di particolare pregio ambientale poiché racchiude un inestimabile patrimonio di biodiversità. Questa zona è parte della Riserva regionale della Marcigliana, area protetta all’interno del circuito di RomaNatura, e riveste un ruolo importante di connessione ambientale tra le aree urbane e peri-urbane. Nonostante la prossimità a Roma ed agli altri centri urbani, il paesaggio collinare e la presenza di residui di bosco di cerro, farnia, roverella e farnetto accolgono un gran numero di specie animali. A questo si aggiunge il sistema paesistico storico delle grandi tenute costituite da casali, ville romane e torri medioevali che si dipanano davanti allo spettatore raccontandone la storia.

“Da molte settimane ci segnalano lo sversamento di terra nell’area del  lago della Bufalotta, un intervento assurdo, che sta compromettendo il delicato equilibrio di quella parte dell’ecosistema nell’area protetta della Marcigliana e il suo assetto idrogeologico – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio.- Non sappiamo se l’intervento sia stato autorizzato né con quali prescrizioni, non ci risulta che sia stato valutato l’impatto ambientale di un’operazione così folle e sconsiderata, né si capisce da dove provenga la terra.”

Nell’esposto, a firma del presidente di Legambiente Lazio e della presidente del Circolo Legambiente Aniene, Anna Maria Romani, si chiede agli enti in indirizzo di verificare se l’intervento sia stato preventivamente autorizzato ed in caso affermativo sulla base di quale titolo, se quanto in corso di realizzazione sia conforme a quanto eventualmente autorizzato, ma anche di adottare tutti i provvedimenti che si riterranno più opportuni a seguito di quanto verificato.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , ,