Tag Archive piste ciclabili

Il 14 giugno c’è #Velolove, prima festa nazionale dei ciclisti urbani a Roma

24 ore di eventi tutti da pedalare e una manifestazione per città a 30kmh orari Volendo, passando di evento in evento, si potrebbe salire in bici la mattina di sabato e scendere di sella 24 ore dopo. Oppure molto più facilmente si può scegliere una delle tante iniziative lente, divertenti e alla portata di tutti proposte da #VeloLove 2014, la prima festa nazionale dei ciclismi urbani. Dalle 9.30 di sabato 14 alle mattina della domenica si svolge a Roma il più poliedrico incontro di biciclettari metropolitani, dedicato alle diverse sfaccettature di chi usa soprattutto le proprie gambe per muoversi. Si comincia la mattina a Villa Borghese con il Tweed Ride Picnic – bici vintage e abbigliamento stile belle époque – e si finisce la sera, sempre negli storici giardini romani, con la Urbe Criterium Race, una sfida underground internazionale per scattofisso senza freni riservata a esperti bike messenger e atleti che hanno familiarità con le bici da pista. Nel corso di #VeloLove, inoltre, si potrà ballare silenziosamente e fare uno spuntino con la Magnalonga by Night, ciclodegustazione di prodotti tipici, scattare con il Brompton Italian Championship (ironica corsa con bici pieghevoli tra pendolari intermodali), assistere a un torneo-esibizione di Cycle Polo, la variante sull’erba del Bike Polo, sport metropolitano che si pratica con cavalli meccanici a pedali.
L’appuntamento clou è sicuramente la manifestazione 30 e lode organizzata da Rete Mobilità Nuova e #Salvaiciclisti con la collaborazione di tante altre realtà che si occupano di mobilità – da Legambiente ai Ciclonauti – che percorrerà le strade della Capitale per chiedere un nuovo limite di velocità all’interno dei centri abitati del nostro Paese, così come previsto dalla proposta di legge sulla mobilità nuova attualmente in discussione alla Camera. La pedalata partirà nel primo pomeriggio da piazza del Popolo e attraverserà la città per poi confluire a Villa Borghese, chiamando a raccolta ciclisti e pedoni per sottolineare la necessità non solo dell’introduzione dei 30 orari sulle strade urbane (eccezion fatta per le principali arterie di scorrimento), ma anche per rimarcare la forte domanda popolare di azioni che favoriscano un nuovo stile di mobilità.
Il corteo nazionale 30 e lode sarà preceduto la mattina da 30 piazze per 30 all’ora. Un gruppo di ciclisti partirà da Piazza San Silvestro (Bike Square) e percorrerà un itinerario che toccherà 30 piazze del centro storico indossando maglie col simbolo del limite di velocità a 30kmh. Rallentare la velocità massima in città è un intervento già realizzato in molti centri urbani europei che non ha praticamente controindicazioni (i tempi di percorrenza sono analoghi a quelli registrati col limite a 50kmh) e che al contrario produce una lunga serie di esternalità positive in termini di sicurezza, di riduzione della congestione, dello smog, del rumore, dei consumi di carburante, dell’aggressività alla guida e rende – praticamente a costo zero – le strade fruibili e accoglienti anche per il traffico non motorizzato.
#VeloLove è, insomma, un appuntamento dove ci sono, nello stesso tempo, eventi da guardare e eventi da vivere e dove essere protagonisti di una mobilità nuova: riempire le strade di ciclisti urbani di tutte le età è infatti uno dei modi più immediati per mettere in evidenza che il desiderio di uscire dall’ingorgo quotidiano non è la pretesa di una nicchia o di una categoria, ma un desiderio diffuso e improcrastinabile.
Per questo VeloLove non la classica festa che dura un giorno soltanto, ma è un insieme di tanti appuntamenti. La settimana scorsa, ad esempio, gli alunni di decine di elementari di tutta Italia hanno raggiunto la propria in classe in bici per salutare la chiusura dell’anno scolastico con il Bike to School. Questo evento spontaneo da mesi coinvolge tantissimi bambini di diverse città italiane (Roma, Milano, Genova, Napoli, Bologna, Torino e Trieste) e fa scoprire ai più piccoli – e ai genitori che li accompagnano – un modo di percorrere il quotidiano tragitto da casa a scuola divertente e coinvolgente rendendo dando un aspetto più umano alle città. Sabato scorso, al MAXXI – il Museo di arte contemporanea di Roma, è stato presentato il 1° Album di Figurine dei Ciclisti Urbani, realizzato in occasione di VeloLove con il contributo di Selle Royal e degli editori Ediciclo e Terre di Mezzo.

Ed eventi VeloLove ci sono prima e dopo il 14 giugno. Nel pomeriggio del 13, nel V municipio, si terrà Festambiente 30 e lode: cittadini ciclisti e non ciclisti, insieme al circolo Città Futura di Legambiente chiederanno il rispetto e il rafforzamento delle Zone 30 esistenti e l’individuazione di nuove area da mettere in sicurezza in particolare nei pressi delle scuole e dei parchi. Sempre il 13, la sera, si svolgerà la Pedalata di Luna Piena una passeggiata in bicicletta tra amici per godere della Capitale approfittando delle piacevoli nottate che solo Roma sa offrire. Mentre domenica 15, dopo un sabato di orgoglio ciclistico, la bici torna a essere solo un accessorio di un ciclotour turistico riservato ai non romani tra mausolei e siti archeologici che sfuggono agli occhi del turista che s’accontenta della foto ricordo col Colosseo.

#VeloLove, infine, si svolge in tandem con Ciclomundi. La festa nazionale dei ciclisti urbani di Roma è gemellata con il festival del viaggio in bicicletta nato da un’idea di Ediciclo che si svolge a Portogruaro (Ve) il 13, il 14 e il 15 giugno. Mentre la settimana successiva, il 21, il Palco a Pedali dei Tetes de Bois, ultimo degli appuntamenti VeloLove di giugno, sbarca al Parco Regionale dell’Appia Antica per festeggiare insieme anche quest’anno tra musica e racconti il solstizio d’estate in bicicletta. VeloLove è un evento di #Salvaiciclisti, Rete Mobilità Nuova, Legambiente e Ciclonauti realizzato in tandem con Bike to School, Ciclomundi, Zona 30, Palco a Pedali dei Tetes de Bois, #RomaPedaladiPiù, Brompton Italian Championship, We are Traffic, Bike Porn Garage, Re Bike, Coordinamento Roma Ciclabile, Roma Bike Polo, Urbe Criterium e con la collaborazione di BikeItalia, Bicycle Tv, Green Me, Terre di Mezzo, Ediciclo Editore, Zio Bici, Biciclettaro, Retròciclette.
Per info: 349 4597846 facebook twitter @VEL0Love velolove.it
Il programma di VeloLove (info anche su velolove.it)
Venerdì 13 giugno
Ciclomundi, raggi di letteratura
Da venerdì 13 a domenica 15 giugno. Portogruaro, Venezia.
Straordinario gemellaggio tra la prima edizione di VeloLove e Ciclomundi, l’unico festival in Italia interamente dedicato al viaggio e alla vacanza a due ruote. Mai come in questa quarta edizione Ciclomundi sviscera il tema in tutte le sue sfumature. Racconta il viaggio, infatti, attraverso la voce di scrittori come Claude Marthaler, lo svizzero che ha già compiuto il giro del mondo a pedali o Heinz Stüche, il celebre ciclonauta tedesco che ha nelle gambe più di 600.000 chilometri in 50 anni di pedalate o ancora Emilio Rigatti, il professore friulano che si muove solo in bicicletta. Oppure lo studia e lo commenta attraverso convegni importanti, come quello sulle “Nuove strade del turismo”. O ancora stimola la riflessione con la lectio magistralis dell’antropologo francese Marc Augé, o con il fight cycling tra ciclista sportivo e ciclista urbano che vedrà confrontarsi tra loro Giovanni Gurisatti e Alberto Fiorillo, moderati dal docente di filosofia Walter Bernardi. Ciclomundi, nato da un’idea di Ediciclo editore, è inoltre teatro, musica, laboratori per bambini, escursioni (indovinate con quale mezzo di trasporto?). Il programma completo è su www.ciclomundi.it
Festambiente 30 e lode Ore 17.00. 5° Municipio, via Oberdan Petrini.
Festambiente Sport lancia VeloLove partendo dal 5° Municipio. Cittadini ciclisti e non ciclisti, insieme al circolo Città Futura di Legambiente chiederanno il rispetto e il rafforzamento delle Zone 30 esistenti e l’individuazione di nuove area da mettere in sicurezza in particolare nei pressi delle scuole e dei parchi. Una città più sicura e vivibile, infatti, si inizia a costruire anche dalla mobilità dei suoi abitanti. Il 13 Giugno quindi appuntamento alle ore 17,00 con Festambiente Sport e VeloLove. Partenza dal campo polivalente di via Oberdan Petrini (angolo vi della Primavera). Sarà l’occasione per raccogliere le proposte e le osservazione dei cittadini sul tema della mobilità e per arricchire il percorso del Forum sulla Mobilità del nostro Municipio.
Pedalata di Luna Piena Ore 20.00. Piazza del Popolo, Roma
Avete mai guardato la Luna da sotto al Colosseo? Vi siete mai immaginati di poterla intravvedere tra gli alberi del lungotevere o fra un palazzo e l’altro della capitale? Adesso c’è l’occasione giusta: la Pedalata di Luna Piena, edizione speciale #VeloLove, è una passeggiata in bicicletta tra amici per godere della Capitale approfittando delle piacevoli nottate che solo Roma sa offrire. È un evento popolare, “importato” dall’Argentina, dove è nato spontaneamente qualche anno fa. Non c’è bisogno di iscrizioni, pagamenti, o sottoscrizioni di alcun genere: noi pedaliamo, chi vuole si aggrega. Si chiede ai partecipanti di avere solamente una bici dotata di luci per farsi vedere, un po’ di tranquillità e tanti sorrisi da regalare agli altri.

Sabato 14 giugno 30 ciclisti, 30 piazze, 30 all’ora Ore 9.30. Piazza San Silvestro (Bike Square), Roma 30 ciclisti per 30 piazze per 30 all’ora. Un gruppo di 30 ciclisti partirà da Piazza San Silvestro (Bike Square) e percorrerà 30 piazze del centro storico indossando maglie col simbolo del limite di velocità a 30kmh per richiedere interventi di moderazione delle velocità di picco del traffico veicolare e di messa in sicurezza degli utenti non motorizzati della strada (pedoni, ciclisti, disabili…). In ogni piazza verrà raccontato un aneddoto o una vicenda legata a quel luogo, mentre la pedalata avrà anche lo scopo di mostrare alla cittadinanza più “distratta” come la bicicletta sia un mezzo di trasporto in grado di garantire modalità di fruizione della città ed un’efficienza di spostamento impensabili con qualsiasi altro veicolo. L’iniziativa, per esigenze logistiche, potrà ospitare un massimo di 30 partecipanti.
Pedalata 30 e lode Ore 15. Piazza del Popolo, Roma
L’appuntamento clou di #VeloLove è l’evento nazionale 30 e lode. Dopo il successo degli appuntamenti del 2012 ai Fori Imperiali e del 2013 a Milano, #Salvaiciclisti e Rete Mobilità Nuova tornano a promuovere un corteo in bici per sollecitare un nuovo limite di velocità all’interno dei centri abitati del nostro Paese, così come richiesto dalla proposta di legge sulla mobilità nuova attualmente in discussione alla Camera. Il corteo partirà nel primo pomeriggio da piazza del Popolo e attraverserà la città per poi confluire a Villa Borghese, chiamando a raccolta tutti quelli che pedalano o si spostano con le proprie gambe per sottolineare la necessità non solo dell’introduzione dei 30 orari sulle strade urbane (eccezion fatta per le principali arterie di scorrimento), ma anche per rimarcare la forte domanda popolare di azioni che favoriscano un nuovo stile di mobilità.
Tweed Ride Picnic Ore 11.30. Villa Borghese, Roma
Una pedalata urbana con un tocco di stile che ha contagiato tante città di tutto il mondo. La Tweed Ride® è una passeggiata ispirata alle suggestioni della belle époque per appassionati di bici vintage, un ironico salto all’indietro nel tempo che al suo passaggio – grazie alla cura dei particolari, dai baffi a manubrio veri o posticci agli abiti d’antan – spennella le strade della città con un elegante e divertente tocco retrò. La Tweed Ride® Picnic – edizione speciale organizzata appositamente per VeloLove – al termine di un tour nel centro storico arriverà a Villa Borghese per una colazione sull’erba, immergendosi nelle atmosfere en plen air tipiche dell’impressionismo. Per partecipare basta rovistare in soffitta, in cantina e negli armadi e, con un po’ di fantasia e creatività, sarà possibile ridare vita a qualche vecchio abito dei nonni e rimettere in sesto una bici dimenticata. Un geniale tutorial sul sito della Tweed Ride® spiega come trasformarsi, con quello che si ha a disposizione in casa, in straordinari protagonisti della belle époque.
Magnalonga by Nigt Ore 20.00. Villa Borghese, Roma
Quando nel 2009, tornando da una passeggiata lombarda, un piccolo gruppo di pedalatori si mise a sedere nella cucina di casa nel popolare quartiere romano del Tufello, fu automatico per loro pensare di legare alla bicicletta quella voglia di stare insieme. E così, seduti a tavola, cominciarono a progettare un’iniziativa per Roma che riuscisse ad unire differenti aspetti e potesse essere strumento diverso per un nuovo mondo possibile. In questa sesta edizione di Magnalonga, dedicata ai molteplici utilizzi delle due ruote in città con un particolare attenzione alle periferie, traspare tutta l’energia e la forza che solamente la passione per la Bellezza può dare. Una Magnalonga che ha visto crescere una comunità di persone unite dalla voglia di sperimentare, creare, inventare e immaginare per studiare una città diversa. A loro è dedicata questa “Magnalonga by Night” una festa mangereccia e per ballare insieme ai volontari che in questi anni hanno consentito di sperimentare un pezzo di futuro: una discoteca silenziosa in cuffia che consente di vivere gli spazi pubblici diminuendo l’impatto acustico ed energetico.
Bike Polo Tournament Ore 10.00-16.00. Villa Borghese, Roma
A pochi metri di distanza c’è Piazza di Siena, dove si svolge il più famoso concorso ippico italiano. Loro invece non hanno quadrupedi, ma animali meccanici, eppure si ispirano a uno sport nato proprio in sella ai cavalli. Il Bike Polo (biciclette, mazze e una pallina di gomma) s’è imposto tra i giovani come street sport e, in occasione di #VeloLove, ci sarà l’opportunità di conoscere da vicino questa disciplina grazie a un’insolita esibizione di cycle polo in mountain bike sull’erba (solitamente si gioca sull’asfalto). Non si può toccare con il piede per terra e si può segnare (in porte da hockey) soltanto colpendo la palla con la testa della mazza. Nel Bike Polo non c’è arbitro e tutto si basa sul fair play delle squadre che devono evitare giocate troppo aggressive. Ma se le regole sono facili, per giocare bisogna essere abili ciclisti: per essere competitivi serve equilibrio, una discreta forza nelle gambe e tanta precisione. Quella del Bike Polo è una comunità che si riconosce e si moltiplica anche grazie alla rete, dove decine di siti, forum e blog diffondono la nuova filosofia degli “street biker” cittadini: conquistare spazi, agire in libertà.
Brompton Italian Championship Ore 20.00. Villa Borghese, Roma

Giacca, camicia e cravatta per la tenuta da corsa, bici pieghevole come bolide da gara. Il Brompton Italian Championship – campionato riservato ai pedalatori di folding bike made in Britain – vuole soprattutto divertire e stupire. L’aplomb che traspare dall’abbigliamento che il regolamento impone al corridore è immediatamente demolito dalla baraonda che si scatena dopo il via per conquistare la testa del gruppo: si spinge con una foga agonistica che solitamente non appartiene al pendolare di lungo corso, attento più all’efficienza che alla velocità dello spostamento urbano. I bromptoniani appartengono a una tribù eccentrica, sono i meticci della mobilità, mezzi ciclisti e mezzi utenti del trasporto pubblico, i nuovi commuter della mobilità nuova. La gara dovrebbe simulare un tranquillo percorso casa-lavoro, ma l’annuale Brompton Italian Championship fa emergere lo spirito competitivo e battagliero. Anche per far vedere che chi le ha piccole, le ruote, non ha meno sprint dei corsaioli. Per iscriversi alla gara non è necessario possedere una Brompton: se ne può recuperare una in prestito o c’è la possibilità di affittarle da Zio Bici (andrea@ziobici.it).

Urbe Criterium Race Ore 22.00. Villa Borghese, Roma

Otto curve, una sola marcia, zero freni. La Urbe Criterium Race è una combinazione di velocità, adrenalina, totale padronanza della bici a scatto fisso. Moderni cavalieri, ciclisti urbani, patiti delle fixed, bike messenger e atleti d’élite di tutto il mondo, si sfidano in notturna all’interno di Villa Borghese su un tracciato di 1300 metri da ripetere 15 volte. Non ci sono distinzioni di sesso, di categoria, d’età. Chi supera le severe prove di selezione potrà tentare di puntare dritto all’obiettivo finale: correre più veloce degli altri e, soprattutto, farlo evitando accuratamente di conoscere da vicino l’asfalto nelle curve a uncino da affrontare senza freni. Questa gara estrema si corre per la prima volta a Roma e diventerà, a partire da quest’anno, un appuntamento fisso della capitale entrando a far parte del circuito internazionale delle Criterium, competizioni underground che si disputano nelle principali metropoli di tutto il mondo e che offrono emozioni inedite ai protagonisti e al pubblico.

Lo spazio B&B di VeloLove Ore 18.00. Piazzale dei Cavalli Marini. Villa Borghese, Roma

Lo spazio B&B, Bike&Book, di VeloLove rappresenta un momento e identifica uno spazio brioso e ludico di approfondimento sul rapporto tra cinema, letteratura, media e poesia con ” l’oggetto del desiderio” rappresentato dalla bicicletta. Steve Della Casa, Fabio Rosati,Valentina Tramontana le prime persone coinvolte. E poi tanti ospiti a sorpresa. Dal primo pomeriggio, lo spazio B&B accoglierà proposte, suggestioni, interventi. Si parlerà di libri dedicati alla bici, di film importanti che l’hanno avuta protagonista, delle letture fondamentali che ogni cicloattivista o semplicemente ciclista dovrebbe aver fatto o ancora in procinto di fare. Indicheremo “I dieci libri sulla bici che non avete mai osato leggere”. E accoglieremo le vostre proposte. B&B ospiterà, tra l’altro, la presentazione di” Una bella bici che va ” una bella antologia di racconti curata da Isabella Borghese,per Giulio Perrone Editore. E poi …ma non vi sveleremo tutto adesso, naturalmente. Dal primo pomeriggio, quindi, all’insegna del brio e anche dell’improvvisazione. B&B uno spazio “aperto”, e “all’aperto”, all’interno di VeloLove. Dove arrivare con la propria bici e dibattere e incontrarsi.

Rome Beer Bike e la sfida Inghilterra-Italia Ore 20.00. Piazza del Popolo, Roma
Ore 22.00. Riciclofficina Villaggio Olimpico, Roma Birretta e bicicletta. Il Rome Beer Bike è questo: un percorso romano in notturna con tappe in varie zone del centro storico e in diverse birrerie, per invitare chi vuol bere la sera a mollare la macchina a casa e pedalare. Il tour del 14 giugno è organizzato da Rome Beer Bike insieme alla Riciclofficina Villaggio Olimpico dove, al termine del giro, si potrà mangiare e, a mezzanotte in punto, assistere su maxischermo a Italia-Inghilterra, prima partita degli azzurri al mondiale brasiliano. I biciclettari appassionati di calcio che dopo aver partecipato a #VeloLove vogliono guardare il mundial all’aria aperta possono puntare sulla Riciclofficina (ingresso a sottoscrizione) e magari partecipare al torneo di biliardino che durerà per tutti i mondiali e mette in palio due bici per la squadra prima classificata.
Domenica 15 giugno L’archeotour in bicicletta Ore 10. Centro storico, Roma
La bicicletta è un ottimo strumento per vedere la città, soprattutto quando un’archeoguida eccezionale è in grado di far immergere i visitatori in un’epoca diversa, riesce col suo racconto a far immaginare come potevano essere nella quotidianità i monumenti del passato che si stanno osservando. Forte di un’esperienza consolidata, è proprio quello che faranno gli accompagnatori di Zio Bici Tour nell’escursione gratuita in bicicletta sulle strade dell’Impero Romano, lungo itinerari unici che attraversano paesaggi e scorci indimenticabili della capitale. #VeloLove, infatti, non è solo amore per la mobilità ciclabile, è anche attenzione alla propria città, alla bellezza, alla cultura, allo stare insieme. Ed è dunque giusto che dopo un sabato di orgoglio ciclistico, la bici torni a essere solo un accessorio che consente spostamenti più comodi e rapidi tra mausolei, siti archeologici e tesori che solitamente sfuggono agli occhi del turista frettoloso e di quello che s’accontenta della foto ricordo con lo sfondo del Colosseo. Il tour è riservato ai non romani e per poter partecipare bisogna prenotarsi. Il luogo dell’incontro sarà comunicato al momento della prenotazione. Prenotazioni andrea@ziobici.it (06.93574093)

Sabato 21 giugno Palco a pedali Tetes de Bois Ore 19.00. Parco dell’Appia Antica, Roma.

Il 22 giugno ci sono i Rolling Stones, e si sa. Ma l’appuntamento veramente da non perdere è quello del giorno prima. Il Palco a Pedali dei Tetes de Bois, ultimo degli appuntamenti VeloLove di giugno, sbarca infatti al Parco Regionale dell’Appia Antica per festeggiare insieme anche quest’anno tra musica e racconti il solstizio d’estate in bicicletta. Il concerto è fissato alle 19.00 e terminerà intorno alle 21.00 per consentire al pubblico di tornare a casa con le ultime luci del giorno. La location è all’entrata di Largo Pietro Tacchi Venturi, a due passi da Via Latina e dalla fermata metro di Colli Albani. Saranno sul Palco a Pedali i Tetes de Bois, Mario Tozzi, Marco Pastonesi, Marco Conidi, Adriano Bono, Alberto Fiorillo, Romano Puglisi e altri. Per iscriversi per pedalare bisogna mandare una email a info@tetesdebois.it con oggetto “IO PEDALO”, e arrivare con la propria bici (ruota 26″ o 28″, la 29 non va bene) intorno alle 18.00 per agganciarsi ai cavalletti. Per dettagli e aggiornamenti www.tetesdebois.it

Tags, , , , ,

2014/03/05 – Trofeo Tartaruga, slalom nel traffico ma la bici è il mezzo più veloce

Legambiente: “Servono scelte e risorse per rendere sicuro l’uso di questo
mezzo. L’obiettivo del PGTU di arrivare al 4% di mobilità ciclabile è troppo
arretrato, spostarsi in bici è ancora impresa per pochi in città, chiediamo nuovi
percorsi e piste ciclabili lungo le arterie più importanti”.

Nel caotico e pericoloso traffico romano chi sceglie di spostarsi in bicicletta lo fa a suo rischio e pericolo, vista le pochissime piste ciclabili a disposizione. Nonostante ciò la bici è riuscita comunque a tagliare per prima il traguardo del “Trofeo Tartaruga”, aggiudicandosi così la medaglia d’oro del premio ideato da Legambiente che mette in competizione i vari mezzi di trasporto per scoprire il modo più veloce, economico e meno inquinante per muoversi in città. Un trofeo che è in realtà l’occasione per rinnovare l’appello di Legambiente agli amministratori locali affinché venga messa in atto una seria strategia sul tema della mobilità sostenibile in città con più servizi e maggiore offerta di trasporto pubblico per cittadini e pendolari. Questo anche alla luce dei dati elaborati dall’associazione ambientalista che vedono Roma ancora indietro nella classifica dell’offerta di trasporto pubblico, di isole pedonali, piste ciclabili e sicurezza stradale. Il Trofeo Tartaruga si è tenuto questa mattina in occasione della tappa a Roma del Treno Verde, la campagna itinerante di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e acustico delle maggiori città italiane, in sosta al binario 1 della stazione Termini fino a venerdì 7 marzo. Il percorso prevedeva la partenza (avvenuta alle ore 10.55) da Viale Marconi, all’incrocio Piazza Fermi con arrivo al binario 1 della stazione Termini dov’è in sosta in convoglio ambientalista. Un percorso di circa 10 km, intervallato da due tappe: la prima all’edicola della stazione Roma Trastevere, dove i partecipanti hanno dovuto acquistare un giornale, e la seconda all’ufficio postale di Largo Argentina per ritirare un conto corrente. Matteo Nardi, giornalista di “Eco delle città” è riuscito
a tagliare per il primo il traguardo in sella alla sua bici, impiegando 40 minuti per raggiungere il binario 1 della stazione Termini; a seguire Alan Terraciano, volontario di Legambiente Lazio, che si è spostato in scooter impiegando 46 minuti. Ultimi, con un tempo di 49 minuti Guido Improta, assessore ai Trasporti e Mobilità del comune di Roma e Danilo Broggi amministratore delegato di Atac S.p.A, che hanno viaggiato
con i mezzi pubblici. Squalificata l’auto con a bordo Nazario Basili, giornalista del Tgr Lazio, che non si è fermato – causa mancanza di parcheggio libero -alla tappa prevista all’ufficio postale di Largo Argentina.

“La bici vince ancora una volta, sugli spostamenti brevi è la migliore soluzione, servono allora scelte e risorse per rendere sicuro l’uso di questo mezzo – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio–. L’obiettivo del PGTU di arrivare al 4% di mobilità ciclabile è troppo arretrato, spostarsi in bici è ancora impresa per pochi in città, servono subito nuovi percorsi e piste ciclabili lungo le arterie più importanti. Abbiamo deciso di partire da viale Marconi per affrontare il tema dell’inquinamento atmosferico del traffico nell’area, va rilanciato il progetto di moderna linea tramviaria del quale si parlava diversi anni fa, che potrebbe cambiare volto a quella parte di città. Servono anche investimenti certi sui mezzi pubblici, Comune e Regione definiscano in modo chiaro le risorse per il TPL per i prossimi anni”. Al suono della sveglia, per spostarsi e raggiungere il luogo di lavoro o la scuola, la maggior parte delle persone sceglie di muoversi con la propria auto privata, con evidenti disagi sia in termini di aumento del traffico che di inquinamento. Auto che invadono, così come testimoniato dagli stessi partecipanti alla gara, anche le corsie preferenziali. Chi si sposta in bici, invece, lo fa a suo rischio: praticamente assenti lungo i circa dieci chilometri di percorso piste ciclabili e segnaletica adeguata. Stando ai dati di Ecosistema Urbano di Legambiente a Roma ci sono soltanto 1,08 metri equivalenti di pista ciclabile per cento abitanti, rispetto ad una media delle grandi città di 4,23 m_eq/100. Bassi anche i dati sull’estensione pro capite della superfice stradale pedonalizzata in città: 0,18 metri quadrati per abitante rispetto ad una media italiana di 0,68 mq/ab. Per l’Agenzia della Mobilità di Roma, almeno il 60% degli spostamenti dall’Area metropolitana al centro della città oggi avviene ancora con il mezzo privato: 2,8 milioni di veicoli potenzialmente circolanti, inclusi moto e motorini, con un tasso di motorizzazione che nel 2011 era di 978 veicoli ogni mille abitanti, contro i 398 di Londra e i 415 di Parigi.

La necessità di un drastico cambio di rotta nella politica della mobilità urbana nella città di Roma è evidenziata anche dagli altri dati raccolti da Legambiente nella ventesima edizione del rapporto “Ecosistema Urbano”. La capitale spicca nella classifica relativa al tasso di motorizzazione auto posizionandosi tra le peggiori della penisola: con 67 auto circolanti ogni 100 abitanti Roma è penultima in Italia; migliore soltanto di Catania con 73 auto. Anche sul tasso di motorizzazione moto la situazione non è delle migliori con 15 motocicli ogni 100 abitanti. Vita non facile per i pedoni, se si valuta anche il tasso di incidentalità stradale che vede a Roma 0,7 vittime ogni 10mila abitanti rispetto alla media tra le grandi città di 0,5 (dati Istat 2011).

Proprio per i ciclisti urbani oggi, alle 18.00, il Treno Verde in collaborazione con ZioBici organizza un aperi-bici a bordo delle carrozze del convoglio ambientalista.

Il Treno Verde è una campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Partner: Ecolamp, Renovo, Weber – Saint Gobain Media Partner: La Nuova Ecologia, MiniMega Pubblicità, Rinnovabili.it Si ringraziano il Museo A come Ambiente di Torino per le installazioni interattive e l’ Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma (Corso di Interior and Industrial Design / AAnt Factory) per aver progettato la mostra del Treno Verde 2014.
SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

100 Strade per Giocare, al via il weekend senza traffico di Legambiente

100 Strade per Giocare, al via il weekend senza traffico di Legambiente
Questo weekend liberiamo strade e piazze dalle automobili con “100 Strade per Giocare”, la campagna di Legambiente che chiude parti della città al traffico e restituisce i quartieri ai cittadini perché tornino ad essere luoghi accessibili di aggregazione dove poter giocare,
socializzare e muoversi in libertà.

A Roma oggi gli scolari del VII Circolo Montessori di Roma hanno sanzionato con multe simboliche le auto parcheggiate irregolarmente intorno all’istituto. I ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Giuseppe Sinopoli” hanno presentato gli elaborati del progetto Città Clima e le misure di sicurezza da loro suggerite per una mobilità alternativa.

Ricco il programma del weekend:

Sabato 4 maggio su Via Venezia Giulia a Roma, ragazzi e genitori faranno il percorso casa-scuola in bici e consegneranno le rastrelliere per il parcheggio delle due ruote da installare nel cortile della scuola locale.

Domenica 5 maggio strade chiuse anche a Ferentino, Villa Adriana (Tivoli) e via della Cellulosa a Roma. Il Circolo di Ferentino (FR) chiude il centro cittadino per sensibilizzare gli amministratori locali alla realizzazione di piste riservate a pedoni e ciclisti. Una giornata di attività ludiche in via della Cellulosa 132 a Roma, dalle ore 10 alle 19 laboratori di legno per bambini, giocoleria a cura degli artisti Japo e Luludy e il Circus Follies, il clown Pillola, i giocolieri Arteingioco. Un pomeriggio per grandi e piccini a partire dalle ore 15 a Villa Adriana (Tivoli). Gli animatori del Centro Culturale Vincenzo Pacifici organizzano giochi in piazza, torneo di calcetto e roverino ed espongono in una mostra tutte le attività del centro. Verrà presentato il progetto “Fare Energia” di cui sarà premiato il vincitore. Acquisti, scambi e vendite al “Mercatino del riuso del giocattolo”, realizzato in collaborazione con l’associazione “Maga Va”.

“Fermare il dominio incontrastato delle automobili per rendere più vivibili le nostre città, decongestionare il traffico, migliorare la qualità dell’aria e della vita dei cittadini –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Dalla pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali alla realizzazione di piste riservate a pedoni e ciclisti, ripartiamo da queste misure per promuovere una mobilità nuova, un nuovo modo di pensare alle nostre città e tornare alle vecchie e sane pratiche di socializzazione ed aggregazione.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Sicuro in Bici è Meglio, progetto per sicurezza in bici e nuovi itinerari ciclabili, fa tappa a Rieti

Sicuro in Bici è Meglio, progetto per sicurezza in bici e nuovi itinerari ciclabili, fa tappa a Rieti

A Rieti, il terzo incontro per la presentazione del progetto “Sicuro in bici è meglio” che Legambiente Lazio sta realizzando insieme al Centro Interuniversitario di Ricerca per gli Studi sulla Sicurezza Stradale – Università Roma Tre (CRISS) con il contributo della Regione Lazio per favorire la diffusione di comportamenti responsabili tra gli utenti della strada e diffondere una nuova cultura della sicurezza stradale per la tutela e promozione della mobilità ciclabile.

“Questo progetto sulla ciclabilità, sia come diritto ad andare in bici che come auspicata alternativa al traffico delle auto private, si presenta nella prospettiva di un’indispensabile diffusione dell’uso della bicicletta come mezzo sostenibile -hanno affermato Roberto Scacchi e Gabriele Zanin del Circolo Legambiente Centro Italia di Rieti-. La viabilità di Rieti e provincia non sempre favorisce l’uso della bicicletta, per questo vanno realizzati itinerari sicuri.” L’incontro ha coinvolto associazioni, docenti e studenti dell’Istituto Giovanni Pascoli per pensare nuove piste ciclabili a Rieti.

Il prodotto principale del progetto “Sicuro in bici è meglio” è un Manuale di 140 pagine, per l’individuazione di itinerari ciclabili sicuri ai fini degli spostamenti sistematici e occasionali,
destinato a livelli diversi, sia agli studenti delle scuole partecipanti al programma, che ad eventuali
professionalità tecnico-amministrative interessate alla tematica. Nell’ambito delle attività inerenti
il progetto di ciclabilità sicura, il manuale sarà affiancato da strumenti interattivi, quali software ed applicazioni per smartphone.

“Questo progetto non prevede alcun intervento strutturale, ma procedure ed approcci per individuare sulla rete esistente percorsi ciclabili sicuri, indicando soluzioni dai costi ridotti o suggerendo interventi concreti agli enti competenti -ha affermato Andrea Benedetto, del Centro Interuniversitario di Ricerca per gli Studi sulla Sicurezza Stradale – Università Roma Tre (CRISS)-. L’obiettivo principale è quello di utilizzare e recuperare spazi comuni o residuali per creare itinerari fruibili durante spostamenti sistematici, una strategia possibile e potenzialmente molto efficace in aree che comprendono Rieti e provincia.”

Gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado possono aderire al progetto e ricevere così il Manuale “Sicuro in bici è meglio”, per progettare poi con le loro classi iniziative per favorire l’uso della bici e partecipare al Concorso a Premi creativo tematico SCUOLA CICLABILE, nell’ambito del quale verranno raccolti i prodotti dei ragazzi (idee progettuali, studi di itinerari ciclabili sicuri casa-scuola e di eventuali interventi low-cost necessari al completamento; stimoli artistici, disegni, cortometraggi, foto; prodotti culturali, documentari, dossier, audiovisivi; prodotti didattici; strumenti promozionali volti a sensibilizzare i cittadini e favorire l’utilizzo sicuro della bicicletta).

È possibile scaricare il regolamento del concorso nonché tutte le informazioni sul progetto dal sito www.sicuroinbici.legambientelazio.it o su Facebook www.facebook.com/sicuro.inbici Per qualsiasi ulteriore informazione, chiarimento o comunicazione fate riferimento a Legambiente Lazio (0685358051 – 0685358077 – posta@legambientelazio.it).

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Sicuro in Bici è Meglio, seconda tappa del progetto per sicurezza in bici e nuovi itinerari ciclabili a Viterbo

Sicuro in Bici è Meglio, seconda tappa del progetto per sicurezza in bici e nuovi itinerari ciclabili a Viterbo

Si è tenuto a Viterbo il secondo appuntamento del progetto “Sicuro in bici è meglio” che Legambiente Lazio insieme al Centro Interuniversitario di Ricerca per gli Studi sulla Sicurezza Stradale – Università Roma Tre (CRISS) sta realizzando col contributo della Regione Lazio per favorire la diffusione di comportamenti responsabili tra gli utenti della strada e diffondere una nuova cultura della sicurezza stradale per la tutela e promozione della mobilità ciclabile. Questo incontro, patrocinato dalla Fondazione CARIVIT, ha coinvolto docenti ed esperti.

“I dati in nostro possesso mostrano che la presenza di piste ciclabili è una rarità. Poche sono le iniziative politiche favorevoli ad una mobilità ciclabile. Durante questo incontro abbiamo ricevuto molti suggerimenti e proposte da parte di associazioni ed utenti -hanno affermato Roberto Scacchi, responsabile Scuola di Legambiente Lazio, e Pieranna Falasca coordinatrice provinciale Legambiente Viterbo-. La viabilità di Viterbo e provincia non favorisce l’uso della bicicletta, per questo vanno realizzati itinerari sicuri, incentivato l’uso delle due ruote come mezzo di spostamento ecologico e sostenibile in zone di grande bellezza e dal grande valore turistico.” Il prodotto principale del progetto “Sicuro in bici è meglio” è un Manuale di 140 pagine, per l’individuazione di itinerari ciclabili sicuri ai fini degli spostamenti sistematici e occasionali, destinato a livelli diversi, sia agli studenti delle scuole partecipanti al programma, che ad eventuali professionalità tecnico-amministrative interessate alla tematica. Nell’ambito delle attività inerenti il progetto di ciclabilità sicura, il manuale sarà affiancato da strumenti interattivi, quali software ed applicazioni per smartphone.

“Questo progetto non prevede alcun intervento strutturale, ma procedure ed approcci per individuare sulla rete esistente percorsi ciclabili sicuri, indicando soluzioni dai costi ridotti o suggerendo interventi concreti agli enti competenti -ha affermato Alessandro Calvi, del Centro Interuniversitario di Ricerca per gli Studi sulla Sicurezza Stradale – Università Roma Tre (CRISS)-. L’obiettivo principale è quello di utilizzare e recuperare spazi comuni o residuali per creare itinerari fruibili durante spostamenti sistematici, una strategia possibile e potenzialmente molto efficace soprattutto in contesti urbani come quello di Viterbo.”

Gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado possono aderire al progetto e ricevere così il Manuale “Sicuro in bici è meglio”, per progettare poi con le loro classi iniziative per favorire l’uso della bici e partecipare al Concorso a Premi creativo tematico SCUOLA CICLABILE, nell’ambito del quale verranno raccolti i prodotti dei ragazzi (idee progettuali, studi di itinerari ciclabili sicuri casa-scuola e di eventuali interventi low-cost necessari al completamento; stimoli artistici, disegni, cortometraggi, foto; prodotti culturali, documentari, dossier, audiovisivi; prodotti didattici; strumenti promozionali volti a sensibilizzare i cittadini e favorire l’utilizzo sicuro della bicicletta).

È possibile scaricare il regolamento del concorso nonché tutte le informazioni sul progetto dal sito www.sicuroinbici.legambientelazio.it o su Facebook www.facebook.com/sicuro.inbici Per qualsiasi ulteriore informazione, chiarimento o comunicazione fate riferimento a Legambiente Lazio (0685358051 – 0685358077 – posta@legambientelazio.it).

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , ,

400 in bici per la Magnalonga 2011 di Legambiente per riscoprire Roma a pedali e incontrare culture e prodotti del mondo

Roma è meglio in bici, più piste e corsie ciclabili e più bike sharing, ma anche più accoglienza. Grande partecipazione alla terza edizione della Magnalonga di Legambiente: in più di 400 hanno preso parte alla bella passeggiata in bicicletta, ormai diventata un appuntamento della primavera romana, per riscoprire Roma a pedali e incontrare culture e prodotti del mondo. “Magnamondo: il Mondo a Portata di Bici” il titolo di questa edizione dell’iniziativa organizzata dal Circolo Legambiente Mondi Possibili, dall’Associazione Culturale Tavola Rotonda, da NaturAmici Fiab, dal web promoter MitologiCom e da Legambiente Lazio, con il supporto dell’Assessorato alla Politiche Culturali e Centro storico del Comune di Roma, del Parco Regionale dell’Appia Antica, di Tina Due – Scuola di Italiano per stranieri, dell’Ambasciata e dell’Ente del Turismo del Regno del Marocco, di Unicoop Tirreno, di Biogrì e di Ama Roma, con il coinvolgimento di 12 associazioni e oltre 40 volontari. Hanno dato il via da piazza Vittorio al percorso di trenta chilometri – che attraversa le meraviglie del Parco Regionale dell’Appia Antica, lungo percorsi ciclabili e di interesse centrati quest’anno sul tema della multiculturalità – Dino Gasperini, Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico del Comune di Roma; Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio; Nezha Attahar, Ministro Plenipotenziario e Responsabile dell’Ufficio Comunicazione e Stampa dell’Ambasciata del Regno del Marocco; Alma Rossi, direttrice del Parco Regionale dell’Appia Antica.

“Roma è meglio in bici. La forte adesione alla Magnalonga di Legambiente dimostra il desiderio dei cittadini di una migliore qualità della vita ma anche di una grande disponibilità al confronto con le altre culture che convivono nella Capitale – affermano Cristiana Avenali, Direttrice di Legambiente Lazio e Roberta Miracapillo, Presidente Circolo Legambiente Mondi Possibili, tra gli organizzatori dell’iniziativa. – A Roma cresce la voglia delle due ruote; il 5% degli spostamenti viene effettuato in bici ma purtroppo mancano totalmente gli spazi e la sicurezza necessari a sostenere questa scelta. Dal Comune di Roma servono misure concrete per combattere il traffico privato e potenziare il trasporto pubblico, con più piste, corsie ciclabili e bike sharing. La bici è anche un bel modo per riscoprire la socialità in città, chiusi nelle automobili e assediati nei quartieri dalla sosta selvaggia e dallo smog è più difficile confrontarsi, il futuro si gioca sull’accoglienza, sulla solidarietà e sui diritti, non certo sull’emarginazione”.

Dai giardini di Piazza Vittorio fino al Parco Regionale dell’Appia Antica sono stati proposti, nelle cinque tappe, prodotti tipici di diversi paesi del mondo, spettacoli musicali e performance legate  alle tradizioni popolari: al Casale Museo di Tor Fiscale, tra buon vino e un primo piatto della cucina bengalese, i ciclisti sono stati intrattenuti da Esmeralda Sciascia e dal suo gruppo AfroJazz. In via Lemonia, l’atmosfera è stata interamente in stile marocchino, a Sant’Urbano, sono stati offerti yogurt biologici realizzati grazie a un progetto di micro-reddito di ragazzi africani provenienti da
Rosarno e piatti della tradizione Yoruba accompagnati da dimostrazioni di Tai Chi taoista; il coro femminile multietnico “Incanto” ha infine accolto i ciclisti al Casale Annia Regilla dove è stato possibile assaporare Thé del mondo e cibi senegalesi. Il giro si è concluso presso la Scuola Di Donato di Via Bixio con i laboratori per bambini “Sotto Questo Sole… bello pedalare”, in occasione degli European Solar Days, in collaborazione con la Città del Sole. Successo per l’apertura straordinaria dell’Auditorium di Mecenate a Largo Leopardi (Via Merulana) con la cooperativa Cotrad. Dopo la riffa finale, che ha visto in palio come primo premio una vacanza in Marocco, il concerto dei Botos, gruppo emergente romano che ha firmato l’inno della manifestazione, ha concluso la serata.

“Il gusto di scoprire e riscoprire la città e ancor di più le tante città che sono al suo interno, visto il tema di quest’anno legato all’interculturalità” – ha commentato l’iniziativa Dino Gasperini, Assessore alle Politiche Culturali e Centro storico del Comune di Roma. – Una splendida occasione per incontrarsi, il piacere di una festa, la convivialità del gusto e il desiderio di fare e condividere cultura; un modo quindi, passeggiando per la città, per mettersi in gioco confrontandosi con altri paesi del mondo”.

Partner dell’iniziativa: Bicicliamo, Globolocal, Agriturist, Associazione La Torre del Fiscale, Cotrad, Laboratorio 53, YogurtBio – progetto di microreddito, Ronconi Biciclette, i Botos, Yoruba, Enoteca del Baronio, Associazione Genitori Scuola Di Donato, Sentieri Musicali, Associazione di Thai Chi Taoista, Oasi Urbana, Coopi, Roma Multietnica. Media partner: La Nuova Ecologia, La Foglia News, Radio Meridiano 12, EcoTV, Ecoradio, Io Faccio Sport, Famiglie a Roma, Che si fa Bimbi.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,