Tag Archive sversamento

Legambiente: sversamento Maccarese. Un disastro ambientale annunciato

Sversamento Maccarese: per Legambiente un disastro ambientale annunciato
“Un oleodotto senza controlli seri dell’azienda, e dopo tanti furti è arrivato il disastro ambientale”

Anche Legambiente oggi all’unità di crisi convocata dal Comune di Fiumicino a seguito dei furti di cherosene dall’oleodotto “Civitavecchia-Aeroporto di Fiumicino” del 6 e 7 novembre scorsi; gli ultimi di una lunga serie che dopo oltre venti episodi, hanno portato al disastro ambientale di Maccarese. L’impegno profuso in questi giorni per bonificare i torrenti Arrone e Rio Palidoro da parte di tanti volontari, dell’amministrazione locale e di quanti questo territorio hanno vissuto e riempito di importanti attività zootecniche, rischia ora di essere vanificato dalle quantità di liquami sversati e dalle correnti che possono spingere in mare gli oli. Oltre 30 tonnellate di cherosene sversato, più di 50 Germani reali e decine di nutrie morte oltre a quintali di pesce, queste le prime drammatiche e non definitive stime del disastro alla fauna.

“Un oleodotto più volte interessato in passato da furti di cherosene, non può rimanere mal custodito come è accaduto; questo disastro ambientale si poteva e doveva evitare anche attraverso un monitoraggio serio dei punti di maggior delicatezza, corrispondenti con l’attraversamento dei fossi stessi – dichiarano Roberto Sacchi presidente di Legambiente Lazio e Daniele Rauso responsabile del circolo Legambiente Fiumicino – chiediamo che sia fatta estrema chiarezza e che le indagini, oltre a ricercare i colpevoli materiali dello sversamento, riguardino anche procedure di monitoraggio interno dell’oleodotto a dir poco negligenti; un passaggio sporadico di guardiania non può garantire la sicurezza di una conduttura tanto delicata quanto devastante in caso di rottura come è accaduto. Siamo nella splendida Riserva del Litorale Romano, in un’area di enorme pregio per la produzione zootecnica laziale e con una costa che se fosse raggiunta dal cherosene vedrebbe crollare la qualità già non eccelsa degli ecosistemi marini, e dopo la strage della fauna ittica interna si rischia il disastro su tutto il litorale”.

Gli attivisti di Legambiente si sono messi a disposizione dell’amministrazione di Fiumicino ad operare attraverso le procedure di Protezione Civile nella bonifica della coste in caso di spiaggiamento di idrocarburi, da anni infatti l’associazione ambientalista forma i propri volontari per essere preparati ad intervenire sviluppando percorsi di alta formazione sulla “Marine Pollution”.

 

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , , , ,

Riserva Naturale Marcigliana, esposto di Legambiente per verifica lavori scarico terra affianco Lago della Bufalotta

Riserva Naturale Marcigliana, esposto di Legambiente per verifica lavori scarico terra affianco Lago della Bufalotta

Legambiente ha inviato un esposto al Commissario Straordinario di RomaNatura e al Comandante Provinciale del Corpo Forestale di Roma per verificare le autorizzazioni che permetterebbero lo sversamento di decine di camion di terra da riporto vicino al Lago della Bufalotta nella Riserva Naturale della Marcigliana.

L’area del Lago della Bufalotta è di particolare pregio ambientale poiché racchiude un inestimabile patrimonio di biodiversità. Questa zona è parte della Riserva regionale della Marcigliana, area protetta all’interno del circuito di RomaNatura, e riveste un ruolo importante di connessione ambientale tra le aree urbane e peri-urbane. Nonostante la prossimità a Roma ed agli altri centri urbani, il paesaggio collinare e la presenza di residui di bosco di cerro, farnia, roverella e farnetto accolgono un gran numero di specie animali. A questo si aggiunge il sistema paesistico storico delle grandi tenute costituite da casali, ville romane e torri medioevali che si dipanano davanti allo spettatore raccontandone la storia.

“Da molte settimane ci segnalano lo sversamento di terra nell’area del  lago della Bufalotta, un intervento assurdo, che sta compromettendo il delicato equilibrio di quella parte dell’ecosistema nell’area protetta della Marcigliana e il suo assetto idrogeologico – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio.- Non sappiamo se l’intervento sia stato autorizzato né con quali prescrizioni, non ci risulta che sia stato valutato l’impatto ambientale di un’operazione così folle e sconsiderata, né si capisce da dove provenga la terra.”

Nell’esposto, a firma del presidente di Legambiente Lazio e della presidente del Circolo Legambiente Aniene, Anna Maria Romani, si chiede agli enti in indirizzo di verificare se l’intervento sia stato preventivamente autorizzato ed in caso affermativo sulla base di quale titolo, se quanto in corso di realizzazione sia conforme a quanto eventualmente autorizzato, ma anche di adottare tutti i provvedimenti che si riterranno più opportuni a seguito di quanto verificato.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , ,

Sequestro depuratore Roma, Legambiente: preoccupano danni ad ecosistema Tevere. Basta furberie per risparmiare sulla pelle dei cittadini, gestione torni sotto il controllo pubblico

“Preoccupano molto i danni ambientali all’ecosistema che può aver causato lo sversamento dei liquami nel Tevere, bisogna smetterla con le furberie per risparmiare sulla pelle dei cittadini, hanno ragione i romani che con i referendum hanno detto chiaramente che anche la gestione dell’acqua deve tornare sotto il controllo pubblico – afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. – Pochi giorni fa con il Rapporto Ecomafie avevamo denunciato una situazione molto preoccupante proprio sugli illeciti legati ai rifiuti, che nel 2010 sono cresciuti in modo eclatante con un incremento del 30% dei reati accertati che arrivano ad essere 376, pari al 6,3% del totale nazionale, con 341 persone denunciate, 169 sequestri, portando il Lazio ad essere quinta regione in Italia per ecomafie nei rifiuti, dopo le quattro regioni storicamente caratterizzate da infiltrazioni mafiose.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,