Tag Archive cantieri

Colosseo, Legambiente: via le auto, impossibile convivenza con cantiere Metro C

Colosseo, Legambiente: via le auto, impossibile convivenza con cantiere Metro C, Comune ascolti allarme Soprintendenza.

“L’allarme della Soprintendenza è serissimo e va ascoltato, è assurdo che il Comune proponga di gestire sette anni di cantiere della Metro C senza togliere le auto da via dei Fori Imperiali, i danni per il turismo sono certi e non ce li possiamo proprio permettere, senza contare che il Colosseo si va sgretolando sotto l’attacco delle polveri e delle vibrazioni di migliaia di macchine, pullman, persino camion su quella strada -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Legambiente ha consegnato due mesi fa, seimilaquattrocento firme dei romani per una delibera popolare per pedonalizzare l’intera area, è ora che il Comune la metta all’ordine del giorno e ne tenga conto. Nelle ore di punta del mattino su Via dei Fori Imperiali transita un flusso di ben 3.400 veicoli all’ora, con un rumore assordante di 95,2 decibel e le vibrazioni che ne conseguono. Il Colosseo ha circa tremila lesioni costantemente monitorate, serve una risposta immediata, è indispensabile intervenire in modo profondo e definitivo con la pedonalizzazione dei Fori, altrimenti il monumento continuerà ad annerirsi e il rischio dei cedimenti non si fermerà e anche il fondamentale restauro rischierà di vedere vanificati i suoi effetti.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

SuperPontina, Legambiente: si rischia una nuova Salerno- Reggio Calabria con decenni di cantieri.

SuperPontina, Legambiente: si rischia una nuova Salerno- Reggio Calabria con decenni di cantieri.

“Sulla futuribile SuperPontina si rischia una nuova Salerno-Reggio Calabria, con decenni di cantieri, un’infinità di soldi dei cittadini spesi, un impatto devastante senza risolvere la pericolosità dell’attuale Pontina e ignorando completamente il trasporto pubblico, peraltro rischiando pure che l’opera non veda mai la luce -ha affermato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio, partecipando al presidio davanti Ministero delle Infrastrutture convocato dal Movimento No Corridoio-. Quell’opera autostradale è superata dalla crisi economica nella quale versa il nostro Paese, in questi tempi di vacche magre un project financing da miliardi di euro e della durata di 50 anni è assurdo solo da pensare, l’opera va fermata prima che sia troppo tardi e i 420 milioni di investimenti pubblici destinati alla messa in sicurezza della Pontina e a infrastrutture di trasporto pubblico, stralciando la devastante novità della bretella di collegamento fino alla Civitavecchia – Roma A12 attraverso Tor de Cenci, dove oggi ci sono già otto corsie autostradali e non si capisce proprio che senso avrebbe farne altre quattro.”

L’ultimo tassello della nuova SuperPontina contro il quale si scaglia Legambiente con i comitati sarebbe il collegamento tra l’Autostrada Civitavecchia – Roma A12 e Tor de Cenci, per il quale sono previsti un incredibile viadotto e una galleria di 16 chilometri con un ponte di 1,5 chilometri alto 25 metri sul Tevere e sopra le case del Torrino.

Rimangono, poi, del tutto invariate le criticità ambientali già evidenziate: si abbandona ancora per troppi tratti il tracciato attuale, con espropri per centinaia di ettari agricoli –in particolare con le varianti di Tor de’ Cenci, Pomezia e Aprilia–, si separano con un’autostrada la Riserva di Decima Malafede e la Riserva Statale del Litorale Romano.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , ,

Lungotevere Via Capoprati: Comune riapra la ciclabile

Legambiente: sono passati nove mesi dall’inaugurazione del Ponte della Musica ma il cantiere ancora non ha rimosso le transenne che impediscono il passaggio “Sono passati nove mesi dall’inaugurazione del Ponte della Musica ma la ciclabile del Lungotevere di Via Capoprati è ancora chiusa, torniamo a denunciare un ritardo mostruoso e inammissibile –dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, commentando l’articolo sulle pagine del Messaggero di oggi–. I pedoni e i ciclisti che passeggiano lungo il Tevere devono fare un lungo slalom sul piccolo marciapiede che sta sul Lungotevere Maresciallo Cadorna tra le auto che sfrecciano, correndo seri rischi. Via Capoprati era una delle passeggiate sul Tevere più amate dai romani, va ripristinata subito, magari prima di inaugurare l’altro ponte, quello della scienza a Testaccio per evitare la beffa di passare da un’inaugurazione all’altra senza nemmeno preoccuparsi di chiudere i cantieri.”

Da quasi quattro anni i ciclisti sono costretti a divincolarsi in mezzo al cantiere del Ponte della Musica, visto che sin dal 2008 la pista ciclabile di via Capoprati venne inglobata nell’area dei lavori.
Legambiente conosce bene la vicenda legata al nuovo discutibile ponte sul Tevere, visto che la splendida area verde di Via Capoprati è parte dell’omonimo Parco che dieci anni fa, grazie al lavoro
dei volontari ambientalisti del Circolo Legambiente Roma nord e dei cittadini, da discarica è diventato un bel giardino sul Tevere, frequentato ogni settimana da centinaia di persone, grandi e
piccoli.

I cantieri a destra e sinistra del Tevere stanno ancora lì, sono completamente vuoti e da un paio di mesi non si vede nessuno all’opera, ma le recinzioni li tengono inutilmente ben chiusi –
afferma Massimo Di Stefano, presidente del Circolo Legambiente Roma Nord-. Prima che iniziassero i lavori abbiamo chiesto che si adottasse un piano complessivo per l’area, facendo sì che
il ponte fosse almeno un’occasione di riqualificazione dell’area fluviale, procedendo finalmente allo sgombero dell’autodemolitore bonificando l’area, realizzando la sistemazione a verde di tutto
l’alveo fluviale in particolare delle due scarpate. Tutte proposte che, almeno per ora, sono lettera morta, mai raccolte dal Comune di Roma.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,