Tag Archive tradizioni

“Piccola Grande Italia 2013”, tante iniziative nel Lazio Appuntamento domenica 2 giugno a Castel Sant’Elia (VT)

“Piccola Grande Italia 2013”, tante iniziative nel Lazio Appuntamento domenica 2 giugno a Castel Sant’Elia (VT) ore 10.30
Domenica 2 giugno grande festa a Castel Sant’Elia in provincia di Viterbo in occasione di “Piccola Grande Italia”, la campagna nazionale organizzata da Legambiente e da un largo comitato promotore con i Comuni con meno di 5.000 abitanti. Tante le iniziative nei borghi del Lazio che, nel giorno della Festa della Repubblica, apriranno le loro porte per far conoscere storia e tradizioni locali.

Il centro storico di Castel Sant’Elia domenica sarà pedonalizzato e chiuso al traffico per lasciare  spazio alla tradizionale infiorata lungo le vie della città, evento caratteristico per celebrare il Corpus Domini. Appuntamento poi alle ore 10.30 con il Sindaco e con un piccolo intrattenimento musicale da parte della Banda Musicale di Castel Sant’Elia. Per il pranzo saranno indicati alcuni ristoranti dove assaporare prodotti tipici della zona. Nel pomeriggio itinerario culturale guidato dal primo cittadino attraverso il centro storico, il belvedere e visita alla Grotta di San Leonardo e alla Basilica di S. Elia.

E’ partito oggi con l’iniziativa all’Istituto Comprensivo Pio Fedi di Vitorchiano (Vt), il lungo weekend di “Piccola Grande Italia” che prosegue in tutti i 39 comuni aderenti con visite guidate, degustazioni, mostre per promuovere e valorizzare i gioielli che questi comuni custodiscono. A Gorga (Rm) giornata piena di attività: escursione verso la montagna alla scoperta delle rudiste, e dopo le celebrazioni per il corpus domini pranzo caratteristico gorgano e visita delle abitazioni tradizionali. Visite gratuite all’Osservatorio Astronomico con musica e canti previsti per la serata. A Montelanico (RM) è organizzata la prima giornata dello sport con tornei per grandi e piccini,  saggio e serata danzante. A Celleno (Vt) degustazione delle ciliege. In provincia di Latina, Roccagorga (LT) organizza un’esposizione dei manufatti di ricamo, propone visite guidate all’Etnomuseo, la tradizionale processione per il Corpus Domini e intrattenimento musicale in serata. L’8 giugno il Comune di Pofi (Fr) organizza un’esposizione dell’artigianato e della gastronomia locale, l’animazione degli artisti di strada e una cena offerta dall’amministrazione comunale con canti e balli di gruppo. Il 9 giugno a Ponza i bambini e i ragazzi delle scuole presenteranno L’Erbario Ponzese, con singole schede delle piante raccolte, catalogate e essicate. Tutti gli appuntamenti nel Lazio sul sito piccolagrandeitalia.it/lazio

Partecipano all’iniziativa di Castel Sant’Elia (Vt), con appuntamento Domenica 2 giugno, ore 10.30: Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio; Rodolfo Mazzolini, Sindaco di Castel Sant’Elia; Cristiana Avenali, Consigliera Regione Lazio; Maria Domenica Boiano, responsabile campagne Legambiente Lazio.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Sbandieratori, degustazioni e balli per i piccoli Comuni in festa

Sbandieratori, degustazioni e balli per i piccoli Comuni in festa
MIGLIAIA DI PERSONE AI FORI IMPERIALI PER L’EVENTO DI VOLER BENE ALL’ITALIA ORGANIZZATO CON LA PROVINCIA DI ROMA: PREMIATI I VINCITORI DELLO SPECIALE BANDO ALLA RICERCA DI IDEE INNOVATIVE PER I PICCOLI COMUNI.
Legambiente Lazio e Provincia di Roma premiano i progetti vincitori del nuovo Bando delle Idee.

Gran festa a Via dei Fori Imperiali a Roma, liberata dalle automobili e invasa da migliaia di persone nella speciale vetrina organizzata da Legambiente Lazio e dalla Provincia di Roma per concludere la sesta edizione del Bando delle Idee, l’innovativo concorso che ha permesso ancora una volta ai piccoli Comuni di presentare e vedere finanziati progetti per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale del proprio territorio. In strada sbandieratori e musici di Carpineto Romano, balli rinascimentali in costume del Gruppo Storico di Sant’Oreste,  laboratorio di  calligrafia antica con inchiostri e calami, tamburello e organetto della musica tradizionale del Lazio, ma anche mostre e oggetti artigianali e tante degustazioni di ottimi prodotti biologici e tradizionali, nell’ambito della Biodomenica, la giornata nazionale di incontro tra il mondo agricolo e i cittadini promossa in tutta Italia da AIAB, Coldiretti e Legambiente. “Anche quest’anno la grande partecipazione dei piccoli Comuni è una testimonianza importante della volontà, sempre più forte, delle amministrazioni, delle pro-loco e delle associazioni di svolgere un ruolo attivo nella costruzione del futuro del nostro paese – hanno dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Il numero di premiati e di partecipanti non si abbassa mai, la qualità dei progetti è sempre molto alta e le risorse impiegate crescono confermando che l’esperienza è passata da buona pratica a realtà interessante di collaborazione e protagonismo tra istituzioni e società civile. Con orti didattici, mappe e installazioni interattive del territorio, recupero di sentieri storico naturalistici e di aree museali, recupero delle sponde e monitoraggio di fiumi vengono costruite vere e proprie occasioni di sviluppo locale e sostenibile. Tanti progetti interessanti, concreti, utili e capaci di far rete, con un impegno di risorse economiche importanti come sono stati gli oltre 200mila euro di quest’anno.”

Con la sesta edizione del Bando delle Idee, è stato raggiunto un nuovo record di partecipazione con ben 98 progetti presentati e 21 progetti vincitori, che a questo punto portano a ben 1.065.000 Euro il totale di fondi stanziati dalla Provincia di Roma per questa iniziativa ideata da Legambiente Lazio. La prima edizione del Bando delle Idee è stata subito un successo, ben 64 progetti in gara e 10 i vincitori premiati nel maggio 2005. La seconda edizione ha mantenuto le aspettative con 64 progetti e la premiazione di 10 progetti nel luglio 2006. La terza edizione del Bando ha sbaragliato ogni aspettativa con 96 progetti presentati e la premiazione di 25 progetti nel novembre 2008. I progetti presentati per la quarta edizione sono stati 89 progetti e i progetti vincitori sono stati 19 progetti. La quinta edizione è stata un vero record con 99 progetti presentati e 21 vincitori.

“I piccoli Comuni rappresentano un patrimonio di grande importanza per il nostro paese, soprattutto di fronte al ruolo che oggi si trovano a svolgere le comunità locali, vero e proprio
strumento per competere nello scenario globale –ha dichiarato Maurizio Gubbiotti, coordinatore della Segreteria Nazionale di Legambiente-. A monte delle enormi crisi con le quali siamo costretti a fare i conti ci sono la crisi ambientale e climatica, è il modello di sviluppo ad essere insostenibile. Per questo costruire sostenibilità sui territori è la risposta e sono davvero fondamentali processi di sviluppo sostenibile e locale come quello messo in moto insieme alla Provincia di Roma, ai Comuni, alle tante associazioni locali, alle pro-loco. Decine di piccoli e concreti progetti con oltre un milione di Euro di finanziamento nel complesso rappresentano un nuovo modello già in costruzione e sono anche un bell’esempio di come i soldi pubblici devono essere spesi.”

Si ringraziano tutti i Comuni e gli enti che hanno collaborato all’organizzazione della manifestazione, in particolare, tra gli altri, Affile, Allumiere, Arcinazzo Romano, Canale Monterano, Capranica Prenestina, Gavignano, Mazzano Romano, Nazzano, Nemi, Sant’Oreste, San Polo dei Cavalieri, San Vito Romano e quelli della Valle dell’Aniene con i Comuni di Anticoli Corrado, Arsoli-Riofreddo e Roviano; l’associazione Società Italiana Tamburi a Cornice, l’associazione Gruppo Storico di Sant’Oreste (Rm) e ArteAniene.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,

A Sambuci (Rm) la prima edizione del Festival Castelli di Pace nel Lazio

A Sambuci (Rm) la prima edizione del Festival Castelli di Pace nel Lazio di Legambiente: una giornata all’insegna della pace e della sostenibilità.

Legambiente: “Piccoli Comuni spesso più pronti per green new deal fatto di economia sociale e solidale, di trasparenza delle filiere e stop all’accaparramento delle materie prime. Attenzione a riforme istituzionali in nome dei tagli, ridurre la spesa pubblica a partire dai piccoli Comuni è una pericolosa iniziativa di facciata.”

Costumi d’epoca per una speciale visita guidata nelle sale restaurate del Castello Theodoli, degustazione di tartufo nero locale “scorzone” e di altri prodotti tipici accompagnati dal vino Cesanese di Affile Doc, laboratori per intrattenere i più piccoli, concerto della banda musicale “G. Verdi”, escursione presso le rive del fiume Giovenzano e un convegno sullo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 Legambiente ha organizzato, grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale, della cooperativa “Il Betilo s.r.l.” e dell’associazione “Terzo Millennio”, un ricco programma per la prima edizione di “Castelli di Pace nel Lazio”, che ha animato lo splendido borgo di Sambuci, a pochi chilometri da Roma.

“Con Castelli di Pace Legambiente aggiunge un nuovo tassello alle iniziative per valorizzare le piccole realtà, dopo le campagne per i piccoli comuni, il bando delle idee per dare concretezza ai progetti -ha dichiarato Maurizio Gubbiotti, responsabile del Dipartimento Internazionale di Legambiente, nell’ambito del convegno “Lo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 la sfida dei Piccoli Comuni verso il futuro”-. Dal vertice di Rio, nonostante la scommessa fallita per fissare azioni e tempi contro i mutamenti climatici, viene una forte domanda di sostenibilità dal basso, un green new deal fatto di economia sociale e solidale, di trasparenza delle filiere e stop all’accaparramento delle materie prime. Proprio le realtà dei piccoli
Comuni spesso sono più pronte in questa direzione, l’associazionismo, le comunità, anche l’impresa in questi luoghi scommette sull’economia verde. Mancano però politiche dal centro in questa
direzione e anche quando si parla di riforma istituzionale bisogna stare molto attenti.”

Il piccolo borgo medievale di Sambuci (Rm), nel quale si è svolta la prima edizione nel Lazio del Festival di Legambiente, ha 933 abitanti e una superficie di 8,23 kmq a 460 di altitudine, sorge
sopra un’altura lungo la valle del Giovenzano nel punto in cui il torrente, chiamato anche Fiumicino, si unisce all’Aniene. Sambuci è chiamato così per via dell’abbondanza di alberi di sambuco che vi fioriscono, deve la sua origine, come molti dei piccoli borghi della zona all’affermazione dell’ordine dei monaci benedettini di Subiaco. Nell’occasione, Legambiente è tornata a evidenziare
anche i tagli riaffermati nella cosiddetta “spending review”, che mettono a rischio il futuro dei piccoli Comuni: le ultime modifiche prevedono l’eliminazione di tutti gli Assessori (oggi 4) e il
dimezzamento dei Consiglieri da 12 a 6. Nel Lazio sono ben 84 i Comuni che subirebbero questi tagli, considerando solo quelli fino a 1.000 abitanti, 25 nella sola provincia di Roma, 15 nel
frusinate, 1 a Latina, 6 in provincia di Viterbo e moltissimi nel reatino, dove ben 37 su 73 hanno meno di 1.000 abitanti

“Tagliare la spesa pubblica a partire dai piccoli Comuni è una pericolosa iniziativa di facciata, le Amministrazioni da anni stanno già lavorando per gestire i servizi in unione con altri, ma tagliare i numeri dei consiglieri e degli assessori proprio in quei territori significa solo penalizzarli, questa riforma va fermata – hanno affermato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Eliminando tutti quelli che si vorrebbe in 84 Comuni, si risparmierebbero 5.900 euro per Comune all’anno, una miseria che non aiuterebbe affatto le casse dello Stato, ma di certo toglierebbe forze ai Comuni più piccoli. Il 65% delle aree protette e il 75% dei prodotti DOP si trovano in questi territori, dove si concentrano anche l’offerta agristuristica e grandi gioielli che vanno tutelati e valorizzati. Non ci si può ricordare di queste realtà solo per la scampagnata fuori porta, è grave e assurdo.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Visita guidata in abiti d’epoca al Castello, degustazione di prodotti locali

Visita guidata in abiti d’epoca al Castello, degustazione di prodotti locali, un convegno e attività di laboratorio per i più piccoli: a un mese da Rio+20, ricco programma per Castelli di Pace nel Lazio, Domenica 22 luglio a Sambuci (Rm)

Per i partecipanti, pullman da Roma, info line 06/85358051/77

Costumi d’epoca per una speciale visita guidata nelle sale restaurate del Castello Theodoli, degustazione di tartufo nero locale “scorzone” e di altri prodotti tipici accompagnati dal vino Cesanese di Affile Doc, laboratori per intrattenere i più piccoli, concerto della banda musicale, escursione presso le rive del fiume Giovenzano e un convegno sullo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 Legambiente organizza, grazie alla collaborazione dell’Amministrazione comunale, della cooperativa “Il Betilo s.r.l.” e di altre associazioni, un ricco programma per “Castelli di Pace nel Lazio”, che Domenica 22 luglio animerà lo splendido borgo di Sambuci, a pochi chilometri da Roma.

Il piccolo borgo medievale di Sambuci (Rm), 933 abitanti e una superficie di 8,23 kmq a 460 di altitudine, sorge sopra un’altura lungo la valle del Giovenzano nel punto in cui il torrente, chiamato anche Fiumicino, si unisce all’Aniene. Sambuci è chiamato così per via dell’abbondanza di alberi di sambuco che vi fioriscono, deve la sua origine, come molti dei piccoli borghi della zona
all’affermazione dell’ordine dei monaci benedettini di Subiaco. Il duraturo controllo dei monaci vide la trasformazione del sito in castrum circa duecento anni dopo e solo nel XII secolo Sambuci passò sotto la proprietà dei De Antiochia che provvidero per primi alla costruzione della rocca. Nel corso del XVIII secolo venne aggiunto al complesso anche un giardino, ingrandito nel secolo successivo e costituito da due parti, quello all’italiana, a terrazze con aiuole sistemate a comporre gli stemmi delle famiglie Astalli e Theodoli, e quello all’inglese, romantico, caratterizzato dalla crescita spontanea del verde. Dal 1991 è entrato in possesso del Comune che l’ha restaurato per renderlo agibile al pubblico. Altro da vedere: il Parco adiacente al Castello, il Convento, la Fonte, la Chiesa di San Pietro, la chiesa di Santa Croce, il Parco dei Monti Ruffi.

Per il Festival della pace e della sostenibilità organizzato da Legambiente Lazio, sarà messo a disposizione dei partecipanti un pullman con partenza da Roma (Castro Pretorio) alle ore 9:00. Il contributo del viaggio è di € 15, con uno sconto del 10% per i soci Legambiente; sarà invece gratuito per chi deciderà di iscriversi a Legambiente per l’occasione. La prenotazioni è obbligatoria, info 06 85 35 80 51/77 o m.boiano@legambientelazio.it. Per arrivare a Sambuci si possono altrimenti anche utilizzare le linee COTRAL (orari www.cotralspa.it) o l’auto percorrendo la A24 uscita Castel Madama (via Empolitana) o Vicovaro-Mandela (via Tiburtina).

CASTELLI DI PACE NEL LAZIO
Programma
Dalle ore 10 alle ore 13
Convegno “Lo sviluppo sostenibile come pratica locale per una cultura di pace: a un mese da Rio+20 la sfida dei Piccoli Comuni verso il futuro” presso il castello Theodoli
Dalle 13 alle 15
Degustare di prodotti gastronomici della tradizione locale nel giardino del castello grazie ai numerosi stand messi a disposizione in collaborazione con l’associazione culturale “Pianeta Donna”.
In particolare si potrà degustare il tartufo locale nero chiamato “scorzone” e sorseggiare il vino Cesanese di Affile Doc. Pranzo al costo di 8 euro.
Dalle 15 alle 17
Visite guidate al Castello Theodoli con le guide, dell’associazione culturale “Terzo Millennio”, che indosseranno abiti d’epoca. Nel frattempo attività di laboratorio per intrattenere i più piccoli organizzate da “Il Betilo s.r.l.”.
Alle 17:30
Concerto della banda musicale comunale “G.Verdi”.
Alle 18:45
Escursione presso le rive del fiume Giovenzano alla scoperta dell’area S.I.C. (Sito di Interesse Comunitario).

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,

Goletta dei Laghi di Legambiente a Bracciano

L’equipaggio in visita al Castello Odescalchi alla scoperta delle storia e tradizioni

Continua il viaggio della Goletta dei Laghi di Legambiente nei laghi laziali. Domani l’equipaggio, in compagnia di visitatori e turisti, farà tappa al Castello Odescalchi a Bracciano, alla scoperta della storia e delle tradizioni che il lago custodisce. La visita al famoso Castello, una tra le più belle dimore feudali d’Europa, sarà seguita da un’uscita con il battello Sabazia II, da Bracciano per Anguillara e Trevignano, ammirando le bellezze dell’ecosistema lacustre.

La Goletta dei Laghi è la campagna nazionale di Legambiente, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati), e per la tappa laziale con il contributo della Provincia di Roma, per il monitoraggio scientifico dei maggiori bacini lacustri del Paese. La campagna è anche l’occasione per promuovere le eccellenze del territorio e dell’offerta turistica.

Appuntamento domani, sabato 23 luglio, alle ore 9.00 da Roma, stazione Metropolitana Cipro. Lo spostamento a Bracciano avverrà in pullman.

Dopo la visita al Castello, alle ore 15.00 sarà possibile uscire al lago di Bracciano in battello, con rientro  previsto alle 16.30, per poi tornare a Roma.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA AL NUMERO 347 2310122
Contributo richiesto 8 euro

I partner della Goletta dei laghi

Main partner
COOU Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati
Partner tecnico: Consorzio Ecogas, Novamont, Stamperia Romana
Media partner: Radio Kiss Kiss e La Nuova Ecologia
Lo staff di Goletta Verde sceglie i veicoli Peugeot ® con filtro antiparticolato FAP® .
Per i nostri veicoli utilizziamo Revivoil, l’olio rigenerato di Viscolube
Per le tappe laziali la campagna è sostenuta
dall’Assessorato alla Tutela Ambientale della Provincia di Roma
Ufficio stampa Goletta dei laghi
Francesca Pulcini 347 9894525 – stampa.golettadeilaghi@legambiente.it

Tags, , , , ,

Al via l’ottava edizione di Voler Bene all’Italia Nel fine settimana iniziative in tutto il Lazio e domenica grande festa a Via dei Fori Imperiali

“Maccaruni gavignanesi” nel laboratorio di pasta fresca, percorsi del gusto con il miele e le confetture di Nemi, assaggi di vino Cesanese di Affile, ma anche mostre fotografiche sui percorsi naturalistici di Ciciliano e sulle bellezze di Camerata Nuova, pubblicazioni su Roviano e un teatrino sulla raccolta differenziata con scenografia da Allumiere, oltre a tanto altro. Gran festa domenica 8 maggio a Via dei Fori Imperiali a Roma, nella speciale vetrina organizzata da Legambiente Lazio e dalla Provincia di Roma per l’ottava edizione di Voler bene all’Italia, la Festa nazionale dei piccoli Comuni organizzata in tutta Italia da Legambiente, insieme a Anci, Coldiretti, Symbola e un vasto comitato promotore di associazioni ed enti, con l’Adesione del Presidente della Repubblica e il contributo di Enel Green Power.

Il fine settimana sarà ricco di svariate manifestazioni in tanti borghi del Lazio per festeggiare le eccellenze dei Comuni sotto i 5.000 abitanti. Da nord a sud del Lazio si potrà andare alla scoperta dei segreti dei piccoli Comuni, attraverso vari percorsi pensati dagli organizzatori: nel Comune di Gorga (Rm) si susseguiranno percorsi guidati nel borgo, con soste in antiche cantine, esposizione e degustazione di prodotti tipici locali, esibizioni e concerti musicali, laboratori di pasta e uncinetto curati dal centro anziani; a Monterosi (Vt) i piccoli studenti delle scuole intervisteranno i propri nonni su aneddoti e tradizioni che hanno contribuito a far grande il nostro popolo, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia; a Collevecchio (Ri) si potrà passeggiare alla scoperta del mondo delle erbe lungo il sentiero di via Casaglia, aspettando lo spettacolo di giocoleria al femminile con il fuoco mentre si gusta della porchetta e del vino locali; a Giuliano di Roma (Fr) gli artisti faranno un’estemporanea di pittura dedicata all’Unità d’Italia, si potranno acquistare i prodotti del mercatino di commercio equo e solidale, sarà messo a dimora un albero per ogni nato del 2009, sarà aperto alle visitate l’impianto fotovoltaico di Valcatora e, dopo la degustazione dei prodotti tipici, si terrà un convegno sulle energie rinnovabili nei piccoli comuni; a Spigno Saturnia (Lt) si esplorerà il Monte Petrella (mt 1533), che con i suoi 1533 metri d’altezza è in Europa la vetta più alta vicino al mare, con la sua suggestiva faggeta secolare. “Nel Lazio i piccoli Comuni con meno di 5mila abitanti rappresentano un patrimonio eccezionale, troppo spesso dimenticato e sottovalutato, dove servizi importanti come le scuole non possono continuare a essere tagliati -ha detto la direttrice di Legambiente Lazio, Cristiana Avenali-. Dopo i tagli dell’anno scolastico in corso, anche per il prossimo un altro colpo rischia di abbattersi sulle scuole laziali, con le diminuzioni nell’organico e un serio rischio di chiusura per alcuni plessi cosiddetti sottodimensionati. Voler Bene all’Italia riparte dalle scuole, per puntare i riflettori sulla situazione che vivono le istituzioni scolastiche nei Comuni minori, non ci si può ricordare dei piccoli borghi solo quando servono per retorica, quei luoghi conservano segreti e tradizioni antichissime e un terzo di essi è in aree protette, con una precisa vocazione turistica ancora poco sfruttata. Per questo, la Festa dei Piccoli Comuni è un momento che speriamo sia utile come volano di nuovi modelli di sviluppo.”

Legambiente Lazio mette in evidenza come con il Piano regionale di dimensionamento delle istituzioni scolastiche per l’a.s. 2011/2012 rischiano la chiusura il plesso della Scuola Primaria dipendente dall’I.C. di Acquapendente nel Comune di Onano (Vt), la Scuola Primaria dipendente dall’I.C. di Canino nel Comune di Arlena di Castro (Vt) così come del Comune di Cellere (Vt). Potrebbero scomparire anche il plesso della Scuola Primaria dipendente da I.C. di Vetralla nel Comune di Barbarano Romano (Vt), la sezione staccata della Scuola Secondaria di primo grado
dipendente da istituto comprensivo di Vetralla nel Comune di Villa San Giovanni in Tuscia (Vt), la sezione staccata della Scuola Secondaria di primo grado dipendente dall’Istituto omnicomprensivo di Bagnoregio nel Comune di Civitella D’Agliano (Vt), così come la sezione staccata della Scuola Secondaria di primo grado dipendente dall’Istituto Comprensivo di Canino nel Comune di Cellere(Vt). L’iniziativa ha avuto un’anteprima nelle scuole del Lazio, con un gemellaggio realizzato dalla Scuola primaria di Allumiere (Rm), con la scuola di Appignano (Mc), che
vedrà i giovani studenti incontrarsi e visitare il Museo Civico e partecipare a Laboratori naturalistici al Faggeto.

Tutti gli appuntamenti di Voler Bene all’Italia sono disponibili su www.piccolagrandeitalia.it. Voler Bene all’Italia è realizzata con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’ Innovazione, Corpo forestale dello Stato e Protezione Civile. Nel Lazio l’iniziativa è inoltre organizzata con la collaborazione di “Roma c’è”.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,