Tag Archive città

Festa dell’albero 2014: settecento alberi piantati da 10.000 volontari in oltre 50 eventi nel Lazio

Festa dell’albero 2014: settecento alberi piantati da 10.000 volontari in oltre 50 eventi nel Lazio

Dal 21 al 23 novembre il Lazio si colora di verde grazie agli alberi messi a dimora da centinaia di volontari, parte infatti la storica campagna di Legambiente giunta alla XXI edizione per mettere a dimora nuove piante riqualificando aree urbane e territori verdi e donando al Lazio una nuova e reale boccata di ossigeno. La manifestazione si è svolta a Roma in collaborazione con Roma Capitale assessorato all’Ambiente, nei parchi romani in collaborazione con l’Ente Regionale RomaNatura e, nel resto del Lazio, del Corpo Forestale dello Stato. 

Ha aperto, tra le altre,  la manifestazione nel Parco della Cellulosa in collaborazione con RomaNatura dove, coordinati dal circolo locale di Legambiente, 100 volontari del team degli alberghi Starwood di Roma quali il Westin Excelsior, il St. Regis Roma e lo Sheraton Roma hotel & Conference Center, hanno svolto una grande operazione di pulizia del parco prima di mettere a dimora nuovi alberi e visitare l’area verde.

“Abbiamo voluto ricordare con un abbraccio agli alberi, quale sia il valore delle piante e quanto sia importante difenderle soprattutto in città. – ha dichiarato Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio – Non vogliamo però fermarci qui e spingeremo su enti ed istituzioni perché i parchi vengano protetti e curati e le città ritrovino con gli alberi la bellezza e la vivibilità necessaria”. È stato infatti suggestivo l’abbraccio rivolto agli alberi del parco da parte di operatori e volontari, e con la presenza di Vittorio Cogliati Dezza Presidente Nazionale di Legambiente.

Sempre questa mattina a Roma il circolo di Legambiente Garbatella insieme ai ragazzi della scuola Vivaldi ha cominciato a piantare alcuni degli alberi che entro domenica daranno nuovo ossigeno al parco del quartiere. Nel III municipio il circolo “Le Perseidi” ha iniziato a riempire di alberi gli spazi stradali rimasti vuoti dal verde. Nel II municipio il circolo Mondi Possibili ha distribuito 200 alberelli agli alunni delle scuole Sinopoli e Ferrarini e invece nel XIV municipio si andrà avanti fino al 29 novembre per piantare 24 alberi nei giardini delle scuole grazie al circolo di Legambiente Ecoidea che quest’anno ha organizzato ben cinque appuntamenti: al Parco Verde di Via Ponderano e Via Pellenza, presso le Scuole Elementare Maffi e Leopardi, nel parco dei quartiere Torresina e Piansaccoccia.

Nei prossimi giorni la festa dell’albero 2014 continua con numerosi appuntamenti romani tra cui quello di sabato 22 al Parco della Pace dove il Circolo di Legambiente Parco di Veio pianterà ben 15 alberi. Domenica 23 invece al parco di Villa Porcina saranno 20 le piante che Legambiente Delta del Tevere e il comitato Dragona doneranno ai cittadini.

La festa non si ferma alla Capitale, sono tante le iniziative anche nel resto del Lazio. A Viterbo gli alunni dell’istituto P. Savi hanno piantato un albero nel giardino della scuola e abbracciato quelli già presenti nel proprio cortile. Altre iniziative anche a Rieti, Sora (FR) Gaeta (LT), Minturno (LT), Sabaudia (LT) e proprio a Latina dove i volontari di Legambiente celebreranno la festa insieme agli alunni di 5 scuole elementari della città.

Hanno tanti alberi in più grazie ai circoli di Legambiente anche Tivoli Sabaudia, Latina, Cori e poi Nettuno dove già nei giorni scorsi si è lavorato per inverdire i parchi comunali, sono stati piantumate trenta nuove specie, tra pini e altre essenze, al posto di quelle morte ed i volontari del circolo “Le Rondini” hanno concluso la festa abbracciando un grande sughero in via Rea Silvia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tags, , , , ,

Allarme Inquinamento Atmosferico a Roma e nel Lazio, centraline di monitoraggio delle polveri sottili ovunque fuori limiti.

Legambiente: stiamo soffocando in una nube di Smog! Subito le misure necessarie per togliere dalle strade più auto possibili e rilanciare l’uso dei mezzi pubblici.

Si torni a parlare di targhe alterne e blocchi del traffico e i comuni rispettino il mai attuato Piano Regionale di Risanamento dell’Aria

Con maschere antismog e striscione dove capeggiava la scritta “IO NON TRAFFICO“, gli attivisti di Legambiente Lazio hanno manifestato oggi in Via Arenula nei pressi di una centralina di monitoraggio dell’aria, per porre l’attenzione a quanto sta accadendo questi giorni, una nuvola di smog che avvolge la capitale e alcune aree del Lazio.

I dati che emergono con le rilevazioni effettuate dalle centraline di ARPA Lazio, sono drammaticamente preoccupanti e nei giorni di martedì 14 e mercoledì 15 ottobre, sono ben 25 su 26 i rilevamenti in cui le polveri superano i limiti di 50 ug/m3 a Roma. In tutta la regione sono complessivamente 63 su 74 i rilevamenti fuori legge nelle due stesse giornate. Casi eclatanti a Roma, dove mercoledì 15 ottobre, tutte le 13 centraline sono uscite fuori dai limiti, con picchi superiori agli 80 ug/m3 nelle postazioni di monitoraggio di Via Arenula, Cinecittà e Bufalotta.

Nel Lazio e a Roma questi giorni stiamo soffocando in una nube di smog, i dati sconfortanti riguardano tante città del Lazio e parlano di una vera emergenza, – dichiara Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio – sono stati infatti rilevati valori fuori limite ovunque, dalla capitale a tanti territori. Ben vengano le domeniche a piedi già programmate a Roma ma ora si riparta subito anche con targhe alterne e blocchi del traffico. Si riprenda anche in mano il piano regionale di risanamento dell’aria, che non è stato mai applicato, nel quale si obbligano i comuni a prendere i necessari provvedimenti in casi di allarme smog. Bisogna fare di più e velocemente, rilanciando i mezzi pubblici, con lo sviluppo delle ferrovie metropolitane, dei mezzi urbani di superficie e delle metropolitane per salvaguardare la salute dei cittadini e poter tornare a respirare”.

I volontari del cigno verde denunciano anche il pessimo stato di salute dell’aria di Frosinone e provincia dove tutte le centraline danno dati fuori norma ed emergono situazioni molto preoccupanti: ad Anagni i PM10 hanno raggiunto addirittura la somma di 104 ug/m3; a Frosinone, Ferentino e Ceccano invece è stato già superato il limite di 35 superamenti annui possibili; su 16 monitoraggi del 14 e 15 ottobre, sono 14 quelli fuori i limiti; come negli stessi giorni sono fuori anche i monitoraggi in provincia di Latina con 9 su 10 sforamenti, 2 su 4 a Viterbo e 12 su 14 quelli dei comuni della provincia di Roma.

L’inquinamento atmosferico indica l’insieme degli agenti fisici chimi e biologici che modificano le naturali caratteristiche dell’atmosfera. È un noto fattore di rischio per la salute, numerosi studi ed indagini epidemiologiche confermano i gravi effetti sulla salute causati dallo smog prodotto in massima parte dal traffico automobilistico. Gli inquinanti più importanti dell’aria sono: Biossido di zolfo (SO2), Monossido di carbonio(CO),Ossidi di azoto(NOX); Idrocarburi; Ozono(O3); Piombo(Pb); Polveri sottili (Pm).

SCARICA PDF

 

Tags, , ,

Rapporto Animali in Città, nei capoluoghi del Lazio ancora troppo poco per la tutela degli amici a quattro zampe

Roma ha i più alti investimenti ma ancora troppi cani per strada, male anche Latina, qualcosa in più a Frosinone. Rieti e Viterbo non rispondono al questionario

Ancora poca l’attenzione per la gestione e la tutela degli animali nei capoluoghi del Lazio,  secondo “Animali in Città”, l’indagine di Legambiente che valuta i servizi e le attività dei Comuni capoluogo a favore degli amici a quattro zampe. Le amministrazioni comunali fanno poco per fermare il randagismo a fronte delle risorse economiche impiegate. Roma si piazza in 9° posizione su 15 grandi città con un punteggio di 30,84 su 100, Latina 35esima su 44 fra le città medie con 28,75 e Frosinone in posizione 18 su 45 sulle piccole con 39,72. Viterbo e Rieti non sono inserite in classifica perché non hanno risposto al questionario. Saranno sempre troppi i cani e gatti che soffrono in strada a Roma se non si incentiva anagrafe e sterilizzazione degli animali d’affezione: unici risultati evidenti l’enorme sforzo per le adozioni, le difficoltà nella restituzione di cani ai proprietari e l’aumento dei costi per i cittadini. Latina poco meglio e qualcosa in più fa Frosinone che indica una buona media di cani restituiti o dati in adozione.

Roma è la città che spende di più in Italia, fra le amministrazioni che hanno risposto al questionario, dichiarando di investire 3,4 euro/cittadino. Latina spende 1,6 euro/residente e Frosinone 2
euro/residente.

“Secondo gli ultimi dati dell’anagrafe canina nazionale, il Lazio è una delle regioni con il maggior numero di cani “noti” rispetto ai cittadini, almeno uno ogni 10 abitanti con ben 550.489 cani, ma ancora si fa poco per i cittadini e i loro animali d’affezione – dichiara Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio. Aree cani, controlli, canili rifugio che attendono da tempo risposte, denotano che nella Capitale, ad un alto investimento pro-capite per gli amici a quattro zampe, corrisponde solo un mediocre risultato. I romani vedono bene quanto gli operatori dei canili e i volontari per strada facciano salti mortali per mantenere risposte decenti ai cittadini pur a dispetto della corsa ad ostacoli giornaliera a cui sono sottoposti. A Roma è urgente superare la situazione attuale che vede uno stallo prolungato degli ultimi 5 anni sulla qualità delle politiche a servizio dei cittadini e dei loro amici a quattro zampe.”

Rispetto all’attenzione e alla conoscenza della presenza di cani nel territorio, Frosinone è l’unica a dichiarare il dato. Nel capoluogo ciociaro risulta un cane ogni 16 residenti. Nessun comune laziale indica il dato sulla presenza degli spazi in città dedicati agli animali, misurato come rapporto tra il numero di cittadini residenti e il numero di aree cani urbane dichiarate.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

Festa dell’albero 2013 (chiusura)

Settecento alberi piantati in tutto il Lazio con la Festa dell’Albero di
Legambiente da diecimila studenti e volontari

Sono settecento gli alberi messi a dimora per la XIX edizione della Festa dell’Albero in una quarantina di aree a Roma e in tutto il Lazio. Quasi diecimila volontari in azione, dei quali più di 6.000 studenti, con associazioni, circoli e comitati che hanno dato vita a numerose attività durante la settimana, all’insegna della cura del territorio, del rafforzamento della coesione sociale e dell’accoglienza.

Al Parco Garbatella a Roma stamattina 300 studenti delle scuole Vivaldi, Battisti e Alonzi hanno messo a dimora trenta grandi alberi donati dalla Regione Lazio, dopo l’atto vandalico dello scorso agosto, lavorando insieme ai ragazzi di Asinitas e Hágape 2000 e ai volontari del Circolo Garbatella di Legambiente. All’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri, l’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino, l’Assessore all’Ambiente della Regione Lazio Fabio Refrigeri, Cristiana Avenali consigliera regionale, Andrea Catarci presidente del Municipio VIII e l’Assessore all’Ambiente del Municipio VIII Emiliano Antonetti. Un gesto concreto per far tornare a splendere l’area che i cittadini hanno tolto alla speculazione edilizia e reso negli anni un bellissimo giardino di quartiere. Un pranzo tutti insieme, giochi canti e poesie hanno animato la giornata.

“Migliaia di cittadini, ragazzi e volontari si sono messi insieme per prendersi cura per un giorno del verde pubblico con l’impegno di continuare nell’arco di tutto il resto dell’anno, con una grande sensibilità e voglia di partecipare –dichiara Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio.– L’integrazione, l’accoglienza, le radici comuni sono state al centro delle iniziative di questa edizione, dove ragazzi, volontari e cittadini di culture diverse hanno trovato nella cura del territorio un momento di collaborazione e azione concreta di salvaguardia dell’ambiente. Un piccolo grande passo è stato fatto per la creazione di vere barriere di difesa contro le emissioni di CO2, così indispensabili nelle aree urbane, come dimostrano le recenti tragiche
alluvioni.”

Nei prossimi giorni la Festa dell’Albero 2013 continua ancora con tanti appuntamenti: venerdì 22 novembre il Circolo Legambiente Cassino in collaborazione con il Comune e i ragazzi delle scuole, pianterà alberi e fiori per realizzare il “Giardino dei Sogni”. Sabato 23 novembre il Circolo Legambiente Ecoidea organizza una festa in piazza nel quartiere di S. Candida con giochi ed attività per bambini e adulti. Sempre sabato 23 il Circolo Legambiente Parco di Veio festeggerà l’albero presso il Parco della Pace. Domenica 24 i volontari del Circolo Legambiente Aprilia, insieme all’associazione “Senza Confini”, coinvolgeranno gli studenti per piantare ulivi nei giardini nelle scuole. Mercoledì 27 il Circolo di Ferentino, in collaborazione con il Comune, organizzerà una giornata con i ragazzi delle scuole presso il Parco Molazzete.

“L’adesione dei cittadini di Roma e del Lazio all’ormai tradizionale appuntamento con la Festa dell’Albero è stata ancora una volta straordinaria –dichiara Maria Domenica Boiano, responsabile campagne di Legambiente Lazio-. Sono stati ancora una volta soprattutto gli studenti con i loro insegnanti a dare un gran bel segnale con la loro partecipazione enorme ed entusiasta, piantando alberi per rinverdire le nostre città. Negli anni cominciano a vedersi veri e propri boschi nati con la Festa degli alberi, grazie a decine di migliaia di cittadini che nel tempo si sono rimboccati le maniche per fare un’azione concreta. È la base sulla quale costruire veri e propri progetti per l’adozione permanente di aree verdi da parte dei cittadini, una proposta sulla quale Legambiente sta lavorando in queste settimane.”

La Festa dell’Albero 2013 è organizzata nell’ambito della Giornata Nazionale degli Alberi promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Miur e Corpo Forestale dello Stato. Un’iniziativa che gode, inoltre, del patrocinio del Ministro per l’Integrazione, della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. A Roma le iniziative sono realizzate in
collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e nel Lazio con il Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia. L’iniziativa al Parco Garbatella è stata realizzata con il patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale e di Roma Capitale Municipio VIII e in collaborazione con Asinitas e Hágape 2000.
Partner tecnici: Carrera, Timberland

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , ,

Festa dell’albero 2013 a Centocelle

Il Parco di Centocelle a Roma è il primo parco pubblico interculturale e dell’accoglienza d’Italia, piantati 30 lecci per la Festa dell’Albero

Domani 21 novembre grande ripiantumazione al Parco Garbatella dopo l’atto vandalico

Stamattina sono stati piantati 30 lecci al Parco di Centocelle per la Festa dell’Albero, dedicataquest’anno ai diritti dei migranti. Ragazzi delle scuole, cittadini del quartiere, comunitàstraniere e un gruppo di richiedenti asilo si sono dati da fare per prendersi cura del verdecollettivo, nella ‘Giornata internazionale per i Diritti dell’Infanzia’. Una giornata di inclusionesociale per dare il via al primo parco pubblico interculturale e dell’accoglienza d’Italia. Edomani si continua con una grande iniziativa al Parco Garbatella, dove verrannoripiantumati tutti gli alberi che sono stati barbaramente distrutti durante l’atto vandalico del
mese di agosto scorso. La mattinata al Parco è stata animata dal Circolo Legambiente Città Futura e dall’associazione In Migrazione con laboratori di costruzione di aquiloni con materiali riciclati realizzati secondo le tecniche tradizionali afghane e pakistane messe a disposizione di tutti dai ragazzi del Centro d’Accoglienza SPRAR di Casa Benvenuto, prove pratiche di cricket per imparare questo sport poco diffuso in Italia ma molto popolare in Pakistan, sessioni di giochi dal mondo.

Tante altre iniziative anche domani. Il Circolo Legambiente Mondi Possibili coinvolgerà i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Balsamo Crivelli di Roma, in collaborazione con la casa famiglia di San Basilio e i ragazzi Rom ospitati, per piantare un albero nel giardino nella scuola, con laboratori sulla pianta e le somiglianze con i bambini. I circoli Legambiente Sherwood e Le Perseidi con
l’Assessorato all’Ambiente del II Municipio parteciperanno, insieme alle scuole e alla cittadinanza, alla messa a dimora simbolica di un albero al Parco dei Caduti 19 luglio 1943, al Parco Virgiliano e al Parco Giochi in viale Tiziano. Inoltre alla Biblioteca Villa Leopardi si terrà una conferenza dal titolo “Alla riscoperta del verde urbano”. “Piantare alberi è un gesto semplice e importante che ha tanti significati –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Nel caso del Parco di Centocelle a Roma
Legambiente con l’associazione In Migrazione con questi alberi avvia il percorso per creare il primo parco interculturale della Capitale, in altre aree gli alberi sono fondamentali per battere i dirompenti cambiamenti climatici che stiamo vivendo con alluvioni drammatiche come quelle di queste ore, grazie alla capacità di assorbire CO2 e di limitare il dissesto dei terreni. Anche per questo è importante piantare alberi come facciamo con circoli, comitati e associazioni da ormai 19 anni.” Nel resto del Lazio, il 21 novembre il Circolo Legambiente Formello coinvolgerà i ragazzi delle scuole per la messa a dimora di 3 ciliegi e il Circolo Legambiente Castelli Romani pianterà alberi con le scuole di Castel Gandolfo. Il 22 novembre il Circolo Legambiente Fiumicino insieme al Comune pianterà, ancora una volta con il coinvolgimento degli studenti, ben 100 alberi dislocati in quattro parchi pubblici e un albero in ognuna delle 30 scuole coinvolte.

“Siamo partiti il 3 novembre da Lampedusa col primo giardino dell’accoglienza, da lì abbiamo lanciato l’idea di realizzarne in tutta Italia e tra oggi e domani se ne inaugureranno già un centinaio –dichiara Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente-. A partire da questo chiediamo interventi legislativi sull’immigrazione, perché venga riconosciuto il diritto voto e
di cittadinanza alle comunità straniere. Solo così riusciremo a coinvolgerle nell’attenzione al territorio, perché finché non verranno riconosciuti loro i diritti civili, difficilmente potranno impegnarsi in azioni importanti e concrete come la cura di un giardino o la raccolta differenziata.”

L’appuntamento per domani, giovedì 21 novembre, è dalle ore 11.45 al Parco Garbatella,
ingresso Via Rosa Raimondi Garibaldi, con una speciale anteprima alle ore 7.30 in onda con Buongiorno Regione del TGR Lazio.

Con i 300 bambini delle scuole Vivaldi, Cesare Battisti ed Alonzi, e insieme ai ragazzi rifugiati dell’associazione Asinitas e a quelli di Hàgape 2000, saranno presenti: Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente; Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; Anna Maria Baiocco, Circolo Legambiente Garbatella; Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio; Estella
Marino, Assessore all’Ambiente di Roma Capitale; Fabio Refrigeri, Assessore all’Ambiente della Regione Lazio; Cristiana Avenali, consigliera regionale; Andrea Catarci, presidente del Municipio VIII; Emiliano Antonetti, Assessore all’Ambiente Municipio VIII.
La Festa dell’Albero è realizzata nell’ambito della Giornata Nazionale dell’Albero, promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Corpo Forestale dello Stato, con il Patrocinio del Ministero per l’Integrazione. A Roma le iniziative sono realizzate in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e nel Lazio con il Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia. L’iniziativa al Parco di Centocelle è stata realizzata con il patrocinio della Camera dei Deputati, del Senato della Repubblica, del Ministero per l’Integrazione, The UN Refugee Agency, Roma Capitale Assessorato ai Servizi Sociali, Roma Capitale Municipio V e in collaborazione con
Asinitas. Partner tecnici: Carrera, Timberland.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , , ,

Festa dell’albero 2013 (lancio)

Al Via la Festa dell’Albero, dal 20 al 24 novembre tante iniziative nel Lazio. Albero come simbolo di radicamento, la XIX edizione è dedicata ai diritti dei migranti

Dal 20 al 24 novembre nuovo ossigeno nel Lazio grazie agli alberi che associazioni, comitati di quartiere, Circoli di Legambiente e scuole pianteranno in occasione della Festa dell’Albero, la storica campagna di Legambiente che mette a dimora in tutta Italia migliaia di nuove piante per riqualificare aree urbane degradate e abbellire parchi e giardini pubblici. La XIX edizione è dedicata ai diritti dei migranti. Dopo la tragedia che si è consumata a Lampedusa, Legambiente rivolge questa giornata al dialogo fra le diverse culture, prendendo l’albero come simbolo di vita, speranza e appartenenza al territorio, perché i diritti imprescindibili
dell’uomo vengano riconosciuti a tutti. Per questo la prima grande iniziativa a Roma domani, mercoledì 20 novembre alle ore 10, persso il Parco Centocelle in via Casilina (angolo di Via della Primavera) dove ragazzi delle scuole, cittadini del quartiere, comunità straniere e un gruppo di richiedenti asilo pakistani metteranno a dimora nuovi alberi presso il Centro d’Accoglienza SPRAR di Casa Benvenuto. Per il 20 e 21 novembre, il Circolo Legambiente Cellulosa ha organizzato due giornate dedicate ai bambini delle scuole materne e elementari sul tema “bellezza e tutela del paesaggio, valorizzazione della biodiversità”.

“Gli alberi sono i veri polmoni in città, la loro piantumazione in giro per la nostra regione è un gesto piccolo quanto concreto che aiuta a migliorare la qualità della vita – ha dichiarato Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio-. La tragedia in Sardegna è lì a ricordarci quanto siano urgenti misure da parte delle amministrazioni per fermare i cambiamenti climatici in atto.Occasioni come queste dimostrano quanto i cittadini siano pronti a dare il loro contributo.”

Stamattina si è svolto l’appuntamento di anticipo presso l’area verde tra Via Monte Massico e Via Capraia, dove con il Circolo Legambiente Aniene insieme a Libera e Unicef e con il supporto del Comitato Tufello, sono stati piantati alberi in nome dei diritti, della legalità e dell’integrazione. Nel resto del Lazio, il Circolo Legambiente Anzio-Nettuno già da oggi e fino al 21 svolgerà
attività con i cittadini e gli studenti per la potatura degli alberi e piantumazione di piante di alloro. A Cori invece il 21 novembre, il Circolo Legambiente Cora Viridis, insieme ai ragazzi del plesso scolastico di Cori e Giulianello “Cesare Chiominto” pianteranno una quercia e conferiranno la cittadinanza onoraria ai figli di genitori stranieri. L’appuntamento per domani è alle ore 10 su Via Casilina, angolo Viale Della Primavera alle ore 10. Saranno presenti: Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente; Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; Amedeo Trolese, presidente Circolo Legambiente Città Futura; Simone Andreotti, presidente In Migrazione Onlus. Tutti gli appuntamenti della Festa dell’Albero su http://www.legambiente.it

La Festa dell’Albero è realizzata nell’ambito della Giornata Nazionale dell’Albero, promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Corpo Forestale dello Stato, con il Patrocinio del Ministero per l’Integrazione.
A Roma le iniziative sono realizzate in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e con il Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia nel Lazio.
Partner tecnici: Carrera, Timberland

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,