Tag Archive nonuke

Domenica catena umana a Montalto di Castro per fermare il nucleare: Legambiente invita tutti a partecipare all’iniziativa

Appuntamento Domenica 22 Maggio, ore 10 al parcheggio Foce del Fiora alla Marina di Montalto Info line Legambiente Lazio 347 2310122 (anche per pullman da Roma) Nuova manifestazione per fermare il nucleare in Italia e nel Lazio: , dopo il grande successo a Borgo Sabotino del mese scorso, domenica 22 maggio, a partire dalle ore 10, l’appuntamento per tutti è alla Foce del Fiora sul lungomare di Montalto di Castro per formare una bella e simbolica catena umana lungo la spiaggia, per affermare l’insostenibilità del nucleare e chiedere ai cittadini di votare SÌ ai referendum del 12 e 13 giugno. L’iniziativa è organizzata dal Comitato Antinucleare di Montalto di Castro, insieme al Comitato Laziale “VOTA SÌ per fermare il nucleare”, di cui Legambiente è tra i promotori e gli animatori.

“Nonostante il silenzio dei grandi media e il tentativo di confondere le idee da parte del Governo, i cittadini tornano a manifestare contro il ritorno del pericoloso nucleare – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio – Proprio da Montalto di Castro, luogo simbolo della vittoria antinucleare nel 1987, Domenica prossima si leverà un nuovo grido, pronti a vincere di nuovo la sfida contro l’atomo.”

A pochi giorni dal plebiscito antinucleare in Sardegna e mentre la Camera dei deputati discute del decreto che vorrebbe cancellare il referendum sull’atomo del 12 e 13 giugno, nel prossimo fine settimana si terranno in tutta Italia varie catene umane per cingere i siti nucleari esistenti e quelli in lizza per diventarlo. A Montalto di Castro sarebbe entrata in funzione la quinta centrale nucleare italiana, con due reattori di 982MW di potenza, ma già negli anni ottanta il cantiere fu fermato a causa dei danni riportati nell’alluvione nel 1987 e poi definitivamente grazie al referendum. “Invitiamo tutti i cittadini ad unirsi domenica prossima alla catena umana sul lungomare di Montalto e a recarsi alle urne il 12 e 13 giugno per decretare la vittoria dei SÌ – afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio – Il nuovo programma nucleare italiano potrebbe ripartire proprio dal vecchio progetto di costruire i due reattori a Montalto, nonostante le scelte fatte sul territorio verso le rinnovabili e le produzioni tipiche e di qualità.” Pullman Domenica 22 dalla Stazione Metro A CIPRO alle ore 8, prenotazione obbligatoria.

Info line Legambiente Lazio: 347 2310122.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

Domani 26 marzo grande mobilitazione nazionale per l’acqua pubblica e contro il nucleare

Due sì per proteggere il bene comune acqua e un sì per fermare il nucleare nei referendum del 12 e 13 giugno

Sabato 26 marzo alle ore 14 da Piazza della Repubblica il popolo per l’acqua pubblica e contro il nucleare sfilerà per le strade della capitale diretto a Piazza San Giovanni per difendere i beni comuni e sostenere il ricorso alle fonti pulite di energia.

Legambiente Lazio sarà presente insieme ai circoli del territorio per affermare tutta la propria contrarietà al progetto atomico in Italia e nel Lazio, per difendere il bene comune acqua dalla speculazione dei privati e per sostenere la partecipazione alla consultazione referendaria dei prossimi 12 e 13 giugno: i referendum sono un’espressione sostanziale della democrazia attraverso la quale i cittadini esercitano la sovranità popolare su scelte essenziali della politica che riguardano l’esistenza collettiva.

“Il nucleare è una tecnologia insicura, che non risolve il problema delle emissioni di CO2, che in base all’obiettivo fissato dall’UE devono drasticamente ridurre entro il 2020 del 20% e soprattutto rimane ancora irrisolta la questione dei rischi e delle scorie.” – ha dichiarato Lorenzo Parlati, Presidente di Legambiente Lazio. Alla luce della recente tragedia giapponese va affermata con ancora più determinazione l’insostenibilità del ricorso al nucleare per rilanciare invece l’utilizzo delle fonti alternative di energia, quali il solare termico, il fotovoltaico, l’eolico e il geotermico.”

Domani si scenderà in piazza anche per difendere l’acqua, che sta pericolosamente passando dalla mano pubblica a quella privata, esposta dunque ai pericoli di una gestione tutta orientata al  profitto. “Il quasi milione e mezzo di firme raccolte la scorsa primavera per presentare la proposta referendaria sull’acqua bene comune ha rappresentato una prima importante vittoria. Partecipare numerosi domani significa preparare la vittoria dei SI ai referendum del 12 e 13 giugno, riaffermando la necessità di una gestione partecipativa dei beni comuni e per arrestare le politiche neoliberiste che sono la radice dell’impoverimento e della drammatica crisi che ancora viviamo” – ha chiosato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

100 piazze per il clima Un week-end contro il ritorno del nucleare in marcia per le energie pulite e sicure

SABATO 6 E DOMENICA 7 NOVEMBRE MOBILITAZIONE IN TUTTA ITALIA CON RACCOLTA DI FIRME PER LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER LO SVILUPPO DELL’EFFICIENZA ENERGETICA E DELLE FONTI RINNOVABILI TANTE LE INIZIATIVE ANCHE NEL LAZIO, CON APPUNTAMENTO PRINCIPALE DOMENICA AI FORI IMPERIALI PER IL VIA ALLA “STAFFETTA ANTINUCLEARE” [ APPUNTAMENTO PER LA STAMPA: ORE 11, ALTEZZA SAN PIETRO IN CARCERE ]

 Sabato 6 e domenica 7 novembre arriva anche a Roma e nel Lazio “Cento piazze per il clima – In marcia per le energie pulite e sicure”, una mobilitazione nazionale promossa dalle principali organizzazioni ambientaliste e da un vasto schieramento di forze sociali e produttive contro il nucleare, per ribadire che il futuro è nell’efficienza energetica e nelle fonti rinnovabili. Un appuntamento, promosso tra gli altri dal Comitato “Fermiamo il nucleare”, che quest’anno coincide simbolicamente con il ventitreesimo anniversario della vittoria referendaria contro il nucleare.

Diversi gli appuntamenti previsti nel Lazio. Legambiente Lazio organizza quello principale a Roma nella mattinata di domenica 7 novembre, in via dei Fori Imperiali (altezza San Pietro in Carcere). Qui verrà presentata una originale “staffetta antinucleare” che prenderà il via nelle prossime settimane e coinvolgerà l’intera Regione. Nei banchetti e nei punti informativi i cittadini
potranno firmare il progetto di legge d’iniziativa popolare “Sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima”, firme che saranno consegnate in Parlamento prima di Natale. Sarà possibile ricevere informazioni sulle nuove tecnologie “verdi” e, per i più piccoli, ci saranno animazione e laboratori didattici sulle energie pulite.

Tra gli altri appuntamenti di “100 piazze per il clima” previsti nel Lazio: A Roma sabato 6 novembre, dalle 10 alle 13, in piazza dell’Immacolata a San Lorenzo raccolta di firme per la legge sulle fonti rinnovabili promossa dal Circolo Legambiente “Le Perseidi”; A Vetralla (Vt) sabato 6 novembre, dalle 9.30 alle 12, in piazza di Cura banchetto di raccolta firme e punto informativo sulle rinnovabili promosso da Legambiente provinciale di Viterbo; A Farnese (Vt) intero week-end dedicato alle energie rinnovabili con appuntamento organizzato dal Circolo Legambiente La Spinosa sia sabato 6 che domenica 7 novembre in piazza del Comune, dalle 10 alle 18, per informarsi e firmare la la legge di iniziativa popolare;

A Latina, in piazza del Popolo, sabato 6 e domenica 7 novembre Legambiente e il Comitato Liberaenergia organizzano un punto informativo per la raccolta delle firme e alle rinnovabili sarà dedicato anche l’evento musicale di domenica presso il Teatro di Santa Maria Goretti; A Sgurgola (Fr) il Circolo Monti Lepini di Legambiente si mobilita per raccogliere le firme e fare informazioni sulle rinnovabili per dire No al ritorno del nucleare: appuntamento domenica  7 novembre, dalle 16, presso il Centro Polivalente “Luciano Rossi” con dibattito, presentazione della campagna “Eternit free”, mostra fotografica e degustazione di bruschette con olio locale; A Rieti si terrà l’iniziativa dal titolo “Circondati dall’energia pulita”, promossa dal Circolo Legambiente per domenica 7 novembre, dalle 9 alle 13, presso piazzale Lungovelino. Anche in questo caso verranno raccolte le firme a sostegno della proposta di legge per le rinnovabili e messe sotto analisi le varie forme di energia pulita presenti sul territorio reatino.

Il Comitato Nazionale Fermiamo il nucleare, non serve all’Italia è promosso da: Accademia Kronos, Ambiente e Lavoro, Amici della Terra, Associazione Mediterranea per la Natura, Comitato SI alle energie rinnovabili NO al nucleare, Fare Verde, Forum Ambientalista, Greenpeace, Italia Nostra, Lav, Legambiente, Lipu, Mountain Wilderness, Pro Natura, The Jane Goodall Institute Italia, VAS, WWF Italia.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,