Tag Archive pedonalizzazione

Via dei Fori riaperta ai taxi, Legambiente “Passo indietro grave, si rispettino le decisioni prese dal comune verso la pedonalizzazione”

Via dei Fori riaperta ai taxi, Legambiente “Passo indietro grave, si rispettino le decisioni prese dal Comune verso la pedonalizzazione”

Con un ennesimo ricorso, dopo quelli che hanno visto la bocciatura dall’ampliamento delle ZTL e l’incremento della tariffa per la sosta sulle strisce blu, ora tocca alla sentenza sui taxi che torneranno così a invadere via dei Fori Imperiali, la strada che invece si avviava alla completa pedonalizzazione. “La pedonalizzazione di Via dei Fori compie una negativa battuta d’arresto con il ritorno dei taxi sulla strada – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – sosteniamo con forza che, invece, la liberazione del Colosseo dalle auto deve tornare a marciare speditamente. Dopo le sentenze che hanno visto prima la bocciatura dell’allargamento della ZTL e solo ieri quella che ripristina la deregulation dell’epoca Alemanno sulle tariffe della sosta su strisce blu, ora ci ritroviamo con un brutto passo indietro sui fori. L’amministrazione comunale di Roma riprenda il percorso che mira all’obiettivo fondamentale della liberazione dal traffico privato così come già stava accadendo; non si può a colpi di sentenze mettere in discussione un intero impianto di scelte politiche che vanno riprese perché nella direzione corretta, per restituire ai romani un’aria salubre è una città a misura di bambino e parlare al mondo intero con un quadro rinnovato di pedonalizzazioni, percorsi ciclabili e nuova forza al trasporto pubblico locale”.

SCARICA IL PDF

 

Tags, ,

DOSSIER MAL’ARIA 2015

“Mal’aria” è la storica campagna di Legambiente contro l’inquinamento atmosferico e a favore del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile ed anche quest’anno abbiamo fatto un bilancio per le polveri sottili PM10.

La presenza di inquinamento atmosferico nelle città del Lazio non sembra essere in diminuzione e anzi resta in molti casi ben oltre i livelli di attenzione. I valori che vengono registrati periodicamente mostrano andamenti poco rassicuranti e soprattutto in linea con le serie storiche, senza sensibili cambiamenti di rotta. La qualità dell’aria è un elemento fondamentale per garantire la salute umana ed è per questo che è necessario un monitoraggio continuo in grado di tenere sotto controllo le sostanze che possono interferire e danneggiare l’organismo. L’elevata esposizione agli agenti inquinanti, frutto soprattutto della combustione, possono causare diverse disfunzioni e malattie, in particolare legate al sistema respiratorio, che oltretutto vanno ad incidere sulla spesa sanitaria. Secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della Commissione Europea l’inquinamento atmosferico ha causato oltre 400mila morti premature con costi ingentissimi per i vari sistemi sanitari che oscillano tra i 330 e i 940 miliardi di euro all’anno nella sola Europa.

Nel rapporto redatto dall’ISPRA “X Rapporto Aree Urbane, anno 2014” viene analizzata infatti anche “l’esposizione della popolazione di città e aree metropolitane agli inquinanti atmosferici”, in cui emerge con chiarezza come milioni di persone sono esposte a concentrazioni medie annuali di PM10, PM2,5, NO2 ed O3 superiori, e di molto, ai valori di riferimento forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità; l’analisi si basa sui dati di concentrazione rilevati nel 2013 nelle aree urbane e metropolitane rispetto al numero di cittadini presenti in quelle stesse aree e mostra come per il PM10 la quasi totalità delle città abbia registrato concentrazioni superiori a quelle indicate dall’OMS.

Non solo, gli elevati livelli di inquinamento atmosferico in Italia sono alla base di una procedura d’infrazione da parte dell’Unione Europea a causa della “Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente – Superamento dei valori limite di PM10 in Italia” . Queste violazioni, che riguardano anche la regione Lazio, porteranno, se l’Italia non riuscirà a porre rimedio, ad una condanna con conseguenti sanzioni, come già avvenuto nel 2012. L’Italia infatti era stata già stata condannata tre anni fa relativamente ai superamenti di PM10 per il periodo 2006-2007 in 55 diverse zone ed agglomerati italiani. Il dato più scoraggiante e preoccupante in merito alla nuova procedura di infrazione è che 13 delle 55 aree già condannate hanno continuato a superare costantemente i limiti per il PM10 anche nel periodo 2008-2012 e si ritrovano per questo di nuovo sotto indagine, insieme ad altre 6 nuove zone.

In città la fonte principali di inquinamento atmosferico è il trasporto su strada, dove i passi avanti fatti sull’efficienza dei motori non ha consentito di ottenere risultati evidenti nel miglioramento della qualità dell’aria, visto l’elevato numero di veicoli in circolazione e l’incremento dei diesel; segue il riscaldamento domestico, prevalentemente derivante dall’uso di legna o combustibili fossili particolarmente inquinanti come l’olio combustibile o il gasolio.

Ma non è solamente l’ambiente urbano delle grandi città a destare preoccupazioni. Significative sono anche le emissioni in atmosfera derivanti dalle fonti industriali, che spesso vanno a sommarsi con quelle urbane, e specialmente nell’aerea meridionale della regione fanno riportare considerevoli concentrazioni di polveri e altre sostanze ritenute pericolose.[…]

SCARICA IL DOSSIER COMPLETO

Tags, , , , ,

Domenica ecologica, la Festa di Legambiente per una Roma Pulita | FOTO |

“Oggi l’aria di Roma era pulita senza il traffico, la vogliamo così tutti i giorni con più domeniche a piedi, per una Roma Pulita anche dai rifiuti, dal razzismo e da tutte le mafie”

Su via dei Fori e nel resto della città tanti stand e spettacoli colorati per tutte le età.

Legambiente ha animato la domenica di via dei Fori con il sostegno dell’assessorato alla Cultura di Roma Capitale. Insieme agli stand dell’associazione, gli spettacoli della trazione del Lazio hanno animato la giornata di decine di migliaia di visitatori. Suggestiva la presenza degli sbandieratori e musici di Velletri e del gruppo folcloristico “Monte Patulo” di Monte Sant’Angelo.

“In questa seconda domenica ecologica, Roma è stata più bella e più colorata in una festa di cittadini a piedi che si sono riappropriati per un giorno della città – dichiara Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio -. Bisogna mettere in calendario tanti di questi momenti, ultimare la pedonalizzazione dei Fori e prevedere una pedonalizzazione in ogni quartiere, per ridare alla capitale aria salubre e una nuova immagine di Roma Pulita, che sia di riscatto per i cittadini e parli al mondo intero”. Gli attivisti  del cigno verde con lo slogan ROMA PULITA, hanno chiesto una città libera dallo smog, dai rifiuti, dal razzismo e da tutte le mafie; a reggere lo striscione insieme a loro anche il sindaco Ignazio Marino, il commissario di RomaNatura Maurizio Gubbiotti e la consigliera regionale Cristiana Avenali.

Decine di migliaia di cittadini e di turisti, all’ombra del Colosseo, hanno preso parte anche ai laboratori con il legno del circolo Parco della Cellulosa di Legambiente, ai momenti di giocolieria e animazione per i più piccoli dell’associazione “Gropius”, ai giochi di fantasia con le costruzioni di “Faramelli” e hanno degustato i prodotti tipici laziali delle “Cuoche Cuocarine” e dei “Pampini”. Straordinario il successo per il noleggio gratuito di bici presso gli stand dell’associazione, centinaia le persone che hanno potuto godere del centro di Roma sulle due ruote. 

Altre iniziative dell’associazione anche nel resto della città dove il circolo Legambiente Mondi Possibili ha animato la giornata a piedi in Piazza Bologna e Piazza Sant’Emerenziana con laboratori di educazione ambientale, mostre, pittura creativa e degustazioni di prodotti a Km0.

SCARICA IL PDF

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tags, , , , ,

Proseguono i passi per la pedonalizzazione del Tridente Mediceo di Roma con i nuovi divieti che saranno a regime il prossimo 20 ottobre.

Legambiente “Ancora un passo importante ma, per restituire a Roma tutta la sua bellezza, il comune attui gli interventi necessari alla riduzione del traffico e all’aumento del servizio di trasporto pubblico”

Da oggi inizia una ulteriore fase sperimentale che sarà a regime tra una settimana, in cui si parla di pedonalizzazione ulteriore di alcune aree del tridente dopo quanto già è stato avviato lo scorso agosto. Saranno progressivamente liberate dal traffico privato alcune delle strade e delle piazze più importanti di Roma, fin’ora percorribili con permessi ZTL, come via dei Condotti o Piazza di Spagna. Legambiente sostiene il nuovo passaggio ma chiede al sindaco di ingranare una velocità nuova per liberare il centro dalle auto.

“Buona la scelta di liberare il Tridente dal traffico, ma va fatto velocemente – commenta Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio – bisogna infatti forzare i tempi per avviare un recupero della qualità della vita e della bellezza di Roma, che ha subito per troppi anni l’invasione del traffico. Deve avviarsi nella capitale una nuova fase fatta di rilancio dei mezzi pubblici e allontanamento delle auto dal centro, progressivo ma deciso. Contemporaneamente vanno avviati processi partecipati con la cittadinanza che portino alla chiusura al traffico di tutto il centro storico, all’ampliamento delle ztl, all’individuazione di aree pedonali in ogni municipio ed in ogni quartiere e, immediatamente, bisogna liberare tutta l’area del Colosseo e dei Fori dal traffico, un provvedimento che seppur annunciato ed avviato, è ancora lontano a divenire realtà. Liberare il Colosseo dalle auto sarebbe veramente un messaggio al mondo intero, un autentico, nuovo e stupendo biglietto da visita per Roma”.

Dopo che Legambiente, lo scorso 25 giugno, aveva visto finalmente approvata la sua delibera di iniziativa popolare firmata da più di 6.400 romani, il comune ha avviato la pedonalizzazione dei Fori al sabato, proprio come chiesto dall’associazione ambientalista; adesso, per gli attivisti del cigno verde, è ora per di concludere l’iter previsto dalla delibera, liberando l’Anfiteatro Flavio dallo sciagurato ruolo di spartitraffico a cui per troppi anni è stato relegato.

Tags, , , , , ,

Fori pedonali: ok della commissione mobilità e ambiente del comune di Roma. “Una vittoria, ora avanti con la discussione in aula e intanto immediata pedonalizzazione anche il sabato”

Oggi la commissione congiunta mobilità e ambiente del comune di Roma ha espresso parere favorevole alla delibera per la pedonalizzazione di Via dei Fori, un passo formalmente indispensabile e determinante per liberare il Colosseo dalle auto.

Dopo quasi due anni dalla presentazione in Campidoglio, la delibera giunge ora al passaggio finale di discussione in aula, rafforzata adesso anche con i pareri favorevoli espressi dai dipartimenti ambiente e mobilità e dalle relazioni non ostative del dipartimento della mobilità e dei vigili urbani. “Una vittoria dei cittadini e un passo importante per liberare il Colosseo dalle auto, oggi festeggiamo questo voto fondamentale e chiediamo l’immediata calendarizzazione in aula del procedimento. – dichiarano Roberto Scacchi direttore di Legambiente Lazio e Cristiana Avenali Consigliera Regionale e prima firmataria della delibera – I provvedimenti importanti verso la pedonalizzazione messi in campo fino ad oggi dal Sindaco Marino, che ha creduto da subito in questa nostra proposta, stanno dando degli ottimi risultati con oltre al 70% della riduzione del traffico nei Fori e dal 10% al 50% lungo Via Merulana e Via Labicana e stanno riscuotendo enorme consenso come ha dimostrato il successo ottenuto dalla pedonalizzazione dei Fori nel periodo Pasquale. Chiediamo quindi al Sindaco di accelerare sull’estensione della ZTL a via Cavour attraverso l’installazione dei varchi elettronici e di estendere la chiusura dei Fori al sabato già dal mese di Giugno. Allo stesso tempo chiediamo a tutto il Consiglio Comunale di approvare la delibera velocemente,

perché voluto dai cittadini e che parla al mondo. Un ringraziamento va poi ai presidenti delle commissioni ambiente e mobilità Annamaria Cesaretti e Athos De Luca e a tutti i consiglieri che con loro hanno sostenuto il percorso e l’approvazione della delibera, anche a loro chiediamo di spingere per portarla rapidamente in aula.

La delibera di iniziativa popolare era stata presentata da Legambiente Lazio già a Ottobre del 2012, accompagnata poi formalmente da ben 6.400 firme attendeva di essere discussa da 2 anni. Con tutti i pareri favorevoli ottenuti e con il voto di oggi, rimane solo il passaggio in consiglio perché venga dato seguito all’impegno di centinaia di migliaia di volontari di Legambiente e delle tante associazioni che sostengono questa battaglia di civiltà per un futuro migliore di Roma.

Tags, , ,

2014/03/31 – Legambiente oggi in commissione congiunta mobilità/ambiente del Comune di Roma per la delibera di iniziativa popolare sulla pedonalizzazione dei Fori e Colosseo

Legambiente oggi in commissione congiunta mobilità/ambiente del Comune di Roma per la delibera di iniziativa popolare sulla pedonalizzazione dei Fori e Colosseo: “Si arrivi all’approvazione in commissione per iniziare la discussione in consiglio”

Stamattina nella commissione congiunta mobilità/ambiente del Comune di Roma si è discussa la delibera di pedonalizzazione di Via dei Fori e del Colosseo proposta da Legambiente con la presenza della consigliera regionale Cristiana Avenali prima firmataria della delibera e di una rappresentanza dell’agenzia della mobilità che ha presentato numeri incoraggianti sul traffico locale dopo il divieto alle auto private in Via dei Fori dello scorso agosto. Dopo quasi due anni dalla presentazione della delibera e dopo l’acquisizione del parere favorevole dei dipartimenti ambiente e mobilità e della sovrintendenza capitolina, sta andando avanti l’iter in commissione per poter far approdare in consiglio comunale la nuova idea di pedonalizzazione ormai indispensabile.

“La delibera sia approvata dalla commissione mobilità/ambiente dove la stragrande maggioranza dei membri si è già detta favorevole alla pedonalizzazione – dichiara Roberto Scacchi direttore di Legambiente Lazio – vengano realizzati velocemente gli approfondimenti necessari e si vada rapidamente a liberare il Colosseo dalle auto. L’agenzia per la mobilità del comune di Roma oggi ci hanno consegnato dati importanti, dallo stop alle auto private dello scorso agosto il traffico è diminuito nel quadrante tra il 10% e il 50% risolvendo i problemi di congestione delle auto nel rione Monti e liberando buona parte dell’area dai mezzi privati oltre all’abbattimento del 70% di passaggio di auto in Via dei Fori stessa. Questi sono i segnali che si deve andare fino in fondo liberando il centro dal mezzo privato, abbiamo poi oggi acquisito in sostanza un parere favorevole per la pedonalizzazione di sabato che può e deve essere messa in campo il più presto possibile”.

La commissione si è aggiornata per raccogliere ulteriori approfondimenti e gli ambientalisti saranno ancora presenti per spingere verso una decisione che tutti condividono ma ancora non applicata.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,