Tag Archive verde

Festa dell’albero 2014: settecento alberi piantati da 10.000 volontari in oltre 50 eventi nel Lazio

Festa dell’albero 2014: settecento alberi piantati da 10.000 volontari in oltre 50 eventi nel Lazio

Dal 21 al 23 novembre il Lazio si colora di verde grazie agli alberi messi a dimora da centinaia di volontari, parte infatti la storica campagna di Legambiente giunta alla XXI edizione per mettere a dimora nuove piante riqualificando aree urbane e territori verdi e donando al Lazio una nuova e reale boccata di ossigeno. La manifestazione si è svolta a Roma in collaborazione con Roma Capitale assessorato all’Ambiente, nei parchi romani in collaborazione con l’Ente Regionale RomaNatura e, nel resto del Lazio, del Corpo Forestale dello Stato. 

Ha aperto, tra le altre,  la manifestazione nel Parco della Cellulosa in collaborazione con RomaNatura dove, coordinati dal circolo locale di Legambiente, 100 volontari del team degli alberghi Starwood di Roma quali il Westin Excelsior, il St. Regis Roma e lo Sheraton Roma hotel & Conference Center, hanno svolto una grande operazione di pulizia del parco prima di mettere a dimora nuovi alberi e visitare l’area verde.

“Abbiamo voluto ricordare con un abbraccio agli alberi, quale sia il valore delle piante e quanto sia importante difenderle soprattutto in città. – ha dichiarato Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio – Non vogliamo però fermarci qui e spingeremo su enti ed istituzioni perché i parchi vengano protetti e curati e le città ritrovino con gli alberi la bellezza e la vivibilità necessaria”. È stato infatti suggestivo l’abbraccio rivolto agli alberi del parco da parte di operatori e volontari, e con la presenza di Vittorio Cogliati Dezza Presidente Nazionale di Legambiente.

Sempre questa mattina a Roma il circolo di Legambiente Garbatella insieme ai ragazzi della scuola Vivaldi ha cominciato a piantare alcuni degli alberi che entro domenica daranno nuovo ossigeno al parco del quartiere. Nel III municipio il circolo “Le Perseidi” ha iniziato a riempire di alberi gli spazi stradali rimasti vuoti dal verde. Nel II municipio il circolo Mondi Possibili ha distribuito 200 alberelli agli alunni delle scuole Sinopoli e Ferrarini e invece nel XIV municipio si andrà avanti fino al 29 novembre per piantare 24 alberi nei giardini delle scuole grazie al circolo di Legambiente Ecoidea che quest’anno ha organizzato ben cinque appuntamenti: al Parco Verde di Via Ponderano e Via Pellenza, presso le Scuole Elementare Maffi e Leopardi, nel parco dei quartiere Torresina e Piansaccoccia.

Nei prossimi giorni la festa dell’albero 2014 continua con numerosi appuntamenti romani tra cui quello di sabato 22 al Parco della Pace dove il Circolo di Legambiente Parco di Veio pianterà ben 15 alberi. Domenica 23 invece al parco di Villa Porcina saranno 20 le piante che Legambiente Delta del Tevere e il comitato Dragona doneranno ai cittadini.

La festa non si ferma alla Capitale, sono tante le iniziative anche nel resto del Lazio. A Viterbo gli alunni dell’istituto P. Savi hanno piantato un albero nel giardino della scuola e abbracciato quelli già presenti nel proprio cortile. Altre iniziative anche a Rieti, Sora (FR) Gaeta (LT), Minturno (LT), Sabaudia (LT) e proprio a Latina dove i volontari di Legambiente celebreranno la festa insieme agli alunni di 5 scuole elementari della città.

Hanno tanti alberi in più grazie ai circoli di Legambiente anche Tivoli Sabaudia, Latina, Cori e poi Nettuno dove già nei giorni scorsi si è lavorato per inverdire i parchi comunali, sono stati piantumate trenta nuove specie, tra pini e altre essenze, al posto di quelle morte ed i volontari del circolo “Le Rondini” hanno concluso la festa abbracciando un grande sughero in via Rea Silvia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tags, , , , ,

Mare illegale, il Lazio maglia nera nel centro Italia

1.071 i reati accertati dalle forze dell’ordine, 1153 le persone denunciate e arrestate e 235 i sequestri effettuati. In pratica lungo i 361 chilometri costieri ci sono 2,9 reati al giorno commessi contro il mare e le coste, uno ogni tre chilometri. Crescono i reati legati al ciclo del cemento

Legambiente: “Si continua a pensare che il mare e la costa siano risorse da sfruttare fino allo stremo. Chiediamo che gli enti locali siano i primi a fermare questo scempio”

Il Lazio è prima regione dell’Italia centrale nella poco lusinghiera classifica del mare illegale: 1.071 reati accertati dalle forze dell’ordine nel 2013, il 7,4 per cento del totale nazionale con 1153 persone denunciate e arrestate e 235 sequestri effettuati. In pratica lungo i 361 chilometri costieri ci sono 2,9 reati al giorno commessi contro il mare e le coste, una ogni tre chilometri. Questo quanto emerge da “Mare Monstrum”, il dossier di Legambiente sulle illegalità costiere elaborato sulla base dei dati delle Forze dell’Ordine e delle Capitanerie di Porto. I dati del Lazio sono stati presentati questa mattina dagli attivisti di Goletta Verde durante un blitz a Lido dei Pini di Anzio, esponendo sulla spiaggia uno striscione con l’inequivocabile monito “No al cemento”. Un’area di pregio unica, già pesantemente penalizzata da un fitto reticolato di edilizia residenziale condonata in riva al mare, rischia un nuovo e pesante affronto da parte del cemento con la costruzione di nuove strutture ricettive su una duna che rischia la devastazione.

“I numeri del nostro dossier parlano chiaro e disegnano uno scenario davvero preoccupante – dichiara Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio. La nostra regione si conferma alla sesta posizione in Italia nella classifica delle illegalità legate al mare, dopo l’escalation dello scorso anno. Numeri che se da un lato di certo premiano il buon lavoro delle forze dell’ordine e delle procure, danno l’idea del livello di aggressione ambientale ai danni dell’ecosistema marino laziale. Purtroppo si continua a pensare che il mare è una risorsa da sfruttare fino allo stremo: dall’abusivismo, alla pesca illegale, alla navigazione fuorilegge. Servono, allora, nuove politiche per tutelare una delle risorse più importanti, sul fronte ambientale ma anche su quello economico. Sul cemento illegale non ci sono altre soluzioni, abbattere gli abusi insanabili, ancor più quelli costruiti su aree di pregio naturalistico, utilizzando il fondo di rotazione regionale rifinanziato quest’anno per gli abbattimenti”.

Il Lazio sale dall’ottava alla sesta posizione in Italia nella graduatoria dei reati lungo la costa legati al ciclo del cemento, con 146 infrazioni accertate (il 6,1% del totale nazionale), 136 persone denunciate e 64 sequestri effettuati nel corso del 2013 (elaborazione Legambiente su dati forze dell’ordine e Capitanerie di porto 2013). Il cemento illegale insomma non accenna a diminuire quindi, questa mattina gli attivisti di Goletta Verde hanno inscenato una simbolica azione di protesta presso la spiaggia libera di Lido dei Pini, sul Lungomare delle Sterlizie di Anzio, esponendo lo striscione “No al Cemento”. Un luogo simbolico, secondo Legambiente, per richiamare l’attenzione delle amministrazioni sulla necessità di nuovi sforzi sul fronte ambientale e per gli abbattimenti degli abusi edilizi.

“Ad Anzio sono ben note a tutti alcune situazioni di gravi criticità che non accennano a trovare una soluzione che rispetti l’ambiente e l’ecosistema circostante – dichiara Anna Tomassetti presidente del circolo Legambiente “Le Rondini” di Anzio-. I nostri dubbi restano alti, in particolare sulla situazione di Lido dei Pini, dove chiediamo che sia fatta luce sul cemento abusivo insanabile su area del demanio marittimo, per il quale non c’è altra strada che l’abbattimento. Il comune di Anzio deve decidere il proprio futuro coinvolgendo la cittadinanza attraverso processi di partecipazione che veda come punto fermo il rispetto e il

ripristino degli ambienti dunali e del SIC (Sito di Interesse Comunitario) del Lido dei Gigli; fondamentale è anche la creazione di piste ciclabili che siano una possibilità nuova di accesso a queste spiagge, liberando il lungomare dalle troppe auto che, in passato, sono state anche drammatico e insormontabile ostacolo ai mezzi di soccorso”.

Tornando ai dati di MareMonstrum, per quanto riguarda le illegalità connesse con l’inquinamento del mare e delle coste, al centro delle attività delle forze dell’ordine ci sono la mala depurazione, gli scarichi abusivi, i reflui fognari che confluiscono direttamente in mare e lo sversamento di petrolio. Sono 264 le infrazioni accertate nel 2013 nel Lazio, con 278 persone denunciate e arrestate e 151 sequestri effettuati.

Nel mare dell’illegalità in cui si dibatte la pesca italiana da anni – un fenomeno che non solo non è in diminuzione, ma aumenta sensibilmente di anno in anno – anche il Lazio fa la sua parte con 488 infrazioni 534 persone denunciate e 25.777 kg di pesce sequestrato, in leggero calo rispetto all’anno precedente. Una bella fetta di questa illegalità si è consumata direttamente in mare, dove le pattuglie criminali dedite alla pesca di frodo continuano a saccheggiare la biodiversità marina. La pesca illegale, infatti, oltre a minacciare la sopravvivenza di molte specie ittiche, compromette irreparabilmente le economie marinare di tante località costiere, costrette ad assistere alla rapina e alla desertificazione dei loro specchi d’acqua. La ragione, ovvia, è sempre quella del facile arricchimento.

Gli abitanti del Lazio, infine, così come un po’ tutti gli italiani, popolo di naviganti ma anche, verrebbe da dire, di naviganti fuori rotta. Molte delle infrazioni registrate dall’attività delle forze dell’ordine e delle Capitanerie riguardano infatti il codice della navigazione e la nautica da diporto: nel 2013 ci sono state 173 infrazioni accertate, il 6,3% del nazionale, 205 persone arrestate e denunciate e 12 sequestri effettuati.

SCARICA IL PDF

Tags, , , ,

Villa Ada, strage di pini. Legambiente: “Valore ecologico fondamentale, gli alberi vengano ripiantumati”

Dieci grandi pini sono stati tagliati a Monte Antenne per “motivi di sicurezza”, lungo il sentiero che da via di Ponte Salario sale accanto ai campi del Tennis Club Parioli nell’area di Villa Ada. Legambiente chiede che si provveda immediatamente alla ripiantumazione degli alberi per il fondamentale valore ecologico che essi rivestono .

“Una sana gestione forestale non può permettere una strage come questa, se c’era un problema di sicurezza con quegli alberi, altrettanti ne devono essere ripiantumati – dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. È con nuovo verde e non con gli abbattimenti che possiamo combattere i cambiamenti climatici in atto. Gli episodi di alluvioni, frane e fenomeni piovosi  violenti sempre più frequenti ce lo ricordano e noi dobbiamo agire per tempo. In più stiamo parlando di un’area, quella di Villa Ada e di Monte Antenne, che è stata dichiarata ‘di notevole interesse paesaggistico’. Non abbassiamo la guardia sulla tutela di una delle ville storiche di Roma e sulla sua meravigliosa vegetazione arborea.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,

Il Treno Verde arriva a Roma

La storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato nella capitale per monitorare l’inquinamento atmosferico e acustico e promuovere la sostenibilità ambientale “Siamo tutti sullo stesso treno”: domani, alle ore 16, la conferenza regionale sul trasporto pendolare nel Lazio in vista della stesura del nuovo contratto di servizi Regione Lazio / Trenitalia

 Ecco il programma della tappa al binario I della stazione Termini da domani, martedì 4, a venerdì 7 marzo

Promuovere una città più smart, sostenibile, a misura di cittadino, ma soprattutto libera dallo smog. A lanciare la sfida è il Treno Verde 2014 di Legambiente e Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha ripreso il suo viaggio lungo l’Italia per informare, sensibilizzare e promuovere tra i cittadini le buone pratiche per una mobilità sostenibile e per l’abbattimento delle polveri inquinanti. Il convoglio ambientalista, storica campagna dedicata al rilevamento dell’inquinamento atmosferico e acustico, sosterà da domani, martedì 4 marzo, a venerdì 7 al binario I della stazione Termini.

Visite guidate per le scuole, focus e dibattiti per ripensare la mobilità urbana, per una rigenerazione e riqualificazione urbana, dove il trasporto urbano non sia più incentrato sull’utilizzo del mezzo privato ma sulla mobilità pubblica sostenibile con mezzi a basso impatto ambientale.

L’arrivo del Treno Verde a Roma sarà, inoltre, l’occasione per discutere della stesura del nuovo contratto di servizio Regione Lazio-Trenitalia. Domani, alle ore 16, presso la Sala conferenze del Binario I di Roma Termini, Legambiente ha promosso l’incontro “Siamo tutti sullo stesso treno – Conferenza Regionale sul trasporto pendolare nel Lazio” alla quale prenderanno parte: Interverranno: Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; Edoardo Zanchini, vicepresidente Legambiente; Cristiana Avenali consigliere Regione Lazio; Robero Scacchi, direttore Legambiente Lazio, Aniello Semplice, direttore Regionale di Trenitalia Lazio; Daniele Moretti RFI Lazio; i sindaci “pendolari” della regione, rappresentanti dei comitati di pendolari. È stato invitato a partecipare Michele Civita, assessore Politiche del Territorio, Mobilità, Rifiuti. Durante la tappa di Roma, quinta del tour 2014 che terminerà il 28 marzo a Torino, il Treno Verde, grazie alla mostra interattiva ospitata a bordo delle sue quattro carrozze, incontrerà studenti, cittadini e amministrazioni per promuovere la qualità dei territori, l’innovazione nei centri urbani e l’attenzione negli stili di vita. Compagno di viaggio del Treno Verde, come nelle precedenti edizioni, sarà il Laboratorio mobile Qualità dell’Aria di Italcertifer, che sosterà per 72 ore in Corso Sempione per rilevare i dati relativi all’inquinamento acustico e alla qualità dell’aria della città di Roma. Oltre ai valori del PM10, saranno raccolte informazioni sulle concentrazioni nell’aria di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono. E quest’anno verrà monitorato anche il PM 2,5 con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione anche sulla frazione di polveri più dannose per la salute e di pretendere che a livello europeo e nazionale siano adottati valori limite più stringenti e maggiormente, idonei a tutelare la salute dei cittadini, fissando valori giornalieri o più a breve termine oltre il valore obiettivo come media annua attualmente vigente. Cuore centrale del convoglio ambientalista sarà la mostra didattica e interattiva allestita all’interno delle quattro carrozze, dove è stata realizzata una smart city. La mostra, dedicata alla mobilità, alla vita urbana e al vivere in maniera sostenibile, sarà aperta martedì, mercoledì e giovedì, dalle 10 alle 15 per le classi prenotate e dalle 16,00 alle 19,00 per il pubblico.

La prima carrozza è dedicata al tema della “mobilità sostenibile”: dal trasporto su ferro alla mobilità elettrica, dall’urbanistica all’intermodalità, passando per le zone a traffico limitato, le piste ciclabili e le zone 30 il visitatore farà un percorso che gli permetterà di capire quali scelte devono essere prese dalle città e dai cittadini per dire no allo smog, per aprire le porte alla libertà di muoversi in maniera veloce e a basse emissioni. Alla “città” è dedicata la seconda carrozza all’interno della quale l’allestimento è stato pensato per raccontare un’urbanistica che risponde alle esigenze dei cittadini e dell’ambiente. Energia pulita e integrata, analisi del ciclo di vita, difesa del suolo e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico, edifici sicuri ed efficienti. Tema centrale della terza carrozza sono gli “stili di vita”: in questo vagone saranno dati tanti piccoli accorgimenti per essere cittadini attenti e più smart. Ad esempio verrà spiegato come isolare l’abitazione per renderla efficiente, come fare una spesa sostenibile, come tenere sotto controllo i consumi domestici e, soprattutto, come differenziare, riciclare i rifiuti. Infine la quarta carrozza del Treno Verde è un vero e proprio “parco urbano”, perché la città secondo Legambiente è più verde e con spazi pubblici attrezzati che consentono di passare il tempo libero e non solo, respirando aria pulita o coltivando orti, riappropriandosi di tutti quegli spazi verdi spesso lasciati all’incuria e all’abbandono.

Il programma completo della tappa a Roma del Treno Verde 2014
In sosta al binario I della stazione Termini
Martedì 4 marzo
Dalle 10 alle 15: visite guidate per le classi prenotate
Dalle 16 alle 19: apertura al pubblico
Ore 16.00 presso la Sala conferenze del Binario I di Roma Termini
Siamo tutti sullo stesso treno – Conferenza Regionale sul trasporto pendolare nel Lazio

Incontro in vista della stesura del nuovo contratto di servizi Regione Lazio / Trenitalia
Interverranno: Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; Edoardo Zanchini,
vicepresidente Legambiente; Cristiana Avenali consigliere Regione Lazio; Roberto
Scacchi, direttore Legambiente Lazio, Aniello Semplice, direttore Regionale di
Trenitalia Lazio; Daniele Moretti RFI Lazio; i sindaci “pendolari” della regione,
rappresentanti dei comitati di pendolari. È stato invitato a partecipare Michele Civita,
assessore Politiche del Territorio, Mobilità, Rifiuti.

Mercoledì 5 marzo
Dalle 10 alle 15: visite guidate per le classi prenotate
Ore 10.30 TROFEO TARTARUGA, la gara di mobilità urbana per scoprire il modo più
veloce, economico e sostenibile per muoversi in città. Si sfideranno diversi mezzi di
trasporto che partiranno alle ore 10,30 da viale Marconi, incrocio Piazza Fermi, con
l’arrivo al Treno Verde.
Ore 11.30 a bordo del Treno Verde
Presentazione del Rapporto TUTTI IN CLASSE A – Radiografia energetica del
patrimonio edilizio italiano
Intervengono: Edoardo Zanchini, vice presidente Legambiente; Leopoldo Freyrie,
presidente CNAPPC, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e
Conservatori; Ermete Realacci, presidente Commissione Ambiente Camera dei
Deputati; Antonio Scala – ENEL, Responsabile Energy Service Mass Market.
Dalle 16 alle 19: apertura al pubblico
Ore 18.00 In collaborazione con ZioBici aperi-bici a bordo del Treno Verde per tutti i
ciclisti urbani

Giovedì 6 marzo
Dalle 10 alle 15: visite guidate per le classi prenotate
Dalle 16 alle 19: apertura al pubblico

Venerdì 7 marzo
Ore 11.00 a bordo del Treno Verde
Conferenza stampa sui dati del monitoraggio atmosferico e acustico in città e bilancio
della tappa.

Il Treno Verde è una campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane,
con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Partner: Ecolamp, Renovo, Weber – Saint Gobain
Media Partner: La Nuova Ecologia, MiniMega Pubblicità, Rinnovabili.it
Si ringraziano il Museo A come Ambiente di Torino per le installazioni interattive e l’ Accademia
delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma (Corso di Interior and Industrial Design / AAnt Factory) per
aver progettato la mostra del Treno Verde 2014.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , ,

Parco della Cellulosa, Legambiente: Comune completi processo di acquisizione e ripristini l’energia elettrica

Parco della Cellulosa, Legambiente: “Subito ripristino energia elettrica, per mantenere vive attività tutela del verde e aggregazione nel quartiere. Comune completi processo di acquisizione”

 

Legambiente chiede l’immediato ripristino dell’energia elettrica ai locali del Comitato
Promotore del Parco della Cellulosa perché possa continuare il prezioso lavoro di tutela del verde pubblico e come punto di aggregazione svolto finora. Questo l’appello lanciato ad ACEA e Comune di Roma, a seguito dei distacchi dello scorso 29 novembre. Venerdì scorso il “Casaletto”, alcuni locali esterni e la “Foresteria” presenti nel Parco della Cellulosa, sono stati privati dell’energia elettrica a seguito del trasferimento dell’ISPRA. Il distacco della corrente, a cui presto potrebbe seguire quello dell’acqua, provocherà l’impossibilità di mantenere vive le attività dei volontari e del Parco stesso. “Stop ai distacchi, chiediamo il ripristino immediato dell’elettricità, l’attività del Comitato Promotore del Parco della Cellulosa, all’interno del quale il nostro circolo di Legambiente
opera da molti anni, è davvero preziosa, non si può perdere per nessun motivo –  dichiarano Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Laura Paravia, presidente del Circolo Legambiente Parco della Cellulosa.- Queste attività sono fondamentali nel quartiere di Casalotti e fanno del Parco un centro di aggregazione di tutto il quadrante nord-ovest. Sono circa 2000 gli studenti che nello scorso anno hanno vissuto il parco e partecipato alle nostre attività. Per questo chiediamo che non venga meno la fruibilità di uno spazio così importante. Chiediamo inoltre al Comune che venga portato a termine il percorso di acquisizione dei 12 ettari fruibili del parco, per dare un futuro certo alle numerose iniziative organizzate nell’area.” Il Parco della Cellulosa, uno dei parchi della rete di RomaNatura, si estende per ben 90 ettari con una ricca flora e fauna. Non è solo una grande area verde ma anche un polo di aggregazione dove si svolgono attività culturali e di educazione ambientale rivolte non solo al quartiere di Casalotti ma all’intera città. Nell’ambito delle attività del Comitato, il Circolo Legambiente Parco della Cellulosa ha contribuito con numerose iniziative che da diversi anni animano l’area verde del Parco della Cellulosa: messo su una biblioteca con 4.000 volumi e postazioni ad uso di studenti e cittadini all’interno del parco, implementato una rete Wi-Fi in tutta l’area, realizzato ben 25 Orti Urbani, laboratori del legno o per fare la carta riciclata, laboratorio di pasta e pane, passeggiate consapevoli con i bambini.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,

Festa dell’albero 2013 (chiusura)

Settecento alberi piantati in tutto il Lazio con la Festa dell’Albero di
Legambiente da diecimila studenti e volontari

Sono settecento gli alberi messi a dimora per la XIX edizione della Festa dell’Albero in una quarantina di aree a Roma e in tutto il Lazio. Quasi diecimila volontari in azione, dei quali più di 6.000 studenti, con associazioni, circoli e comitati che hanno dato vita a numerose attività durante la settimana, all’insegna della cura del territorio, del rafforzamento della coesione sociale e dell’accoglienza.

Al Parco Garbatella a Roma stamattina 300 studenti delle scuole Vivaldi, Battisti e Alonzi hanno messo a dimora trenta grandi alberi donati dalla Regione Lazio, dopo l’atto vandalico dello scorso agosto, lavorando insieme ai ragazzi di Asinitas e Hágape 2000 e ai volontari del Circolo Garbatella di Legambiente. All’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri, l’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino, l’Assessore all’Ambiente della Regione Lazio Fabio Refrigeri, Cristiana Avenali consigliera regionale, Andrea Catarci presidente del Municipio VIII e l’Assessore all’Ambiente del Municipio VIII Emiliano Antonetti. Un gesto concreto per far tornare a splendere l’area che i cittadini hanno tolto alla speculazione edilizia e reso negli anni un bellissimo giardino di quartiere. Un pranzo tutti insieme, giochi canti e poesie hanno animato la giornata.

“Migliaia di cittadini, ragazzi e volontari si sono messi insieme per prendersi cura per un giorno del verde pubblico con l’impegno di continuare nell’arco di tutto il resto dell’anno, con una grande sensibilità e voglia di partecipare –dichiara Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio.– L’integrazione, l’accoglienza, le radici comuni sono state al centro delle iniziative di questa edizione, dove ragazzi, volontari e cittadini di culture diverse hanno trovato nella cura del territorio un momento di collaborazione e azione concreta di salvaguardia dell’ambiente. Un piccolo grande passo è stato fatto per la creazione di vere barriere di difesa contro le emissioni di CO2, così indispensabili nelle aree urbane, come dimostrano le recenti tragiche
alluvioni.”

Nei prossimi giorni la Festa dell’Albero 2013 continua ancora con tanti appuntamenti: venerdì 22 novembre il Circolo Legambiente Cassino in collaborazione con il Comune e i ragazzi delle scuole, pianterà alberi e fiori per realizzare il “Giardino dei Sogni”. Sabato 23 novembre il Circolo Legambiente Ecoidea organizza una festa in piazza nel quartiere di S. Candida con giochi ed attività per bambini e adulti. Sempre sabato 23 il Circolo Legambiente Parco di Veio festeggerà l’albero presso il Parco della Pace. Domenica 24 i volontari del Circolo Legambiente Aprilia, insieme all’associazione “Senza Confini”, coinvolgeranno gli studenti per piantare ulivi nei giardini nelle scuole. Mercoledì 27 il Circolo di Ferentino, in collaborazione con il Comune, organizzerà una giornata con i ragazzi delle scuole presso il Parco Molazzete.

“L’adesione dei cittadini di Roma e del Lazio all’ormai tradizionale appuntamento con la Festa dell’Albero è stata ancora una volta straordinaria –dichiara Maria Domenica Boiano, responsabile campagne di Legambiente Lazio-. Sono stati ancora una volta soprattutto gli studenti con i loro insegnanti a dare un gran bel segnale con la loro partecipazione enorme ed entusiasta, piantando alberi per rinverdire le nostre città. Negli anni cominciano a vedersi veri e propri boschi nati con la Festa degli alberi, grazie a decine di migliaia di cittadini che nel tempo si sono rimboccati le maniche per fare un’azione concreta. È la base sulla quale costruire veri e propri progetti per l’adozione permanente di aree verdi da parte dei cittadini, una proposta sulla quale Legambiente sta lavorando in queste settimane.”

La Festa dell’Albero 2013 è organizzata nell’ambito della Giornata Nazionale degli Alberi promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Miur e Corpo Forestale dello Stato. Un’iniziativa che gode, inoltre, del patrocinio del Ministro per l’Integrazione, della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. A Roma le iniziative sono realizzate in
collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e nel Lazio con il Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia. L’iniziativa al Parco Garbatella è stata realizzata con il patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale e di Roma Capitale Municipio VIII e in collaborazione con Asinitas e Hágape 2000.
Partner tecnici: Carrera, Timberland

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , ,