Tag Archive rischio chiusura

Legambiente aderisce all’appello per salvare i Gatti di Porta Portese

Legambiente aderisce all’appello per salvare i Gatti di Porta Portese: Comune preveda subito primi lavori per sventare chiusura oasi felina
Legambiente aderisce all’appello per salvare i “Gatti di Porta Portese”. Dopo molti anni di rimpalli di responsabilità, stavolta è serio il rischio della chiusura della struttura gestita dai volontari dell’ARCA Colonia felina della Piramide Onlus. Come la stessa associazione denuncia dal 2003, la struttura che ospita i felini sta cadendo a pezzi nonostante alcuni interventi di manutenzione ordinaria realizzati: se i lavori non saranno avviati nei prossimi giorni la struttura dovrà chiudere, spostando gli animali presso altre strutture, come ha intimato il Comune di Roma dopo un’ispezione all’area del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

“Gli oltre duecento gatti di Porta Portese non sono pacchi da spostare, il Comune preveda subito i primi lavori urgenti alla struttura per sventare la chiusura -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Quella del gattile gestito dall’Arca è un’esperienza bella e particolare, gli animali vengono accuditi e curati, ma vivono liberi lungo le sponde del Tevere, spostarli o magari chiuderli in gabbie sarebbe una cosa folle. Chiediamo anche al Sindaco di fare immediata chiarezza rispetto all’ipotesi che la struttura di Porta Portese sia nell’elenco degli immobili che il Comune di Roma intende vendere, come di recente previsto nell’ultimo bilancio.”

L’Oasi di Porta Portese solo fino al 30 settembre scorso, nel 2012, ha dato riparo a circa 106 gatti,
dei quali ben 68 sono stati adottati. Tra i 260 e più gatti che abitano l’oasi felina ci sono gatti FIV e
FELV che vivono in uno spazio appositamente creato per loro, necessitano di particolari attenzioni e
difficilmente potrebbero trovare altre soluzioni per vivere.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Parco canile di Vitinia, Legambiente visita la struttura. “Ottime condizioni anche dopo giorni di forte pioggia, chiuderlo sarebbe un errore e un danno a Roma Capitale”

Parco canile di Vitinia, Legambiente visita la struttura. “Ottime condizioni anche dopo giorni di forte pioggia, chiuderlo sarebbe un errore e un danno a Roma Capitale”
“Al Parco canile di Vitinia serve uno scatto di reni da parte della pubblica amministrazione che possa operativamente risolvere l’incredibile situazione di paralisi creatasi che, se ulteriormente protratta, produrrebbe un enorme danno al benessere dei cani lì ospitati e curati ed un pesante danno economico a Roma Capitale che ne è la proprietaria -dichiarano Antonino Morabito, responsabile nazionale fauna e benessere animale di Legambiente, e Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Legambiente ha visitato l’unico Parco canile di Roma Capitale sia per dare sostegno ai volontari che lo difendono da una situazione paradossale sia per avere direttamente contezza della situazione: dopo giorni di pioggia intensa abbiamo trovato condizioni ottimali e, rispetto alle problematiche dichiarate, solo aspetti la cui soluzione costerebbe molto meno dello smantellamento dell’unica struttura di Roma Capitale che consente ai cani di
poter avere, oltre alle cure, anche spazi naturali dove “vivere” un po’ di natura in attesa dell’agognata adozione.”

E’ anche giusto ricordare che i volontari dell’AVCPP che gestiscono per Roma Capitale il Parco
canile di Vitinia, posto nella Riserva Naturale Statale del Litorale Romano, sono gli stessi volontari
che in questi mesi hanno attivamente contribuito a portare in salvo, nelle case di migliaia di cittadini
italiani, i beagle salvati dai maltrattamenti subiti nell’allevamento di Green Hill, riconfermando, una
volta ancora, la serietà e l’attenzione con cui si prendono cura dei più sfortunati tra i nostri amici a
quattro zampe.

Dopo l’adesione all’appello per salvare i “Gatti di Porta Portese” di pochi giorni fa, Legambiente
torna a occuparsi di benessere animale e delle strutture gestite da associazioni nel Comune di Roma,
sollecitando l’Amministrazione ad intervenire per salvaguardare queste iniziative importanti per la
città e molto seguite dai cittadini.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,