Tag Archive roma

Roma torna ai cassonetti, Legambiente “Una Vergogna”

Roma torna ai cassonetti, Legambiente “Una Vergogna! Siamo allibiti, così facendo si torna indietro di anni, alla faccia del decoro della città e della salute dei cittadini romani e del Lazio intero”.

All’annuncio dell’amministratore delegato di Ama di un ulteriore ritorno della raccolta rifiuti con i cassonetti al posto del porta a porta in interi quartieri, arrivano aspre critiche di Legambiente. “Si tratta dell’ennesima vergogna nella gestione dei rifiuti terrificante che ha avuto questa amministrazione, togliere il porta a porta e riportare i cassonetti vuol dire più sporcizia in strada e meno raccolta differenziata, più discariche e termovalorizzazione e meno economia circolare – denuncia Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. Ogni analisi dimostra quanto, all’aumento del PAP, cresca anche la percentuale di differenziata; nella Capitale, oltre a non crescere la percentuale e non essere stato costruito alcun impianto per la gestione della differenziata, ora si continua a tornare indietro di anni, riportando in strada i cassonetti: è una vergogna! Tutto ciò avviene alla faccia del decoro della città e della salute dei romani ma anche dei cittadini del Lazio, che vedono ipotesi di ampliamenti e aperture di nuove discariche o termovalorizzatori, mentre il Campidoglio, con il ritorno dei cassonetti, continua a non far assolutamente niente di buono per ridurre quel milione di tonnellate di immondizia indifferenziata che si produce a Roma ogni anno”.

Tags, ,

Roma. Ipotesi prolungamento del parcheggio gratis sulle Strisce Blu, Legambiente contraria

“Se si pensa davvero a prolungare il parcheggio gratis, così come alla sospensione delle ZTL, si va nella direzione sbagliata. Non è facendo arrivare le macchine in centro e permettendo la sosta gratuita dovunque che si aiutano economia e negozi, ma costruendo una città più vivibile e moderna”.

A Roma, dopo l’ipotesi di sospensione delle ZTL fino a fine 2020, arriverebbe anche quella di prolungare il parcheggio gratuito sulle strisce blu, secondo quanto riportato oggi da organi di stampa.

“Se in Campidoglio si pensa davvero al prolungamento dei parcheggi gratis su strisce blu, dopo l’ipotesi di continuare con la sospensione delle ZTL, verso la fase2 si mette in campo quanto di più sbagliato per la città, per i cittadini e per l’ambiente – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – non è certo facendo arrivare le macchine in centro e permettendo la sosta gratuita dovunque che si aiutano economia e negozi, ma costruendo una città più vivibile e moderna. Per far ripartire Roma si devono invece realizzare spazi per pedoni, ciclisti o micromoblità elettrica e potenziare i mezzi pubblici, con tutte le sicurezze sanitarie necessarie oggi, ponendo le basi sulle quali costruire una città migliore”. Nei giorni scorsi, quando era emersa la possibilità di sospensione delle zone a traffico limitato fino a fine anno, Legambiente aveva chiesto una smentita alla Sindaca che non è arrivata, ad oggi. “Chiediamo e aspettiamo che il Comune di Roma comunichi la fine dei parcheggi gratis sulle strisce blu e smentisca ogni possibilità di disattivazione per tutto il 2020 della ZTL, il tutto con atti ufficiali, e non post o tweet, grazie ai quali si riattivi la tariffazione della sosta e la riaccensione dei varchi”.

 

Tags, ,

Roma, ipotesi ZTL aperta per tutto il 2020 verso la fase2

Roma, ipotesi ZTL aperta per tutto il 2020 verso la fase2. Legambiente “Se dal Campidoglio si ipotizza ZTL aperta tutto l’anno e auto private ovunque, si fa la cosa peggiore”.

A Roma, sembra che si faccia avanti l’ipotesi ZTL aperta per tutto il 2020, già paventata nelle scorse settimane, smentita e poi ripresa da più parti in Campidoglio: contro il provvedimento l’opposizione di Legambiente.

“Verso la fase2, dal Campidoglio abbiamo ascoltato tante parole su nuove ciclabili, percorsi pedonali o micromobilità e poi si ipotizzerebbero auto private ovunque con la ZTL aperta, la peggior risposta possibile alle nostre richieste e ai cittadini – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – invece di approfittare per cambiare completamente la mobilità romana, si andrebbe a puntare su una soluzione vecchia, anti-ambientale e inefficace. Abbiamo scritto alla sindaca pochi giorni fa, come a tutti i sindaci delle città, per chiedere di osare in procedimenti straordinari verso le prime fasi della riapertura, attuando cinque misure per ripensare la mobilità post COVID19: sicurezza sui mezzi pubblici, più persone in bici e percorsi ciclabili nuovi, rafforzare sharing mobility ZTL e strisce blu, aiutare i cittadini a rottamare l’auto e scegliere la mobilità sostenibile, smart working e nuovi piani per una distribuzione green delle merci. Chiediamo alla sindaca un’immediata smentita di questa ipotesi, ma se fosse confermata l’idea di apertura per tutto l’anno della ZTL, sarebbe assurda, in controtendenza con quanto accade in altre città e capitali e un’incredibile occasione persa per ripensare Roma e la sua mobilità, da parte di un’amministrazione che continua a prendere provvedimenti ambientalisti a chiacchiere e fare l’esatto contrario.”

 

 

 

Tags, ,

Lettera aperta di Legambiente ai Sindaci delle città e ANCI

“Ci rivolgiamo alla Sindaca di Roma e ai Sindaci delle città del Lazio perché per ripartire c’è bisogno di una svolta green coraggiosa, in grado di garantire sicurezza sanitaria, mobilità sostenibile e riduzione dell’inquinamento”

Le 5 misure di Legambiente per ripensare la mobilità post COVID 19:
– Sicuri sui mezzi pubblici
– Più persone in bici e percorsi ciclabili nuovi
– Rafforzare sharing mobility, ZTL e Strisce blu
– Aiutare i cittadini a rottamare l’auto e scegliere la mobilità sostenibile
– Smart working e nuovi piani per una distribuzione green delle merci

Legambiente scrive ai sindaci, alla Sindaca di Roma e delle città del Lazio, indicando le 5 misure sostenibili e concrete per ripensare la mobilità urbana post COVID-19, per evitare che auto, moto o scooter, siano la soluzione più sicura per proteggersi dal virus e spostarsi. Tutte le misure sono attuabili in pochi mesi, con risorse contenute e alcune già disponibili grazie a provvedimenti già contenuti in Leggi di Stato e Regione.

“A Roma e nelle città del Lazio, servono risposte e soluzioni eccezionali – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – perché per ripartire c’è bisogno di una svolta green coraggiosa, e in grado di garantire sicurezza sanitaria, mobilità sostenibile e riduzione dell’inquinamento; sarà fondamentale avere idee chiare e progetti semplici quando le città ripartiranno, perché il dopo non sia più come il prima. A Roma in particolare, c’è bisogno di mezzi pubblici efficaci e sicuri, più ciclabili e sharing mobility, la messa in rete dei parchi per spostamenti non solo ludici ma casa-scuola-lavoro, maggiori possibilità di lavoro agile; inoltre nella capitale è fondamentale potenziare le ZTL e le strisce blu per i parcheggi ma anche realizzare un piano ambientalmente sostenibile per la distribuzione delle merci, a partire dal centro, deve essere legato a una rete di vetture ecologiche e realizzato in orari di basso impatto per la cittadinanza”.

Tags, , , Read More

Sospensione ZTL a Roma fino al 3 aprile, Legambiente “Assurdità del Comune di Roma aprire il traffico nel centro”

Di ieri sera la notizia della sospensione della ZTL (Zona a Traffico Limitato) di Roma decisa dal Comune “per agevolare gli spostamenti in città di chi deve garantire la propria presenza al lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità”.

“Assurda la sospensione della ZTL – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – che permette a chiunque di transitare in auto nel cuore di Roma: da Via Nazionale a Piazza Barberini, dal Tridente al Rione Monti. Una delle cose più importanti in questi momenti è sensibilizzare ed educare le persone a comportamenti corretti e al rispetto delle regole e poi, soprattutto, se le indicazioni che si stanno dando è di stare a casa il più possibile, la sospensione della ZTL è del tutto contraddittoria, quando invece si chiede a tutti di fermarsi”

Tags, , Read More

Legambiente Lazio e l’associazione TrasportiAmo verificano il Progetto di riqualificazione della ferrotramvia Roma-Giardinetti

Legambiente Lazio e l’associazione TrasportiAmo fanno richiesta di accesso agli atti per verificare lo stato dell’arte del Progetto di riqualificazione della ferrotramvia Roma-Giardinetti

Legambiente Lazio e TrasportiAmo, anche a nome dell’Osservatorio Regionale dei Trasporti e dell’UPT, hanno inviato a Roma Servizi per la Mobilità e alla Direzione Generale per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, la richiesta di Accesso agli atti per verificare lo stato dell’arte del Progetto di riqualificazione della ferrotramvia Roma-Giardinetti e le relative osservazioni del Ministero.

“Chiediamo di vedere le carte perché non è per nulla chiaro il progetto di riqualificazione e prolungamento della Tranvia Roma-Giardinetti, che peraltro non è mai stato ufficialmente presentato, né tantomeno è chiara la risposta del Ministero. In ballo c’è l’esistenza stessa della tramvia, i fondi pubblici a disposizione e la qualità della vita di decine di migliaia di persone che vivono, lavorano e si muovono nel quadrante sud-est di Roma. Ribadiamo al Comune di Roma la richiesta di prendere in carico la Tramvia Roma-Giardinetti (ora di proprietà della Regione), senza se e senza ma, e di riportare da subito il capolinea a Giardinetti – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – ogni metro di binari perso, come il tratto tra Centocelle e Giardinetti, è un passo indietro per la qualità della vita e l’ambiente della Capitale e sarebbe un’enorme balzo indietro se si arrivasse alla chiusura di un’intera tranvia”.

“Passo importante e necessario, il primo di una lunga serie”, spiega David Nicodemi, Presidente di TrasportiAmo. “Vogliamo la massima chiarezza, anche perché negli ultimi giorni è trapelata la notizia secondo la quale il MIT non avrebbe imposto la conversione dello scartamento a Roma Capitale, uno dei temi cruciali. Continueremo a organizzare incontri coi cittadini, aperto alle realtà territoriali e del settore, per spiegare le ragioni della nostra battaglia”.

Tags, ,