Tag Archive verde

Festa dell’albero 2013 a Centocelle

Il Parco di Centocelle a Roma è il primo parco pubblico interculturale e dell’accoglienza d’Italia, piantati 30 lecci per la Festa dell’Albero

Domani 21 novembre grande ripiantumazione al Parco Garbatella dopo l’atto vandalico

Stamattina sono stati piantati 30 lecci al Parco di Centocelle per la Festa dell’Albero, dedicataquest’anno ai diritti dei migranti. Ragazzi delle scuole, cittadini del quartiere, comunitàstraniere e un gruppo di richiedenti asilo si sono dati da fare per prendersi cura del verdecollettivo, nella ‘Giornata internazionale per i Diritti dell’Infanzia’. Una giornata di inclusionesociale per dare il via al primo parco pubblico interculturale e dell’accoglienza d’Italia. Edomani si continua con una grande iniziativa al Parco Garbatella, dove verrannoripiantumati tutti gli alberi che sono stati barbaramente distrutti durante l’atto vandalico del
mese di agosto scorso. La mattinata al Parco è stata animata dal Circolo Legambiente Città Futura e dall’associazione In Migrazione con laboratori di costruzione di aquiloni con materiali riciclati realizzati secondo le tecniche tradizionali afghane e pakistane messe a disposizione di tutti dai ragazzi del Centro d’Accoglienza SPRAR di Casa Benvenuto, prove pratiche di cricket per imparare questo sport poco diffuso in Italia ma molto popolare in Pakistan, sessioni di giochi dal mondo.

Tante altre iniziative anche domani. Il Circolo Legambiente Mondi Possibili coinvolgerà i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Balsamo Crivelli di Roma, in collaborazione con la casa famiglia di San Basilio e i ragazzi Rom ospitati, per piantare un albero nel giardino nella scuola, con laboratori sulla pianta e le somiglianze con i bambini. I circoli Legambiente Sherwood e Le Perseidi con
l’Assessorato all’Ambiente del II Municipio parteciperanno, insieme alle scuole e alla cittadinanza, alla messa a dimora simbolica di un albero al Parco dei Caduti 19 luglio 1943, al Parco Virgiliano e al Parco Giochi in viale Tiziano. Inoltre alla Biblioteca Villa Leopardi si terrà una conferenza dal titolo “Alla riscoperta del verde urbano”. “Piantare alberi è un gesto semplice e importante che ha tanti significati –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Nel caso del Parco di Centocelle a Roma
Legambiente con l’associazione In Migrazione con questi alberi avvia il percorso per creare il primo parco interculturale della Capitale, in altre aree gli alberi sono fondamentali per battere i dirompenti cambiamenti climatici che stiamo vivendo con alluvioni drammatiche come quelle di queste ore, grazie alla capacità di assorbire CO2 e di limitare il dissesto dei terreni. Anche per questo è importante piantare alberi come facciamo con circoli, comitati e associazioni da ormai 19 anni.” Nel resto del Lazio, il 21 novembre il Circolo Legambiente Formello coinvolgerà i ragazzi delle scuole per la messa a dimora di 3 ciliegi e il Circolo Legambiente Castelli Romani pianterà alberi con le scuole di Castel Gandolfo. Il 22 novembre il Circolo Legambiente Fiumicino insieme al Comune pianterà, ancora una volta con il coinvolgimento degli studenti, ben 100 alberi dislocati in quattro parchi pubblici e un albero in ognuna delle 30 scuole coinvolte.

“Siamo partiti il 3 novembre da Lampedusa col primo giardino dell’accoglienza, da lì abbiamo lanciato l’idea di realizzarne in tutta Italia e tra oggi e domani se ne inaugureranno già un centinaio –dichiara Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente-. A partire da questo chiediamo interventi legislativi sull’immigrazione, perché venga riconosciuto il diritto voto e
di cittadinanza alle comunità straniere. Solo così riusciremo a coinvolgerle nell’attenzione al territorio, perché finché non verranno riconosciuti loro i diritti civili, difficilmente potranno impegnarsi in azioni importanti e concrete come la cura di un giardino o la raccolta differenziata.”

L’appuntamento per domani, giovedì 21 novembre, è dalle ore 11.45 al Parco Garbatella,
ingresso Via Rosa Raimondi Garibaldi, con una speciale anteprima alle ore 7.30 in onda con Buongiorno Regione del TGR Lazio.

Con i 300 bambini delle scuole Vivaldi, Cesare Battisti ed Alonzi, e insieme ai ragazzi rifugiati dell’associazione Asinitas e a quelli di Hàgape 2000, saranno presenti: Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente; Lorenzo Parlati, presidente Legambiente Lazio; Anna Maria Baiocco, Circolo Legambiente Garbatella; Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio; Estella
Marino, Assessore all’Ambiente di Roma Capitale; Fabio Refrigeri, Assessore all’Ambiente della Regione Lazio; Cristiana Avenali, consigliera regionale; Andrea Catarci, presidente del Municipio VIII; Emiliano Antonetti, Assessore all’Ambiente Municipio VIII.
La Festa dell’Albero è realizzata nell’ambito della Giornata Nazionale dell’Albero, promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Corpo Forestale dello Stato, con il Patrocinio del Ministero per l’Integrazione. A Roma le iniziative sono realizzate in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma e nel Lazio con il Corpo Forestale dello Stato di Sabaudia. L’iniziativa al Parco di Centocelle è stata realizzata con il patrocinio della Camera dei Deputati, del Senato della Repubblica, del Ministero per l’Integrazione, The UN Refugee Agency, Roma Capitale Assessorato ai Servizi Sociali, Roma Capitale Municipio V e in collaborazione con
Asinitas. Partner tecnici: Carrera, Timberland.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , , , ,

Metro C, Legambiente: no al taglio degli alberi di Villa Rivaldi

Villa Rivaldi, Legambiente: “No al taglio degli alberi e alla distruzione della terrazza, ridurre al minimo gli impatti di un’opera utile per Roma”
“Distruggere le alberature e la terrazza Rivaldi ai Fori Imperiali è un’operazione che può e deve essere evitata, per i container della Metro C occorre trovare immediatamente soluzioni alternative –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Non c’è nessuna ragione di buon senso per scegliere proprio quel luogo e abbattere gli alberi della villa. Non stiamo parlando di un cantiere indispensabile al buon andamento dei lavori, dell’ingresso della talpa o di scavi nelle stazioni. In questo caso, diversamente da quanto successo per Via Sannio e Via Claudia dove pure anni fa durante le conferenze dei servizi si sarebbero potute trovare soluzioni alternative, si tratta di una mera questione logistica e in quanto tale può essere trovata agevolmente una soluzione diversa per salvare lo storico giardino romano a due passi dai Fori Imperiali. Rimaniamo convinti che la Metro C sia un’infrastruttura importante per Roma che deve essere portata avanti con forza e vedere la luce nel più breve tempo possibile, ma devono essere fatti assolutamente tutti gli sforzi per evitare impatti inutili e devastanti.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , , ,

“Puliamo il Mondo 2013”: con Legambiente 11mila volontari, raccolte 40 tonnellate di immondizia, 100 iniziative in 50 comuni

“Puliamo il Mondo 2013”, Roma e Lazio più pulite e belle Con Legambiente 11mila volontari, raccolte 40 tonnellate di immondizia, 100 iniziative in 50 comuni

A Roma 40 appuntamenti, grande partecipazione di studenti di tutte le età

Roma e Lazio sono più pulite e belle dopo il passaggio degli undicimila volontari che si sono rimboccati le maniche per la ventunesima edizione di Puliamo il Mondo, la più grande campagna di
volontariato ambientale che si inserisce nell’iniziativa mondiale Clean Up The World, coordinata in Italia da Legambiente e realizzata nel Lazio grazie alla collaborazione del TGR Lazio della RAI, e nella Capitale di RomaNatura e Ama Spa, e il contributo dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma. Sono state raccolte 40 tonnellate di rifiuti nelle 100 iniziative realizzate in 50 comuni laziali, che hanno visto coinvolti più di 3.000 studenti, tante associazioni e comitati per spazzare dal degrado parchi, piazze, strade e giardini.

Nella Capitale grande pulizia del Pratone delle Valli nella Riserva Naturale Valle dell’Aniene, alla quale ha partecipato anche il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, oltre all’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino, all’Assessore all’Ambiente della  Regione Lazio Fabio Refrigeri, al presidente del Municipio Roma III Paolo Marchionne e al commissario di RomaNatura Maurizio
Gubbiotti. Decine i sacchi dell’immondizia raccolti tra bottiglie di plastica, cicche di sigarette ma anche sedie abbandonate e materassi. Grande partecipazione, grazie alla collaborazione con l’Ente Regionale RomaNatura che ha coinvolto i più piccoli in momenti di  educazione ambientale e dispensato informazioni ai cittadini. Durante la mattinata sono state realizzate vere opere d’arte assemblando in un mosaico frammenti di materiali che altrimenti sarebbero finiti nella spazzatura, sotto la guida dell’ “Occhio del Riciclone”;  Laboratorio di reinvenzione creativa a cura di RiscARTI Festival, che ha mostrato come realizzare una lampada con materiali recuperati; con la Cooperativa “Il T-Riciclo” sono stati realizzati accessori di ecomoda a partire da una bottiglia di plastica. Molte altre le iniziative che si sono svolte durante il weekend ambientalista: pulizie al Parco della Cellulosa, alla Riserva dell’Insugherata e lungo l’argine del Tevere sotto al ponte della Magliana, dune rimesse a nuovo alla spiaggia di Capocotta sul litorale romano, scout in azione a Piazza dei Decemviri, ma anche operazione nell’Ateneo di Tor Vergata, pulizia del parco a Spinaceto e bottiglie di vetro ritirate dal piazzale della stazione della metropolitana Anagnina.

“Migliaia di persone fanno un’azione concreta e importante con Puliamo il Mondo, rimettendo a nuovo parchi, piazze, giardini -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Sono cittadini che le amministrazioni devono coinvolgere con iniziative  continuative di adozione di questi spazi. C’è una grande voglia di cambiamento e occasioni come queste lo dimostrano, ora sta alle istituzioni battere con forza il sentiero giusto per una corretta gestione dei rifiuti e una maggiore attenzione al decoro delle città. A Roma e nel Lazio serve subito un programma per la differenziata porta a porta, la riduzione e il riuso per battere discariche e inceneritori.”

Tanti appuntamenti anche nel Lazio: a Cassino (Fr) il fiume Rapido è stato liberato dai rifiuti riportando in buone condizioni la flora e fauna rigogliosi nell’area del bacino principale; a Castelnuovo di Porto (Rm)giornata di pulizia, baratto ed eco-ncerto; a Fiumicino (Rm) pulizia della pineta e del litorale in zona “Coccia di Morto”; a Santa Maria delle Mole (Rm) attività dei volontari all’area archeologica dell’Appia Antica; a Manziana (Rm) pulizia del bosco di Macchiagrande; ordine nell’area giochi del quartiere San Liborio a Civitavecchia (Rm). In questa edizione, inoltre, i centri storici di Velletri e Tolfa (Rm) sono stati rimessi a nuovo dopo il passaggio dei volontari. Non sono mancati momenti di riflessione e SEnsibilizzazione a Sabaudia (Lt) con il convegno “Puliamo il mondo…dalle guerre” e a Genzano (Rm) con una giornata di informazione e dimostrazione sulla corretta raccolta dei rifiuti.

“Anche quest’anno c’è stata una gran bella partecipazione in tutta la Regione, tanti volontari contemporaneamente in 50 comuni laziali si sono rimboccati le maniche per diventare protagonisti del cambiamento – ha dichiarato Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio. Quando i cittadini si mettono insieme e scendono in campo con entusiasmo, riescono a portare a casa grandi risultati come questo.”

Erano presenti  all’iniziativa finale alla Riserva Valle dell’Aniene anche: Cristiana Avenali, consigliera Regione Lazio; Piergiorgio Benvenuti, presidente AMA SpA; Stefano Ciafani, vice presidente nazionale Legambiente; Gianna Le Donne, vice presidente Municipio Roma III; Ermete Realacci, presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati. Puliamo il Mondo è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero della Pubblica Istruzione dell’Università e della Ricerca, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall’UPI (Unione Provincie Italiane), Federparchi, Uncem (Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani), Unep (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite). Con il contributo di Snam, Coop, Federambiente e Ikea sono partner tecnici. In collaborazione con Fiseassoambiente e Anci (Associazione Comuni Italiani). La Nuova Ecologia e RDS (Radio Dimensione Suono) sono i media partner.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,

I volontari di Puliamo il Mondo tirano a lucido la Pineta di Castelfusano Marcigliana e Cellulosa

I volontari di Puliamo il Mondo tirano a lucido la Pineta di Castelfusano, Marcigliana, Cellulosa, sono decine le iniziative in parchi,  piazze, strade, giardini Continuano le attività a Roma e nel Lazio, c’è ancora in tempo per partecipare!

INFO www.legambientelazio.it
Un’altra giornata all’insegna dell’impegno e della partecipazione per spazzare via il degrado dalle nostre aree verdi con Puliamo il Mondo di Legambiente. Volontari e residenti si sono dati appuntamento per liberare dai rifiuti la pineta di Castel Fusano, in un  meraviglioso tratto del litorale romano. Laboratori didattici hanno visto impegnati adulti e bambini, i più coraggiosi si sono cimentati con il ‘Tree climbing sportivo’ a cura dell’Associazione Three Four Fun. Questo è solo uno dei parchi, grandi protagonisti di questa edizione di Puliamo il Mondo. Grazie alla collaborazione con RomaNatura, l’Ente Regionale che gestisce i parchi di Roma, sono stati rimossi i rifiuti ingombranti alla Riserva Naturale della Marcigliana ed è stato ripulito un capannone abbandonato all’interno del Parco della Cellulosa. Guanti e ramazze in azione anche al Parco della Garbatella e al Parco dei Cedri del Libano, con laboratori di riciclo dedicati ai più piccoli. I volontari a Villa Ada hanno raccolto e sgomberato l’area da materassi, motorini e persino un sacco da punching ball. Nel Lazio, a Ripi (Fr) i ragazzi della scuola media alle prese con copertoni abbandonati lungo il Fosso Meringo; a Frosinone  nell’area di piazzale Vienna speciale raccolta di rifiuti ingombranti e apparecchiature elettriche ed elettroniche; a Sora (Fr), a
seguito della pulizia del Parco Fluviale si è svolto un incontro con esperti di materiali da recupero e un’esposizione di creazioni artigianali; a Cori (Lt), pulizia del centro storico dai rifiuti, con visita guidata alla scoperta dei tesori del borgo.

“Quest’anno Puliamo il Mondo ha rivolto grande attenzione ai parchi, grazie ad una nuova collaborazione con RomaNatura, nella Capitale tante attività hanno voluto rilanciare aree amate e curate dai cittadini ma per troppo tempo dimenticate dalle istituzioni -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. I parchi sono gioielli che conservano flora, fauna, paesaggi e hanno bisogno di una nuova attenzione da parte della Regione anche in termini di risorse e pianificazione, aggiornando e migliorando le norme di tutela e valorizzazione.”

Tanti gli eventi in programma anche per la giornata di domenica 29. L’iniziativa di chiusura alla Riserva Naturale Valle dell’Aniene, con  appuntamento in Via Val d’Ala 19 per ripulire il pratone delle Valli, con attività di educazione ambientale e laboratori su riuso e riciclaggio. Volontari in azione anche a Casal Brunori per riqualificare il parco e l’area giochi al suo interno. Iniziative anche nel resto  del Lazio: a Santa Maria delle Mole (Rm) pulizia dell’Area Archeologica dell’Appia Antica, mentre a Viterbo ci sarà una raccolta di cicche all’interno del centro storico, con distribuzione di posacenere tascabili. Monte San Giovanni Campano (F) vedrà la bonifica e la pulizia delle fontane storiche dall’abbazia di Casamari lungo il fiume Amaseno e Formello (Rm) la pulizia dei cigli stradali della Formellese Nord e Sud. C’è ancora tempo per partecipare: l’elenco completo delle aree aggiornato costantemente è sul sito
web www.legambientelazio.it

Puliamo il Mondo è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero della Pubblica Istruzione dell’Università e della Ricerca, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall’UPI (Unione Provincie Italiane), Federparchi, Uncem (Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani), Unep (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite). Con il contributo di Snam, Coop, Federambiente e Ikea sono partner tecnici. In collaborazione con Fiseassoambiente e Anci (Associazione Comuni Italiani). La Nuova Ecologia e RDS (Radio Dimensione Suono) sono i media partner.

SCARICA IL PDF

Tags, , , , ,

Oltre 1.800 studenti danno il via a Puliamo il Mondo di Legambiente

Oltre 1.800 studenti danno il via a Puliamo il Mondo di Legambiente Decine le iniziative nella Capitale che vedranno protagonisti studenti e volontari. Tutti possono partecipare INFO LINE 06 8535 8051/77 e sito web www.legambientelazio.it

Nella Capitale oltre 1.800 studenti con guanti e ramazze in mano hanno dato il via al lungo weekend di Puliamo il Mondo di Legambiente, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo, organizzato nel Lazio grazie alla collaborazione del TGR Lazio della RAI, e nella Capitale di RomaNatura e Ama Spa, con il contributo dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma. I ragazzi dell’Istituto  Comprensivo Tiburtina Antica e del Liceo Plinio insieme al Circolo Legambiente “Le Perseidi”, a volontari e cittadini, hanno provveduto alla pulizia di Piazza dei Sanniti a San Lorenzo, spazio pubblico di incontro ridotto a caotico parcheggio. A Ponte Nomentano in azione gli studenti per salvare dal degrado e dall’incuria la Pineta. La grande squadra di Legambiente ha visto coinvolti anche i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Via Rugantino 91”, “Antonio Rosmini” e quelli dell’Istituto Comprensivo “Via Frignani” per pulire i giardini delle loro scuole. Sabato 28 in campo gli alunni della St. Georges School, dell’Istituto Comprensivo V.Ormea, Istituto Comprensivo Rentato Fucini, Istituto Superiore Federico Caffè e di quello in via di Pamphili.

“Una così larga partecipazione da parte di ragazzi e studenti rappresenta un’azione concreta in nome di un ambiente più pulito, un bel segnale per rendere le nostre scuole e le  nostre città Più vivibili -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Tutti possono fare qualcosa per rendere migliori gli spazi pubblici del proprio quartiere.”

Molte le iniziative anche per la giornata di sabato: appuntamento per la stampa alle ore 10:30 alla Pineta di Castel Fusano (Viale di Castel Porziano, altezza incrocio con Viale della Villa di Plinio), per riportare ordine nella meravigliosa vegetazione del litorale con momenti didattici e sportivi. Pulizia del confine interno di Villa Ada, rimozione dei rifiuti ingombranti e non solo alla Riserva Naturale della Marcigliana e al Parco della Cellulosa, in collaborazione con RomaNatura l’Ente Regionale che gestisce i parchi della Capitale; risistemazione del giardino della casa famiglia per disabili Casa Blu.

“Le istituzioni devono investire sulla manutenzione delle strutture scolastiche, troppo spesso fatiscenti e che non garantiscono ambienti di lavoro salubri e sicuri – ha dichiarato Roberto Scacchi, direttore di Legambiente Lazio-. L’esempio che ci danno questi ragazzi è importante, bisogna dare più ascolto alla voglia di fare di studenti e insegnanti.”

Legambiente continua ad invitare tutti a rimboccarsi le maniche: l’elenco completo  delle aree aggiornato costantemente è sul sito web www.legambientelazio.it . Per informarsi e aderire contattare la info line 06 8535 8051/77.

Puliamo il Mondo è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero della Pubblica Istruzione dell’Università e della Ricerca, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall’UPI (Unione  Provincie Italiane), Federparchi, Uncem (Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani), Unep (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite). Con il contributo di Snam, Coop, Federambiente e Ikea sono partner tecnici. In collaborazione con Fiseassoambiente e Anci (Associazione Comuni Italiani). La Nuova Ecologia e RDS (Radio Dimensione Suono) sono i media partner.

SCARICA IL PDF

Tags, , ,

Villa Ada, Legambiente Lazio: Ministero interrompa la procedura di rettifica del perimetro.

Villa Ada, Legambiente Lazio: Ministero interrompa la procedura di rettifica del perimetro.Doppia interrogazione Avenali in Regione e Realacci in Parlamento.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali interrompa la procedura di rettifica del perimetro di Villa Ada in senso restrittivo e ristabilisca che i confini sono quelli previsti nel decreto ministeriale vigente. Legambiente Lazio torna a puntare il dito sul vincolo
paesaggistico per i 5 ettari di Villa Ada che il Ministero vuole ridefinire escludendo così Parco Rabin dalla tutela.

Restringere il vincolo è illegittimo e cederebbe l’area di Parco Rabin nelle mani dei costruttori da tempo interessati a quella zona per la creazione del casale in Via del Canneto e del Pup di Via Panama. Le direttive in proposito parlano chiaro: l’area di Villa Ada e di Monte Antenne è stata dichiarata “di notevole interesse pubblico” dalla legge del 1939 e la discrepanza dei confini tra il decreto ministeriale e le cartografie va subito risolta facendo prevalere la norma di maggiore tutela, come l’applicazione vincolistica vuole, seguendo fedelmente il decreto originario.

Intanto sulla vicenda sono state presentate due interrogazioni, da parte di Cristiana Avenali (Per il Lazio) alla Regione Lazio e di Ermete Realacci (PD) in Parlamento. Al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e agli Assessori all’Ambiente e alle Politiche del Territorio della Regione Lazio si chiede di intervenire per ridefinire i confini del parco come la Regione aveva già fatto nel 1954 stabilendo la totale legalità del vincolo e di verificare presso le Soprintendenze di Roma e del Lazio lo stato degli uffici e le procedure autorizzative fin qui adottate. Nel testo delle due interrogazioni si ribadisce la presenza del vincolo sul comprensorio di Villa Ada e Monte Antenne e l’inclusione di Parco Rabin nei confini del Parco secondo il decreto ministeriale.

“Chiediamo al Ministero per le Attività Culturali l’interruzione immediata della procedura di rettifica del perimetro a discapito del verde pubblico e protetto di Villa Ada – ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Non si può abbassare la guardia sulla tutela di una delle ville storiche di Roma e sulla meravigliosa vegetazione arborea di Parco Rabin universalmente riconosciuta.”

SCARICA IL PDF

Tags, , , , , ,